Palinsesti RAI



14
giugno

ELISA ISOARDI A UNOMATTINA. LA CONDUTTRICE A DM: ‘ATTENDO L’UFFICIALITA’ DALLA RAI’

Elisa Isoardi

“E’ ciò che risulta anche a me e sarei felice di essere al timone di Uno Mattina. Aspetto però l’ufficialità dalla RAI”.

Commenta così Elisa Isoardi a davidemaggio.it il suo approdo a Uno Mattina, contenitore della rete ammiraglia della tv di Stato che dal prossimo settembre vedrà, dopo svariati anni, un cambio alla conduzione: non più Eleonora Daniele e Michele Cucuzza ma una coppia fresca di ‘conio’; quella formata dall’ex padrona di casa di Linea Verde e il giornalista Franco Di Mare.

Che bollisse qualcosa in pentola per la conduttrice cuneese, già ‘grazia di Del Noce’ e tanto cara al vice DG Marano, era facilmente intuibile dal progetto (poi non realizzatosi) della conduzione della versione estiva di Uno Mattina Week End, poi affidato a Ingrid Muccitelli e Gianni Milano.




14
giugno

CORRADO GUZZANTI RITORNA IN RAI? RUFFINI L’HA GIA’ MESSO IN PALINSESTO

Corrado Guzzanti

Il ritorno del figliol prodigo, anzi prodigio. Alla fine mamma Rai accoglie tutti (o quasi) e da settembre, udite udite, aprirà le porte anche al grande mattatore Corrado Guzzanti. Sembra proprio che nella prossima stagione televisiva ci sarà anche lui. Per l’attore sarebbe un ‘rimpatrio’ importante e atteso da tempo, l’occasione per offrire al pubblico ‘generalista’ quella sferzata di satira graffiante e bipartisan che è il suo marchio di fabbrica. Il grande ritorno dovrebbe avvenire su Rai3 e articolarsi in un progetto di  quattro prime serate ancora da fissare sul calendario. Ad anticiparlo è il quotidiano Libero.

L’impresa di riportare Guzzanti in Rai sembra sia stata voluta e guidata in primis da Paolo Ruffini, che ha già inserito il nuovo programma nei discussi palinsesti autunnali. Per vedere siglato il contratto, l’artista dovrà sopportare i tempi biblici di Viale Mazzini e aspettare quindi qualche settimana. Contro l’eventualità che il Consiglio d’Amministrazione ostacoli il ritorno del mattatore, il responsabile della terza rete avrebbe intenzione di ridurre al minimo indispensabile i costi di produzione (sotto del milione e mezzo di euro, secondo Libero) in modo da dribblare il Cda e le sue insidie mortali.

Al momento, dunque, c’è tutta l’intenzione di mandare il comico in prima serata sulla tv pubblica ma manca l’ufficialità. E il passaggio dalla carta allo schermo, come noto, è sempre piuttosto delicato in Rai. Il desiderio di acchiappare Corrado la mina vagante l’aveva espresso, di recente, anche Carlo Freccero. Il direttore di Rai4, in particolare, in un’intervista a La7 aveva dichiarato di “voler lavorare con Sabina e Corrado Guzzanti” e di aver inoltrato la proposta, in attesa di ricevere il budget necessario a realizzare un progetto di quel tipo.


13
giugno

BOOM! CUCCARINI FUORI. CATERINA BALIVO AL TIMONE DELLA DOMENICA DI RAI1

Caterina Balivo

E’ una notizia last minute che pesa come un macigno. Soprattutto se poco prima si era affermato il contrario. Lorella Cuccarini sarebbe fuori dalla Domenica In di Rai1 e al suo posto sarebbe stata scelta Caterina Balivo, orfana del Pomeriggio di Rai 2 affidato a Milo Infante e Lorena Bianchetti con una nuova linea editoriale (info qui).

Alla sostituzione di Lorella Cuccarini c’è un perchè. Sembra che il direttore generale Lorenza Lei abbia fatto votare, nella riunione del CdA di questa mattina, il programma e NON il conduttore. Per questo motivo si sarebbe poi optato -in un secondo momento- per la sostituzione di Lorella Cuccarini con Caterina Balivo, pur avendo già tutti (o quasi) annunciato la riconferma della prima.

Il programma, come DM anticipato, passerebbe sotto testata giornalistica ‘Vita in Diretta’.





13
giugno

RAI: APPROVATI I PALINSESTI DELL’AUTUNNO 2011. FUORI LA BALIVO DA POMERIGGIO SUL 2

Lorenza Lei, Direttore Generale RAI

(ANSA) – Il consiglio di amministrazione Rai ha approvato i palinsesti autunnali. Secondo quanto si apprende, hanno votato a favore otto consiglieri. Unico astenuto il consigliere Antonio Verro. Non ci sarebbero variazioni nei palinsesti precedentemente discussi. In particolare sarebbero confermati tutti i programmi di Rai3.

(ANSA) – “Non sono i palinsesti che auspicavamo ma ci sono alcuni elementi da sviluppare per restituire alla programmazione della Rai la sua connotazione di servizio pubblico”. Così il consigliere Rodolfo De Laurentiis motiva il suo sì ai palinsesti televisivi, votati oggi dal Cda. “Prendiamo atto – spiega – della volontà del direttore generale di risolvere le questioni in sospeso per la messa in onda dei programmi, non solo quelli di Rai3 ma di tutte le reti. Rimandare ancora, seppur per ottenere maggiori certezze su contenuti e progetti avrebbe provocato pesanti effetti da un punto di vista economico, che la Rai non può permettersi”. De Laurentiis rivendica di aver ottenuto “un risultato importante: che il magazine del pomeriggio sulla seconda rete si trasformi in un programma su famiglia e valori”. “Basta con il gossip e la tv del dolore solo per fare audience – dice il consigliere – c’é sempre più necessità di spazi che puntino l’attenzione sui problemi dei ragazzi, delle giovani coppie con la proposta di modelli positivi e un linguaggio in linea con le profonde trasformazioni in atto nella società italiana”.

FUORI LA BALIVO DA POMERIGGIO SUL 2 – Come avrete letto nell’ANSA riportata in questo articolo, il pomeriggio di Rai2 è destinato a cambiare nei contenuti e, forse, anche nel titolo (Magazine sul 2?). Unica certezza sembrano i conduttori: Milo Infante e Lorena Bianchetti. Fuori l’ex padrona di casa Caterina Balivo.

CUCCARINI SOSTITUITA DA BALIVO - Maggiori info qui

SECONDA SERATA RAI2 – Per il mercoledi e il giovedi, in seconda serata su Rai2, pare siano stati approvati un programma sulla politica internazionale ed uno sull’economia a cura del Tg2.

Seguiranno aggiornamenti nei prossimi post.


9
giugno

SANTORO A LA7? E’ GIA’ L’INCUBO DI BERLUSCONI

Michele Santoro

Manco fosse su Scherzi a parte. In questo periodo a Berlusconi ne capitano di tutti i colori. Prima la batosta elettorale, conseguenza di una improvvida campagna mediatica Silviocentrica, e ora l’effetto boomerang originato dal divorzio tra Michele Santoro e la Rai. Gli incubi non vengono mai soli e, se tanto gli dà tanto, stavolta il Cav vince la tombola della sfiga. Ad occhi distratti l’azzeramento di Annozero e l’allontanamento del suo conduttore dagli schermi pubblici potevano sembrare vittorie per il premier, da sempre intenzionato a far fuori l’indomabile giornalista. Sbagliato: dopo la “separazione consensuale” da Viale Mazzini, l’arcangelo Michele ha le ali sciolte e potrà svolazzare indisturbato negli alti cieli della faziosità.

Ora infatti Berlusconi sembra preoccupato dell’eventualità che Santoro decida di approdare a La7, dove avrebbe carta bianca e diventerebbe il volto di punta di un terzo polo televisivo lanciato verso il 15% di share. Tutti ascoltatori che la tv di Telecom, con il teletribuno in testa, rosicchierebbe a Rai e Mediaset. Un autogol per il Cavaliere e per le emittenti del suo gruppo. Nel tentativo di evitare il peggio, si dice che in queste ore ci sia un’intesa attività di pressing su Telecom Italia Media da parte di Mediaset e di uomini vicini al governo. Lo rivela l’Unità, secondo la quale sarebbe in corso un ultimo tentativo di frenare la firma del contratto sul futuro professionale di Santoro.

Il piano sarebbe quello di lasciare il conduttore al palo ma ormai sembra davvero impossibile che si possa fermare un treno in corsa. Anzi, è molto più probabile che stasera il ‘frecciarossa’ Santoro sciolga ogni indugio e comunichi in diretta ad Annozero la sua prossima destinazione lavorativa. Allora i giochi saranno già fatti, e a Berlusconi non resterà che incassare il colpo. Intanto in Rai c’è grande fermento per l’approvazione finale dei palinsesti autunnali che – come saprete – è appena saltata. A riguardo, sembra che i discussi programmi di punta di Rai3 – in via teorica – siano stati confermati e che a Fabio Fazio sia stata nuovamente concessa la prima serata del lunedì, quella con Saviano e Vieni via con me.





9
giugno

BOOM! RAI: PATATRAC, NESSUN PALINSESTO APPROVATO!

RAI: nessun palinsesto approvato

Patatrac. Ci giungono notizie live da Viale Mazzini. Pare che la situazione sia sfuggita di mano e nessun palinsesto sia stato approvato.

Sembra che la Direzione Generale sia in serie difficoltà. Stando all’ANSA, infatti, è saltato il consiglio di amministrazione Rai che avrebbe dovuto approvare i palinsesti autunnali. Secondo quanto si apprende, i cinque consiglieri di maggioranza non si sarebbero presentati alla riunione. In particolare il consigliere Antonio Verro avrebbe chiesto un rinvio della discussione a lunedì prossimo. Rinvio che non sarebbe stato concesso.


9
giugno

BOOM! DOMENICA IN ONDA SOTTO TESTATA GIORNALISTICA ‘VITA IN DIRETTA’. LA CUCCARINI SI DA’ ALLA CRONACA?

Lorella Cuccarini

Che fosse nell’aria l’approdo del celebre contenitore del pomeriggio di Rai1 alla domenica, lo sapevamo già. Che, però, si stia decidendo di far passare sotto testata giornalistica ‘Vita in Diretta’ la Domenica In… Onda di Lorella Cuccarini è una notizia che giunge del tutto inaspettata.

Sembra, infatti, che il programma dell’ex più amata dagli italiani, in via di riconferma proprio questa matttina dopo le vicissitudini dei giorni scorsi, passerà sotto l’egida di Daniel Toaff e delle sua struttura, con l’implicita conseguenza che la Cuccarini dovrà gioco-forza strizzare un po’ di più l’occhio alla cronaca.

Il tutto, chiaramente, a meno di colpi di scena dell’ultimo minuto. Sino a qualche giorno fa, d’altronde, la Cuccarini era già bella e cancellata. E’ la Rai bellezza!


6
giugno

BOOM! RAI: BLOCCATA LA CONFERENZA STAMPA DI SANTORO ALL’INTERNO DELL’AZIENDA?

Michele Santoro

E’ ancora prevista per domani mattina alle 11 la conferenza stampa di Michele Santoro nello studio 3 di Via Teulada. Indiscrezioni giunte a DM, però parlano di un veto posto dalla Direzione Generale della TV di Stato affinchè l’incontro con i giornalisti si tenga all’interno degli studi RAI.

Se, infatti, le motivazioni ufficiali della conferenza risiedono nella chiusura della stagione di Anno Zero, è pacifico che l’occasione sia assolutamente ghiotta per discutere con Michele Santoro della ’separazione consensuale’ con Mamma Rai e del suo probabile approdo a La7.

Non solo. Quale migliore opportunità, infatti, per fare quattro chiacchiere con Massimo Liofredi, uno dei ‘furiosi’ Direttori di rete (Lettera43.it parla già di possibili vie legali che potrebbero essere adite da questi ultimi nei confronti dell’azienda di Viale Mazzini) all’indomani della riunione di fuoco di quest’oggi e a 24 ore dalla seduta del CdA per l’approvazione definitiva dei palinsesti per l’autunno 2011?

I maligni sostengono che potrebbe essere proprio questa la reale motivazione in base alla quale si starebbe cercando di portare lontano dalla sede di Via Teulada Michele Santoro e i giornalisti chiamati a raduno alle 11 di domani. Riuscirà a spuntarla Santoro o l’avrà vinta Lei?