Mike Bongiorno



12
settembre

DM LIVE24: 12 SETTEMBRE 2009 [CIAO MIKE!]

Non abbiamo un repertorio corposissimo per la nostra DM TV ma fortunatamente siamo riusciti a trovare una breve intervista che Mike ci rilasciò un paio di anni fa in occasione della sua conduzione di Miss Italia. Riascoltandola, abbiamo estratto un paio d battute che ci sono sembrate profetiche e che ci lasciano un insegnamento: Mike non ha dubbi, bisogna partire dalla gavetta. E noi lo ricorderemo.

>>> Appuntamenti LIVE del giorno

Dalle 9.30 potrete lasciare in questo post, proprio durante la celebrazione dei solenni funerali di Stato, un vostro pensiero per Mike. DM si preoccuperà di inviare alla Famiglia il vostro ricordo del Re del Quiz.

>>> Dal Diario di ieri…

  • Ricordate a Marco Senise che il nostro contatore non s’è fermato

Fabio Morasca ha scritto alle 12:29

Oggi a Forum, Marco Senise ha citato il contatore di DM riguardante Mike Bongiorno: “Ho letto su Internet che Bongiorno è stato in video 55anni, 8mesi e 8… minuti!”. Ecco, ricordategli che non siamo riusciti a fermarlo e il tempo esatto è 55anni, 8mesi e 5giorni (e non minuti).

  • Promo Bislacco

Andrea Landi (aka Sanjai) ha scritto alle 11:58

E’ passato un promo di Domenica Cinque poco fa e il programma viene dato in partenza per domenica prossima.

  • Porno Forum

Eugenio Viterbo ha scritto alle 14:15

“Io e la mia amica abbiamo aperto la sua porta di casa e ci siamo trovati di fronte una scena raccapricciante: i nostri mariti inisieme”.

  • BOOM per The Vampire Diaries

iLollo ha scritto alle 18:22

Segnalo che ieri sera in America è partita la serie “The Vampire Diaries” con ascolti BOOM oltre ogni aspettativa: 4.8 milioni hanno seguito il primo episodio, portando The CW terza rete della serata (insieme a Supernatural, cresciuto a 3.4 milioni) superando colossi come ABC e FOX! è un evento unico per questa rete!




9
settembre

LA NOSTRA IDEA: E SE VIALE EUROPA A COLOGNO MONZESE DIVENTASSE VIALE MIKE BONGIORNO?

Mike Bongiorno - Viale Europa, Cologno Monzese

La nostra lettrice paolaok ha pensato bene di aprire un gruppo su Facebook per portare avanti l’iniziativa. Potete iscrivervi qui.

Quella di ieri, è una di quelle notizie che credevi non sarebbero mai arrivate: “è morto Mike Bongiorno“.

Quando siamo stati informati della notizia eravamo increduli ed abbiamo pensato, e sperato, ad uno scherzo di pessimo gusto. Ma purtroppo i monitor di SkyTg24 posizionati nei nostri uffici e nelle nostre case ci disilludevano.

E così se n’è andato un pezzo della nostra televisione che dopo il rammarico per il mancato rinnovo del contratto con Mediaset e per la mancata telefonata di Silvio Berlusconi, aveva ritrovato tutto il suo entusiasmo per la nuova avventura con il “Rischiatutto” di Sky, che lo avrebbe da qui a breve visto nuovamente protagonista, pioniere di una nuova era, ancora una volta. E Mike era felice, come abbiamo appreso da fonti vicine al presentatore. In molti avranno pensato che Mike fosse vecchio, che non avesse nulla di cui lamentarsi, che dovesse andare in pensione e lasciare spazio ai giovani godendosi i propri soldi e vivendo tranquillo, senza l’ansia e la smania di apparire e la paura di essere dimenticato. Ma era necessario trattarlo con maggiore rispetto, perché senza Mike non ci sarebbe la televisione, tanto più quella commerciale e probabilmente non ci sarebbe nemmeno un pezzo della storia di questo Paese.


8
settembre

MIKE BONGIORNO, LE VARIAZIONI DELLE PROGRAMMAZIONI DEI BROADCASTER PER RICORDARE IL PAPA’ DELLA TV

Mike Bongiorno (Che Tempo che Fa)

  • Canale5, ore 16.30: Pomeriggio Cinque

Il contenitore pomeridiano di Barbara D’Urso dedicherà tutta la prima parte alla scomparsa di Mike Bongiorno;

  • RaiTre, ore 18.10: Che Tempo Che Fa

Raitre ricorda stasera Mike Bongiorno riproponendo alle 18.10 la puntata speciale di “Che Tempo Che Fa” a lui dedicata. Il programma, condotto da Fabio Fazio, è andato in onda il 29 dicembre 2007. In quella serata i due ripercorsero insieme la storia della tv, parlando degli oltre 50 anni di carriera che hanno reso Mike Bongiorno uno dei più grandi conduttori tv di tutti i tempi;

  • Raiuno, ore 20.30: Supervarietà

Puntata speciale dedicata a Mike del programma di Paolo De Andreis;

  • La7, ore 20.30: Le Invasioni Barbariche

L’emittente ripropone il faccia a faccia con Daria Bignardi in occasione della presentazione della sua autobiografia “La versione di Mike”;

  • SkyUno, dalle 21: Omaggio a Mike

Speciale, diviso in tre blocchi, dedicato a Mike Bongiorno;

Scopri il resto della programmazione:





8
settembre

ADDIO MIKE: I PRIMI MESSAGGI DI CORDOGLIO DAI BIG DELLA POLITICA E DELLA TV

Berlusconi Mike Bongiorno Messaggi di Cordoglio

Era un amico, con lui scompare un grande protagonista della tv italiana”: la notizia della morte di Mike Bongiorno a Montecarlo ha letteralmente sconvolto il Paese, primo fra tutti Silvio Berlusconi che deve le sue fortune imprenditoriali anche al re del quiz, che credette nella scommessa della tv privata quando ancora per tutti esisteva solo la Rai. “Mamma mia, ma è proprio vero?”, ha detto commosso il premier ai giornalisti che lo hanno intervistato a caldo fuori dal Salone del Tessile di Milano; “L’ho sentito una settimana fa al telefono e gli avevo detto che negli spot l’avevo trovato in forma spettacolare. Mi spiace molto anche perché aveva un grande sogno che era diventare senatore a vita, l’unico traguardo che non ha mai raggiunto, ha poi aggiunto in diretta telefonica con Barbara D’Urso. Il presidente del Consiglio ha infine voluto sottolineare l’opera di unificazione linguistica compiuta dai programmi di Mike in quell’Italia post bellica ad ancora alto tasso dialettale.

Per il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano è stato “uno straordinario esempio di laboriosità” mentre per Walter Veltroni “è morto un uomo intelligente, gentile e con una dote rara come il senso dell’umorismo”. Colpito dalla morte del presentatore anche il leader dell’opposizione Dario Franceschini che ricorda come il giovane Bongiorno avesse messo a rischio la sua vita, incarcerato dai nazisti a San Vittore, “per amore della libertà”. Il presidente del Senato Renato Schifani ha voluto rammentare “l’atteggiamento garbato, quella misurata familiarità con cui sapeva entrare nelle case e nei cuori degli italiani”, mentre l’onorevole Massimo Dalema ha detto “A lui mi sono sentito in questi anni legato in un rapporto di affettuosa simpatia”. Per il presidente della Camera, Gianfranco Fini, Mike Bongiorno è stato “un simbolo positivo”, per Pierferdinando Casini “un gentiluomo e un uomo libero”.

Ovviamente tutto il mondo dello spettacolo in queste ore sta rilasciando messaggi di cordoglio. Pippo Baudo ha parlato di Mike Bongiorno come di un punto di riferimento: “Quest’anno festeggio i 50 anni di tv e avevo pensato a una serata con Mike, perché non avrebbe avuto alcun senso festeggiare la mia carriera senza di lui”; per Maurizio Costanzo era l’essenza della tv; Fabio Fazio, che l’aveva intervistato lo scorso gennaio, l’ha definito ” ‘La televisione’, uno di quelli che se non ci fossero stati si avvertirebbe la differenza”; “E’ sempre stato se stesso” per Paolo Bonolis, “In realtà non è morto, continua a vivere” per Piero Chiambretti.


8
settembre

SI E’ SPENTA LA TELEVISIONE: MIKE BONGIORNO CI HA INSEGNATO L’ALLEGRIA. ECCO LA SUA BIOGRAFIA

Mike Bongiorno morte

55 anni, 8 mesi, e 5 giorni: il contatore da sempre presente sul nostro blog si fermerà a queste cifre, ricordandoci quanto tempo Mike Bongiorno è stato nel piccolo schermo, percorrendolo in lungo e in largo, cambiandolo e segnandolo per sempre, da Rai a Mediaset, da precursore e fondatore, da innovatore e garante di una tv che non si potesse mai dire volgare. 55 anni, 8 mesi e 5 giorni, un tempo che ha dato modo a tutti di percepire la sua presenza come di famiglia, un tempo che ha dato modo a tutti di pensare che fin quando la tv fosse rimasta accesa, Mike sarebbe stato lì, pronto ancora una volta a redarguire in modo paterno la valletta di turno, ad elencare le possibili risposte per una domanda, a salutare l’italia intera augurando un’allegria che nessun altro potrà mai ereditare

E’ difficile affermare che Mike Bongiorno fosse un simbolo della televisione italiana, perchè mai come in questi casi la parola simbolo appare debole nel suo significato. Difficile parlare di icona, mito o qualsiasi altra definizione che non rischi di sminuire le gesta del buon Mike.

Michael Nicholas Salvatore Bongiorno era per tutti la televisione, il quiz, il volto degli Italiani, proprio lui che Italiano lo è diventato nel 2003, nonostante fosse per questo popolo di teledipendenti il più Italico dei conduttori. Nel Belpaese, come nel mondo, Mike è stato colui che ha anticipato i tempi, portando alla Rai Lascia o Raddoppia, versione nostrana di The 64.000 $ Question; nessuno allora sapeva che cosa potesse significare l’adattamento di un format. Mike semplicemente lo fece, regalando al pubblico i primi appuntamenti fissi di fronte allo schermo, elargendo cultura, intrattenimento ed educazione.

Ripercorrere la storia di Mike sembra impresa impossibile, perchè la storia di un uomo in questo caso corrisponde con la storia di un mezzo, quel mezzo di comunicazione di cui aveva intuito forza e potere, e del quale si è servito allo scopo di creare un vero e proprio rapporto di fiducia con la gente. E così con lui muore quel garbo e quel savoir fair sempre più tipici di una televisione in estinzione, con lui se ne vanno i consigli per gli acquisti, le simpatiche gaffe, la ritualità di una televisione fatta con metodo e attenzione. Con Mike se ne va l’allegria, quell’allegria che ha insegnato al suo pubblico dopo anni e anni in cui questa semplice e banale parola è divenuta il suo saluto, il suo marchio e il suo congedo.

La biografia del conduttore dopo il salto:





8
settembre

E’ MORTO MIKE BONGIORNO

Mike Bongiorno morto

E’ morto Mike Bongiorno

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,


10
agosto

BRAVO BRAVISSIMO: E SE MEDIASET RISPONDESSE A “TI LASCIO UNA CANZONE” CON IL CAPOSTIPITE DEI BABY-TALENT?

Bravo Bravissimo - Ti Lascio una Canzone

Bambini, angioletti, pargoli o se preferite mocciosi e piccole pesti. Non fatene una questione semantica, sappiate solo che saranno proprio loro, “i non ancora adulti”, i protagonisti di rilievo della prossima stagione televisiva. E dire che dopo la fine di Genius, quiz quotidiano condotto da Mike Bongiorno, di loro in tv se ne erano perse le tracce; fin quando non ci ha pensato il buon Roberto Cenci, coadiuvato dall’ex signora delle tagliatelle, Antonellona Clerici, a riportarli in auge con lo strepitoso successo di Ti lascio una canzone.

Un successo del genere non poteva non provocare reazioni in casa Mediaset, prontamente adoperatasi per arginare la concorrenza e sfruttare il trend rispolverando un vecchio cavallo di battaglia, Chi ha incastrato Peter Pan?, e testando un nuovo access per Italia1 (Da 8 a 80), che potrebbe veder presto gareggiare nonni e nipoti. Eppure, in quel di Cologno, avrebbero potuto osare di più: agendo sullo stesso campo di Ti lascio una Canzone, ben avrebbero potuto puntare sul capostipite dei programmi per bambini di talento, alias Bravo Bravissimo.

La trasmissione condotta con successo da Mike Bongiorno dal 1990 al 2002, prima su Canale 5 poi su Rete 4, avrebbe tutte le carte in regola per rientrare, in grande stile, nel palinsesto dell’ammiraglia del Biscione. Chiaramente, condicio sine qua non per la riproposizione dello show sarebbe un restyling a 360 gradi, modulato proprio sulle caratteristiche del competitor di Raiuno. Al bando, dunque, le atmosfere cupe e l’istituzionalità che avevano connotato lo show nelle passate edizioni ma spazio ad un clima spensierato, in perfetta sintonia con l’allegria tipica dei bambini/concorrenti, che stemperi la ”mostruosità” del talento dei protagonisti. Il programma necessiterebbe, pertanto, di una conduzione calda, familiare e informale, con buona pace dell’ex mattatore Bongiorno, inadatto in siffatto contesto. Conduzione familiare che a Canale 5 ha, per il momento, un solo volto: quello di Barbara D’Urso


5
giugno

BREVEMENTE: ARGOMENTI ED OSPITI DEI PRINCIPALI PROGRAMMI DEL 5 GIUGNO 2009

Mike Bongiorno
Brevemente

  • E.R.: alle 21.05 su Raidue

George Clooney torna a “E.R. – Medici in prima linea” in un episodio speciale che rappresenterà l’occasione per rivedere una star di Hollywood come Clooney nei panni del dottor Doug Ross, il pediatra del Pronto Soccorso più famoso della televisione. Quest’episodio, che riporta Clooney nel cast del telefilm, è stato concepito, scritto e realizzato in maniera molto speciale, e vede la partecipazione straordinaria di un’altra grande star come Susan Sarandon nei panni di una nonna, a cui viene investito il nipotino, e deve decidere se dare il consenso alla donazione degli organi, dopo l’accertamento della morte cerebrale del ragazzino. Si tratta di una sofferta decisione dalla quale dipendono le sorti di una bimba che, in ospedale, è in attesa di un cuore nuovo. Ci sarà anche Julianna Margulies, l’infermiera Carol Hathaway, il grande amore di Ross-Clooney. In questo speciale episodio si riaffaccia anche del dottor Carter (Noah Wyle). Il medico ha una grave disfunzione e solo un rene nuovo potrà salvargli la vita, e si ritrova ad essere operato per caso da un vecchio amico, il dottor Benton (Eriq La Salle), ma in sala operatoria, in momenti di alta tensione, qualcosa pare andare storto… [Per ulteriori info sull'ultima stagione di E.R. clicca qui]

Ospiti del dodicesimo appuntamento con L’Era Glaciale saranno Mike Bongiorno, Ferdi Berisa il vincitore dell’ultima edizione del Grande Fratello e Marina Cicogna, produttrice cinematografica e esponente di spicco del bel mondo internazionale durante gli anni d’oro del cinema italiano, in questi giorni a Roma con un’esposizione fotografica.

  • Home – La Nostra Terra: in seconda serata su Rete4

Il film documentario per salvare il Mondo a cura di Luc Besson. In uscita planetaria e in contemporanea in 87 Paesi.

La cantante Marina Rei sarà l’ospite del salotto di Serena Dandini.