Massimo Ceccherini



19
ottobre

L’ISOLA DEI BESTEMMIATORI SQUALIFICATI

Massimo Ceccherini @ Davide Maggio .it

Continuo a chiedermi come mai riesca ancora a suscitare stupore l’allontanamento dal video di un personaggio per il fatto d’esser “reo” d’aver pronunciato una bestemmia in pubblico.

Pensavo che episodi eccellenti come quelli accaduti a Mastelloni, Roberto da Crema, Guido del GF & Co c’avessero abituato a queste situazioni di bigottismo intrinseco di una TV che, pur tollerando situazioni di gran lunga più deplorevoli, di fronte a frasi come quelle pronunciate da Massimo Ceccherini, non può, anzi non deve rimanere inerte.

In un paese in cui una censura ufficiale non esiste, la bestemmia fa ergere direttori di rete e produttori a giudici censuratori che, in questa maniera, riescono a incidere su un diritto personalissimo di ogni cittadino, quello inerente la libertà religiosa. 

In uno stato laico, non è accettabile!

Badate bene, chi Vi scrive, oltre ad essere cattolico, prova una sorta di epidermico fastidio nei confronti di chi utilizza un vocabolario come quello “sfoggiato” nella scorsa puntata dell’Isola dei Famosi dal naufrago espulso ma, non per questo, è pronto a crocifiggere una persona per il sol fatto d’aver bestemmiato.

Mai come in questo caso, avrei ritenuto equo e giusto il ricorso ad uno strumento che si propone d’essere espressione di una democrazia televisiva diretta, il televoto.

Gli spettatori, in questo modo, avrebbero avuto la possibilità di giudicare (e forse sanzionare) un comportamento poco gradito senza dover subire passivamente, per l’ennesima volta, le scelte di coloro che si fanno interpreti, molto spesso sbagliando, dei gusti, delle abitudini e delle tendenze di chi la televisione la guarda.

Sarebbe stato di sicuro responsabile rimettere al pubblico la decisione della questione e, allo stesso tempo, un eventuale esclusione avrebbe sortito sicuramente maggiore  effetto sul blasfemo concorrente.   

Detto questo Vi lascio al video della tanto discussa bestemmia in attesa di ritornare a parlare dell’Isola. Questa volta, però, per una situazione ben diversa che è sfuggita ai più.

Buona Visione


Dai commenti…

Mary scrive :

Stato laico sì, ma pare che la Rai non lo sia. E nemmeno Mediaset, in passato. E allora la mia proposta per il cast dei nuovi concorrenti è l’inserimento di persone stimate come:

Suor Germana, Don Mazzi, Cardinal Ruini, Claudia Koll ( ora è stata beatificata ), Padre Fedele, Frate Indovino. I collegamenti anziché con i Parenti li faranno con la Santa Sede e il vantaggio sarà che ovunque potremo seguire le gesta dei nostri eroi su Radio Maria.

I telespettatori avranno uno sconto sui loro peccati se televoteranno.




5
ottobre

L’ISOLA DEI SALACI SCORRETTI

Isola dei Famosi @ Davide Maggio .it

Credo che, questa mattina, siano d’obbligo alcune riflessioni sulla scorsa puntata de L’Isola dei Famosi.

Non è mia intenzione fare una trash-cronaca completa di quanto accaduto nella puntata moooolto calda, come presumevo, del reality della Ventura.

Vorrei prendere spunto da un momento particolarmente movimentato della trasmissione che la dice lunga sul tipo di conduzione della Ventura e, di riflesso, sul personaggio Simona Ventura.

Questo… 

[Per il video, clicca qui]

Ora, io non ho mai nascosto una simpatia nei confronti della Ventura che, seppur poco poliedrica, ha delle caratteristiche che, a mio parere, devono essere proprie di un bravo conduttore proprio per poter essere definito tale.

A dirla tutta, sarebbe il caso di passare l’imperfetto : Simona Ventura aveva delle caratteristiche che, a mio parere, devono essere proprie di un bravo conduttore, per essere tale.

Il carisma, la simpatia e l’euforia della regina dei reality, ben presto esasperate, hanno, a mio parere, trasformato una delle più gradevoli conduttrici nostrane in un personaggio fazioso, presuntuosoarrogante, a tratti insofferente e… “rumoroso“.

Una cornice che mette di sicuro in secondo piano la preparazione di Simona.

A segnare il “passaggio all’eccesso” sono stati, quanto meno televisivamente e secondo una mia personalissima idea, i successi degli ultimissimi anni che l’hanno resa un personaggio potente.

Sono del parere che la Radio Televisione Italiana mai avrebbe accettato da altri conduttori (meno potenti) una conduzione come quella che caratterizza, da un paio d’anni a questa parte, l’Isola dei Famosi, dominata da un’assoluta libertà di espressione e da toni eccessivi, per l’appunto, che normalmente non trovano spazio nella tv di Stato.

Nel caso specifico, ieri sera, abbiamo assistito alla manifestazione completa dell’eccesso di cui sopra con la lite tra Domiziana Giordano, la madre di quest’ultima e la conduttrice (per maggiori dettagli sui motivi dell’epico scontro, oltre al video, Vi suggerisco di dare un’occhiata ai link inseriti a fine post).

Al centro delle polemiche gli atteggiamenti di Massimo Ceccherini, difeso a spada tratta (e soprattutto aprioristicamente) dalla Ventura e accusato (se vogliamo anche pesantemente) dalla Giordano.

Per quanto, però, quest’ultima sia un personaggio decisamente particolare, tanto che definirla sui generis sarebbe di sicuro un eufemismo, questo non autorizza la Ventura ad imporre sempre e a tutti i costi la propria volontà dispensando lezioni di vita ed ergendosi a giudice naturale di qualsivoglia comportamento passi sotto i Suoi occhi.

La simpatia della conduttrice per Ceccherini era nota ai più sin dalla prima puntata ma, di fronte alle gravi dichiarazioni della naufraga rinunciataria, avrei evitato di colpevolizzarla così spudoratamente (da ricorrere addirittura, ad una sorta di sceneggiata napoletana) in favore di un apertura al dialogo che, nonostante sia tanto predicata dalla stessa Ventura, è, nella realtà, solo un miraggio.

Avrei evitato, ancor di più, di dire ad una signora di una certa età (la mamma della Giordano) –> “Non mi fate proprio paura se mi venite vicino perchè io le mazzate le so dare“, cosa che ha rappresentato, di sicuro, il momento più “basso” di tutto il programma.

La verità è che, “toccando” Ceccherini, l’ “artista di concetto” non ha “toccato” soltanto il “topolino” della Ventura (come la showgirl stessa definisce il Cecche) ma il punto di forza di un’isola che, comunque, non riesce a raggiungere i favolosi risultati della scorsa edizione. Trattandosi poi di dichiarazioni abbastanza pesanti, qualora corrispondenti a verità, metterebbero davvero a rischio la permanenza in gioco del naufrago. Sono state, infatti, in passato, difficilmente tollerate la violenza (la Domiziano parla di vera e propria aggressione fisica) e le bestemmie (che secondo la Giordano, Kris & Kris e la Lessa sarebbero il “fiore all’occhiello” del linguaggio del comico toscano).

Che non abbia ragione la mamma di Dominiziana definendo Simona Ventura una sagace scorretta?

In attesa di sapere come la pensiate al riguardo, una cosa è certa : quanto accaduto avrà pure “remunerato” in termini di ascolti (ormai conosciamo bene le feroci leggi dell’auditel) ma, di certo, non avrà ripagato in eleganza e stile.

Nella blogosfera c’è una nutrita blogografia. Per maggiori dettagli sull’accaduto, consiglio :

Se, invece, desideri leggere gli altri post di questo blog su L’Isola dei Famosi, clicca qui