Mario Orfeo



26
marzo

Tg1, Beppe Grillo accusa: Virginia Raggi è stata censurata. Fico (Vigilanza Rai): dimissioni subito!

Virginia Raggi

Beppe Grillo non usa giri di parole e accusa il Tg1 di censura. Il leader del M5s fa sapere che ieri il notiziario della rete ammiraglia Rai ha tagliato l’intervento pronunciato da Virginia Raggi per il 60esimo anniversario dei trattati di Roma, “canagliescamente sostituito” con la pubblicità. Dal blog del comico genovese è quindi partito un duro attacco al direttore della testata, Mario Orfeo, del quale i pentastellati chiedono ora le dimissioni.




3
agosto

DIRETTORI TG RAI, PROPOSTE LE NOMINE: COLUCCI AL TG2, MAZZÀ AL TG3. DOMANI IL VOTO DEL CDA

Mario Orfeo

Le indiscrezioni della vigilia hanno trovato conferma. Nel CdA Rai di stamane – mercoledì 3 agosto – il Direttore Generale della Rai Antonio Campo Dall’Orto ha formalizzato le proposte di nomina per i nuovi direttori delle principali testate del servizio pubblico. Ida Colucci alla guida del Tg2, Luca Mazzà al Tg3, Andrea Montanari al Gr e Nicoletta Manzione a Rai Parlamento: sono queste le candidature avanzate dal top manager di Viale Mazzini. Le proposte verranno votate domattina dal CdA nella seduta convocata alle 10.30.


26
giugno

PORTA A PORTA, LA GRILLINA LEZZI VS ORFEO: “DIRETTORE PD1″. VESPA DIFENDE IL COLLEGA, FICO LO VUOLE QUERELARE

porta a porta, barbara lezzi vs mario orfeo

Non solo la furibonda lite tra Bruno Vespa e Renato Brunetta. Durante il recente speciale Porta a Porta sulla Brexit si è consumato un altro alterco altrettanto vivace e destinato ad avere strascichi. Nella diretta del 23 giugno scorso, il conduttore della trasmissione e la senatrice pentastellata Barbara Lezzi si erano scontrati dopo che quest’ultima aveva attaccato il giornalista Mario Orfeo, etichettandolo come direttore del “Pd1″. La reazione di Vespa, intervenuto in difesa del collega, ha indignato il Presidente della Vigilanza Rai, Roberto Fico, il quale ha minacciato azioni legali.





29
aprile

M5S CONTRO TG1: “SERVIZI USATI COME MANGANELLI, SPUDORATA PROPAGANDA DI REGIME”

Tg1, Mario Orfeo

Un “pastone” indigesto scatena l’ira del Movimento Cinque Stelle contro il Tg1. Il notiziario diretto da Mario Orfeo è finito nel mirino dei pentastellati per un servizio di cronaca politica in cui – secondo l’accusa – il nome della candidata grillina Virginia Raggi è stato impropriamente accostato alla notizia dell’inchiesta su camorra e Pd in Campania. Dura la reazione del Movimento, che sul blog di Beppe Grillo ha rimproverato al Tg1 “livelli vomitevoli di spudorata propaganda di regime“.


25
gennaio

RAI, TERREMOTO RENZIANO: CAMBIO AI VERTICI DI TUTTE LE TESTATE? GUBITOSI VORREBBE LASCIARE

Luigi Gubitosi, Anna Matia Tarantola

RottameRai. Il verbo è declinato al futuro: ancora pochi giorni, infatti, e i vertici di Viale Mazzini potrebbero essere travolti da uno scossone non indifferente. Secondo i conoscitori della geologia politico-mediatica, l’epicentro sarebbe renziano. Con l’affermazione del sindaco di Firenze alla guida del Pd sono infatti cambiati alcuni equilibri di potere ed anche i piani alti del servizio pubblico avrebbero già avvertito il contraccolpo.

Rai: cambiano i direttori di tutte le testate?

Secondo indiscrezioni raccolte da Dagospia, i primi effetti del sisma potrebbero manifestarsi già lunedì prossimo, 27 gennaio, quando in Rai si riunirà un “pre-consiglio” di amministrazione (quello ufficiale è previsto per mercoledì 29). In quell’occasione i cinque membri di maggioranza dovrebbero decidere se avviare l’effetto domino, cioè se presentare un piano che includa il cambio di tutti i direttori delle testate Rai. Qualora si decidesse di agire in tal senso (ma l’ipotesi ci sembra un po’ troppo drastica), inizierebbero a traballare anche le poltrone di Mario Orfeo, Marcello Masi e Bianca Berlinguer, rispettivamente direttori di Tg1, Tg2 e Tg3.

Dei tre, il più a rischio sarebbe proprio Orfeo, arrivato a Saxa Rubra al tempo delle larghe intese (oggi sempre più compromesse); al suo posto potrebbe arrivare Monica Maggioni – dicono – ma molto dipenderà dalla tenuta de governo. Secondo Dagospia, anche Bianca Berlinguer potrebbe rimanere impallinata qualora la sua linea editoriale, tradizionalmente ‘bersaniana’ e ‘cuperliana’, non si adeguasse al nuovo corso del Pd. I cambiamenti, inoltre, potrebbero riguardare anche le poltrone più alte di Viale Mazzini, a cominciare da quella del Direttore Generale.

Rai, Gubitosi vorrebbe lasciare





19
gennaio

TG1, ORFEO PRESENTA IL PIANO EDITORIALE: NOMINATI CINQUE VICEDIRETTORI, STOP AI DOPPI INCARICHI. MARIA LUISA BUSI TORNA IN VIDEO?

Tg1, studio

Tra nomine, conferme e ritorni eccellenti, al Tg1 è iniziato a tutti gli effetti il nuovo corso del direttore Mario Orfeo. Ieri, il giornalista responsabile della testata ammiraglia ha infatti presentato il piano editoriale al CdA Rai e, con esso, ha espresso il proprio intendimento di nomina per cinque vicedirettori. Si tratta di Gennaro Sangiuliano, Susanna Petruni e Fabrizio Ferragni (confermati), ma anche di Andrea Montanari e Raffaele Genah (designati ad hoc). A quanto si apprende, il Consiglio di Viale Mazzini ha già dato il suo via libera.

Assieme all’approvazione del nuovo piano editoriale, verrà presto applicata la circolare del Direttore Generale Luigi Gubitosi che riporta in vigore lo stop ai doppi incarichi, con l’intenzione di liberare energie e professionalità. Dunque, i giornalisti del Tg1 che attualmente ricoprono un doppio ruolo, si vedranno costretti ad abbandonarne uno. La decisione in merito spetterà ad Orfeo. A tal proposito, secondo quanto riporta Italia Oggi, Susanna Petruni dovrebbe lasciare la conduzione delle ore 20, mentre Francesco Giorgino la conserverebbe, rinunciando così al ruolo di caporedattore del settore politico.

Tale incarico potrebbe essere affidato a Mario Prignano. Il nuovo organigramma messo a punto da Orfeo dovrebbe inoltre rilanciare alcuni giornalisti ‘penalizzati’ durante l’era minzoliniana, attraverso un’operazione di recupero delle professionalità precedentemente escluse. Reduce del flop di Articolo3, Maria Luisa Busi potrebbe tornare in video su Rai1, forse alla conduzione degli Speciali d’inchiesta che furono di Monica Maggioni (oggi neodirettrice di Rai News) e, intanto, Tiziana Ferrario si appresta a volare a New York.


29
novembre

MARIO ORFEO E’ IL NUOVO DIRETTORE DEL TG1

Mario Orfeo

Cambio di poltrone a Saxa Rubra: Mario Orfeo è il nuovo direttore del Tg1. L’attuale responsabile del quotidiano Il Messaggero, posto oggi al timone del telegiornale della prima rete, sostituirà il collega Alberto Maccari, che guidava la testata ad interim. L’assegnazione dell’incarico è avvenuta nel pomeriggio a seguito del voto espresso a maggioranza dal CdA di Viale Mazzini, al quale il DG Luigi Gubitosi aveva indicato il nome del giornalista.

Di fronte alla nomina i Consiglieri d’Amministrazione si sono divisi, esprimendo cinque voti favorevoli e quattro contrari (quelli di Benedetta Tobagi, Gherardo Colombo, Luisa Todini e Antonio Pilati). Secondo quanto riporta Il Sole 24 Ore, la spaccatura sarebbe stata originata non tanto dal nome di Orfeo, quando da un atteggiamento del DG Gubitosi poco gradito ad alcuni componenti del CdA. Il top manager di Viale Mazzini avrebbe gestito la scelta del nuovo direttore in totale autonomia, cambiando peraltro parere nel giro di pochi giorni.

In un primo momento, infatti, in pole position per l’ambita poltrona c’era la giornalista Monica Maggioni, poi era ri-spuntato il nome di Marcello Sorgi. E infine, svincolato dai veti incrociati posti in altri casi, è tornato in testa Orfeo. Napoletano, 46enne, il giornalista torna per la seconda volta a dirigere un notiziario della Rai, dopo aver guidato per due anni (dal 23 luglio 2009 al 21 marzo 2011) il Tg2, su nomina proposta dell’allora DG Mauro Masi.


28
novembre

MARIO ORFEO VERSO LA DIREZIONE DEL TG1

Mario Orfeo

Mario Orfeo

Che il valzer di poltrone abbia inizio. Ma le direzioni delle tre reti generaliste non saranno l’unico obiettivo di Luigi Gubitosi, che ha tutte le intenzioni di proseguire spedito con altre nomine per ridare slancio all’azienda e tagliare definitivamente il cordone che legava viale Mazzini ad un passato che non ha più nulla a che fare con il nuovo corso, quantomeno in apparenza. Abbiamo già visto quale sarà probabilmente il nuovo assetto di Rai1, Rai2 e Rai3, che dovrebbero vedere l’ingresso rispettivamente di Giancarlo Leone, Angelo Teodoli e Andrea Vianello.

Adesso vediamo invece le proposte del DG per quanto riguarda le direzione dei telegiornali. Se per il TG2 e il TG3 non ci dovrebbero essere sorprese all’orizzonte – Masi e Berlinguer possono dormire sonni tranquilli sostanzialmente – è per la poltrona del TG1 che si profila un (comunque inevitabile) cambio della guardia. Alberto Maccari, pensionato in proroga eccezionale, dovrà infatti lasciare l’incarico entro il 31 dicembre, e l’azienda non ha dimostrato interesse ad un secondo rinnovo.

Tre erano i giornalisti in lizza per l’agognata poltrona. Alla fine pare l’abbia spuntata Mario Orfeo, attuale Direttore de Il Messaggero, che sembra abbia convinto  non solo perché è un nome che potrebbe mettere d’accordo tutte le aree politiche della strana maggioranza (anche ai tempi di Masi fu votato all’unanimità) ma soprattutto per la sua vena innovativa e l’esperienza pregressa in azienda, alla guida del TG2.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,