Il trono di spade



28
luglio

IL TRONO DI SPADE 5 ANTICIPAZIONI: NEL CAST ANCHE ROSABELL LAURENTI SELLERS (UNA GRANDE FAMIGLIA)

Rosabell Laurenti Sellers, il trono di spade 5

Rosabell Laurenti Sellers

Da Una Grande Famiglia a Il Trono di Spade 5. E’ il curioso percorso di Rosabell Laurenti Sellers, l’interprete di Valentina Rengoni che debutterà nella quinta stagione della serie targata HBO. Proprio come  per Valentina Cervi, passata con disinvoltura dalla fiction di Rai1 al set statunitense di True Blood, anche per la giovane italo americana si aprono le porte della serialità a stelle e strisce.

Il Trono di Spade 5 anticipazioni: Rosabell Laurenti Sellers sarà molto pericolosa

Rosabell Laurenti Sellersche in autunno rivedremo in Una Grande Famiglia 3 – è una delle new entry della serie tratta dai libri di George R. R. Martin, annunciate da HBO al San Diego Comic-Con. Diciottenne di madre americana e padre italiano, vista anche in Mia and Me e Buongiorno Papà, vestirà i panni di Tyene Sand, la figlia del Principe Oberyn Martell e del suo ultimo amore, Ellaria Sand. A dispetto del suo aspetto grazioso Tyene sarà molto pericolosa, specialmente quando armata delle sue due spade. Tra le new entry anche le altre due figlie illegittime di Oberyn: Nymeria Sand, interpretata da Jessica Henwick, colta ma anche pericolosissima con la frusta, e Obara Sand (la maggiore) che avrà il volto di Keisha Castle-Hughes.

Il Trono di Spade 5 anticipazioni: tutti i nuovi personaggi

Gli altri sei personaggi che andranno ad aggiungersi al già nutrito cast de Il Trono di Spade sono Jonathan Pryce che interpreterà High Sparrow, leader religioso che giunge ad Approdo del re acclamato dal popolo per essere accorso in aiuto dei più deboli e contro la dilagante corruzione; Alexander Siddig interpreterà Doran Martell, fratello di Oberyn e signore di Dorne; Toby Sebastian nel ruolo di Trystane Martell, figlio di Doran e promesso sposo di Myrcella Baratheon (che non sarà più interpretata da Aimee Richardson ma da Nell Tiger Free); DeObia Oparei impersonerà Areo Hotah, capitano delle guardie del palazzo di Doran; Enzo Cilenti (genitori italiani ma è a tutti gli effetti inglese) che sarà Yezzan, un mercante di schiavi senza scrupoli la cui attività si scontrerà con la volontà di Daenerys.




25
giugno

LE PAGELLE DELLA SETTIMANA TV (16-22/06/2014): PROMOSSI IL TRONO DI SPADE E TOP CRIME, BOCCIATI MORGAN ‘CHE LASCIA XFACTOR’ E CHIARA FRANCINI

Pif e Chiara Francini

Promossi

9 a Il trono di spade. Si è chiusa venerdi scorso, con l’immancabile colpo di scena, la quarta stagione di una delle serie più acclamate degli ultimi anni. Originale la sceneggiatura e anche la struttura narrativa che può contare su una miriade di personaggi e ambientazioni che si muovono su storylines differenti e ognuna con una propria linfa.

8 a Top Crime. Ad un anno dal lancio, il canale diretto da Giuseppe Feyles si conferma uno dei pochi esperimenti riusciti di Mediaset sul digitale terrestre.

7 agli Mtv Awards. Buona e, sotto molti aspetti, originale la realizzazione dell’evento, dal punto di vista tecnico e organizzativo. Tuttavia l’impressione è che la serata abbia del potenziale inespresso in termini di ospiti e appeal dei premi. Del resto, quando il titolo della trasmissione passa da Trl Awards a Mtv Awards, richiamando gli eventi kolossal organizzati dalla rete di Viacom, crescono anche le aspettative del pubblico.

6 alla seconda occasione per Timothy Cavicchini, rocker belloccio della prima edizione di The Voice che prenderà parte alla gara dei giovani del Summer Festival di Canale 5.


14
maggio

LE PAGELLE DELLA SETTIMANA TV (6-12/05/2013). PROMOSSI RADIO ITALIA LIVE E ROSSO SAN VALENTINO, BOCCIATI LA GUERRA DEI 20 ANNI E PAOLA CORTELLESI

Radio Italia Live

10 a Radio Italia Live. L’emittente radiofonica – divenuta anche un canale – per il secondo anno consecutivo confeziona un evento degno di questo nome riunendo alcuni tra gli artisti più in voga del panorama nostrano sul palco di Piazza Duomo a Milano. Peccato che – dopo il bistrattamento dello scorso anno da parte di Italia 1, con una messa in onda in terza serata a distanza di mesi – quest’anno il concerto non potrà contare, almeno per ora, su una vetrina televisiva di spicco.

8 a Luca e Paolo, conduttori di Radio Italia Live. Le due ex iene si dimostrano all’altezza del compito intrattenendo il numeroso pubblico e scherzando con i cantanti che via via si succedevano sul palco. A quando un ritorno in televisione in un contesto a loro adeguato?

7 a Rosso San Valentino, ennesima fiction di successo targata Rai e Endemol Italia che dimostra l’interesse di un certo tipo di pubblico verso un racconto “in rosa”.

6 a Laeffe. Il neonato canale 50 del dtt punta su prodotti di qualità che difficilmente porteranno ascolti ma che potrebbero convogliare attorno alla rete una nicchia di pubblico pregiato. Molto dipenderà da una coerente e mirata strategia di palinsesto. Per iniziare, si potrebbe fare attenzione alla guida tv on line del canale che ieri sbagliava la durata di uno dei programmi di punta (Mildred Pierce).





9
maggio

IL TRONO DI SPADE – CARLO FRECCERO: E’ UNO DEI VERTICI ASSOLUTI DELLA TV DI QUALITA’

Il Trono di Spade

Secca e decisa la reazione di Carlo Freccero che rimanda al mittente la richiesta ricevuta dall’Associazione Spettatori di stampo cattolico di sospendere immediatamente la serie Il Trono di Spade, in onda su Rai 4 il giovedì sera, poiché ritenuta “pornografica”.

Con un comunicato aziendale il direttore di rete fa sapere che la serie continuerà ad essere trasmessa in quanto “universalmente riconosciuta come uno dei vertici assoluti della Tv di Qualità”, essendo apprezzata largamente sia dal pubblico che dalla critica come dimostrano i prestigiosi premi vinti quali lo Hugo Award ed il Peabody Award, le nomination come miglior serie drammatica ai Golden Globes e agli Emmy Awards e le pubblicazioni filosofiche che ha ispirato.

Inoltre, spiega Freccero, Il trono di Spade è un fantasy diverso dagli altri in quanto portatore di un suo realismo che induce a riflettere sul concetto di potere e sulla differenza tra il desiderio di regnare e l’atto stesso del regnare. Ed è questo realismo che giustifica l’uso delle scene hot.


8
maggio

‘P0RN0 RAI’: DOPO FISICA O CHIMICA, L’AIART CHIEDE LA SOSPENSIONE DE IL TRONO DI SPADE

Trono di Spade

Non c’è nessun segno di distensione tra la Rai e l’Aiart, dopo la polemica scatenata da quest’ultima riguardo allo spazio dedicato dal Rai1 al matrimonio di Valeria Marini. Evento costoso e per qualcuno “blasfemo”, vista la bestemmia in diretta.

L’Associazione Spettatori di stampo cattolico chiede ora l’immediata sospensione della serie statunitense Il trono di Spade, di cui Rai 4 sta mandando in onda la prima stagione, dal 2 maggio ogni giovedì alle ore 21. Il motivo l’ha spiegato il presidente dell’Aiart Luca Borgomeo in un telegramma inviato a Luigi Gubitosi, direttore generale della Rai.

“Il programma e’ volgare, pornografico con insistite scene di violenza e di sesso, quasi gli autori fossero impegnati ad ottenere l’oscar della depravazione.”

Da sottolineare, però, che la versione in prime time su Rai4 del Trono di Spade è rieditata: gli spettatori possono vedere la versione integrale con le scene più forti ogni venerdì in seconda serata. L’Aiart peraltro ha già chiesto in passato la sospensione di un’altra serie di Rai4, Fisica o Chimica (serie poi “assolta” dall’Agcom). Le puntate incriminate del Il Trono di Spade, invece, sono andate già in onda in Italia nel 2011 su Sky Cinema 1, che ha trasmesso anche la seconda serie e sta per lanciare la terza. Ma aldilà del programma definito “squallido” in sé – a dispetto delle tante critiche positive che la serie ha ottenuto in tutto il mondo -, ad essere intollerabile per l’Aiart è il fatto che a trasmetterlo adesso sia il servizio pubblico che dovrebbe offrire cultura e invece fa il contrario, sperperando il denaro dei contribuenti.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , , ,





2
maggio

RAI4, TRIS DI SERIE IN PRIMA TV: IL TRONO DI SPADE, MISFITS E WEEDS

Il Trono di Spade - Game of Thrones

Il Trono di Spade - Game of Thrones

E’ una delle tante serie cult di HBO, che si conferma tra i network più creativi oltreoceano, nonché tra i più disponibili ad elargire grossi investimenti per la produzione delle proprie serie tv, forte degli ascolti e del crescente numero di abbonati. In Italia è arrivata grazie a Sky Cinema due anni fa e solo ora si appresta a fare il grande salto sulla generalista, mentre gli abbonati satellitari potranno già godersi, a partire dal 10 maggio, la terza stagione inedita. Da stasera alle 21.10 su Rai4 arriva Il Trono di Spade con gli episodi della prima stagione in prima visione free.

Basata sul primo romanzo della collana scritta da George R.R. Martin, che in Italia è stata pubblicata in due volumi, la prima stagione narra le vicende all’interno dei sette regni di Westeros. Robert Baratheon (Mark Addy), re dei sette regni, vive con la minaccia sempre più opprimente delle lotte interne tra le varie casate, dei Lannister e degli Stark. Eddard Stark (Sean Bean), Lord di Grande Inverno, viene per questo investito del ruolo di Cavaliere del Re per sedare gli intrighi di palazzo, scoprire le rivalità e le alleanze, salvaguardare il trono ed evitare che i ribelli arrivino nella capitale, Approdo del Re.

Se all’interno le casate non si danno pace pur di conquistare il potere, all’esilio Daenerys e Viserys Targaryen, figli del re che fu usurpato del trono da Robert Baratheon, non rimangono con le mani in mano e si alleano con gli Dothraki, capitanati da Khal Drogo. Vincitore di un Golden Globe, di un Satellite Award e di un Emmy per il miglior attore non protagonista, la serie annovera un cast d’eccezione, in cui figurano Sean Bean, Lena Headey e Peter Dinklage.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,


29
luglio

ASCOLTI TV SPAGNA (16-22/07/2012). LA PRIMA DEL TRONO DI SPADE (17.7%-20.7%) BATTE HAY UNA COSA QUE TE QUIERO DECIR (16.3%). LA MINISERIE SUL TITANIC CALA AL 9.9%

Il Trono di Spade

Come ogni settimana pubblichiamo il ranking dei tre programmi più visti nel prime time della tv generalista spagnola. “Pulseras Rojas” e il debutto de “Il Trono di Spade” fanno la parte del leone, mentre la serata di mercoledì verrà ricordata come il prime time con l’ascolto più basso nella storia dell’auditel spagnolo. Ma vediamo con maggiori dettagli com’è andata la settimana, televisivamente parlando, nella terra che ospitò le Olimpiadi nel ‘92.

Lunedì: Continua il riscontro per la serie drammatica di Antena 3 “Pulseras rojas” che si conferma leader nella serata del lunedì totalizzando 2.716.000 spettatori e il 17,5% nel primo episodio e 2.809.000 spettatori con il 19,8% nel secondo. Le repliche della sitcom di Telecinco “La que se avecina” prodotta da José Luis Moreno, conosciuto in Italia per essere il papà del corvo Rockefeller, si aggiudicano la seconda posizione conquistando 1.850.000 spettatori e il 12,5% nel primo episodio e 1.275.000 spettatori e l’11,7% nel secondo. Chiude la nostra top3 il film di Cuatro “Blitz” con 1.572.000 e il 10,6%.

Martedì: La serie fantasy “Il Trono di spade” (rinominata Juego de Tronos) di Antena 3 conquista la serata del martedì con 2.817.000 spettatori e il 17,7% nel primo episodio e 2.506.000 e il 20,7% nel secondo. Il people show di Telecinco “Hay una cosa que te quiero decir”, condotto da Jorge Javier Vásquez, è secondo con il 16,3% di share e 1.933.000 spettatori ottenuti tra prima e seconda serata. Le vicissitudini della comunità spagnola residente a Medellín, narrate nel docureality de La1 “Españoles en el mundo”, si piazzano al terzo posto conquistando il 10% e 1.568.000 spettatori.


9
aprile

IL TRONO DI SPADE: LA SECONDA STAGIONE DALL’11 MAGGIO SU SKY CINEMA

Il trono di spade

Da “Winter is coming” a “War is coming” (“La guerra sta arrivando“): così cambia il claim di Game of Thrones, la fortunata produzione targata HBO giunta in Italia sotto il nome de Il trono di spade. L’attesa dei fan per la seconda stagione è adrenalinica, negli Stati Uniti ha debuttato domenica segnando il suo record d’ascolti, mentre in Italia per vederla sul piccolo schermo bisognerà attendere ancora qualche settimana: sarà in onda dall’11 maggio su Sky Cinema.

Anche per questa stagione saranno dieci gli episodi da circa cinquanta minuti l’uno. Le vicende riprendono approssimativamente la storia de “Lo scontro dei re“, il secondo volume del romanzo “Cronache del ghiaccio e del fuoco” di George R.R. Martin a cui la serie si ispira, anche se il finale sarà differente. Per i nuovi episodi, gli showrunners sono riusciti ad ottenere un aumento del budget che servirà alla messa in scena della più importante battaglia del Trono di spade.

Proprio di questo parlerà la seconda stagione, di un paese in guerra. Il cast e la produzione hanno lavorato tra il caldo della Croazia, la pioggia e il fango di Belfast e la tormenta di neve dell’Islanda, mentre gli sceneggiatori hanno dovuto studiare il modo migliore per riuscire a gestire i molti personaggi ma anche i filoni narrativi che popolano ogni episodio della serie.