Festival di Castrocaro 2012



14
luglio

QUANDO LA PERSONA E’ NIENTE, L’OFFESA E’ ZERO: LA VENDETTA DI MILLY D’ABBRACCIO SI CONSUMA A CASTROCARO

Martina Cambi vince il Festival di Castrocaro 2012

La finalissima della 55esima edizione del Festival di Castrocaro – trasmessa ieri sera in diretta su Rai 1 – ha incoronato la 27enne romana Martina Cambi, che al rush finale ha avuto la meglio sul coetaneo toscano Gianluca Gabriele. Un verdetto che “ripaga”, a distanza di due anni, Milly D’Abbraccio, l’ex pornostar diventata produttrice discografica della giovane nell’estate del 2010, quando accompagnò la cantante ai provini di X Factor 4.

Una partecipazione, quella all’ultima edizione del talent su Rai 2, che non andò come la vulcanica attrice aveva previsto, incontrando le opposizioni di una “spietata” giuria – allora composta da Elio, Mara Maionchi, Enrico Ruggeri e Anna Tatangelo – che bocciò sul nascere le (poche) convinzioni della sua assistita. Ed è in quell’occasione che si consuma l’ormai celebre scontro verbale tra la D’Abbraccio e Lady Tata, culminato con quello che, da lì a breve, sarebbe diventato il tormentone di tutta l’edizione del programma:

Quando la persona è niente, l’offesa è zero fu la replica di Anna alle allusioni della sfidante, con tanto di “Vaff…” finale.

Milly D’Abbraccio, infatti, puntò il dito contro la giovane giurata, rea di aver avuto nel suo cammino professionale (e non solo) una fortuna chiamata Gigi D’Alessio (clicca qui per vedere il video). Un’arringa che offuscò la già opaca prestazione di Martina Cambi, che ammiccava senza successo a Gianna Nannini. Stavolta, invece, grazie ad una convincente interpretazione di Pensiero stupendo di Patty Pravo, Martina ha fin da subito conquistato le preferenze della giuria di Castrocaro, ottenendo il punteggio più alto nella manche degli inediti (9/10 per il suo Miracolo proprio dalla presidente Mara Maionchi, nel 2010 spettatrice dell’infelice provino).




13
luglio

ALESSANDRO GRECO A DM: “CREDO CHE IL PUBBLICO APPREZZEREBBE UN RITORNO DI FURORE”

Alessandro Greco (foto di Massimo Milanese)

Se oggi avesse 20 anni le proverebbe tutte, dai talent ai concorsi più datati, perché, si sa, quando il talento c’è è inutile far passare troppi treni. Alessandro Greco non è uno di quei conduttori che rimpiange la vecchia tv e non mette alla berlina programmi come Amici e X-Factor, anzi, avendo alle spalle una gavetta iniziata con provini, selezioni e premi, sa bene quanto possano essere utili queste occasioni per guadagnarsi un posto al sole. Ed è proprio da un concorso canoro, forse il primo talent show della storia, che Alessandro ritorna sugli schermi di Rai 1, con la conduzione, stasera alle 21, della finalissima della 55esima edizione del Festival di Castrocaro. Un ritorno sul luogo del delitto per lo  storico conduttore di Furore, che a Castrocaro ha trionfato come intrattenitore in due occasioni.

Con Castrocaro torni su Rai1, qual è la tua emozione?

È quella di un doppio ritorno a casa. Su Rai1, infatti, subito dopo Furore, feci il preserale Colorado, mentre a Castrocaro partecipai e vinsi per ben due volte (quando c’era la  sezione ‘Volti Nuovi’ rivolta agli intrattenitori), nel 1989 da solo e nel 1993 con Emanuela Aureli. Poi negli ultimi due anni ho fatto il giurato, insomma, mi mancava solo la conduzione! Sono molto felice di poter condurre questa finale anzitutto perché sarà in diretta, e per me la dimensione live è davvero congeniale; e poi perché sarà una grande festa della musica, in cui a fine serata eleggeremo il vincitore. I concorrenti, gli assoluti protagonisti della serata, si giocano tutto in quella sera, ci sarà quindi molto phatos, molta energia.

Come è arrivata la proposta di Rai1?

Sicuramente devo ringraziare il direttore della Direzione Intrattenimento Giancarlo Leone e il mio capostruttura Antonio Azzalini. Dico “mio” perché con lui ho fatto praticamente quasi tutti i miei programmi. Inevitabile che accogliessi la chiamata con grande gioia.

Ultimamente si parla tanto di talent. Potremmo definire Castrocaro un talent ante litteram?

Certamente. Castrocaro è stato da sempre l’ideale anticamera alla sezione Giovani di Sanremo. Fino a un po’ di anni fa chi vinceva Castrocaro accedeva di diritto al Festival, ora questa regola non c’è più. Ma permettimi di dire che questa è la 55a edizione di una manifestazione storica, seria e pulita, che offre visibilità e che può aprire delle porte importanti. Vorrei ricordare che da Castrocaro sono usciti nomi come Caterina Caselli, Fiorella Mannoia, Alice, Zucchero e Luca Barbarossa.

E invece cosa ne pensi di Amici e X-Factor? Se avessi vent’anni parteciperesti ai provini?


9
giugno

DM LIVE24: 9 GIUGNO 2012. LA MAIONCHI A CASTROCARO, NINA EVADE?, SOTTILETTA IN DISGRAZIA, G’DAY TORNA A SETTEMBRE

Diario della Televisione Italiana del 9 giugno 2012

>>> Dal Diario di ieri…

  • Mara Maionchi al Festival di Castrocaro

tinina ha scritto alle 10:15

Mara Maionchi sarà la presidente di giuria della finale del Festival di Castrocaro in programma il 13 luglio in Piazza d’Armi a Terra del Sole. La serata sarà trasmessa in diretta su Raiuno. (Fonte Mondoreality)

  • Nina evade?

tinina ha scritto alle 10:22

Troppe auto di lusso, ristoranti di prim’ordine, case in centro. Insomma, una vita da copertina che non è di certo passata inosservata. Le spese dell’ex consorte del paparazzo Fabrizio Corona, la modella croata Nina Moric, avevano un prezzo. E per l’Agenzia delle Entrate, quel prezzo era incompatibile con quanto, per almeno quattro anni e a iniziare dalla dichiarazione dei redditi del 2004, l’appariscente showgirl ha presentato al Fisco. Il conto, salato, ammonta a oltre 800mila euro di tasse evase. Un calcolo deduttivo, che gli 007 del Ministero dell’Economia hanno presentato nei mesi scorsi all’ex signora Corona con quattro diverse cartelle esattoriali. Il calcolo si è basato semplicemente sul tenore di vita della coppia. (Fonte La Repubblica.it)

  • Sottiletta di Happy Days in disgrazia

Critico Tritatutto ha scritto alle 16:10

“Dai fasti di “Happy Days” alla miseria di una roulotte. Erin Moran, che nella famosa srie tv vestiva i panni della “Sottiletta” Joanie Cunningham è caduta in disgrazia. L’attrice 51enne è in bancarotta per inadempienze e sfrattata dalla sua casa californiana vive in un camping nell’Indiana. L’unica speranza di Erin adesso è quella di vincere la causa intentata contro la Cbs per mancate royalties e arretrati. Il declino è cominciato proprio dopo “Happy Days” (dal 1974 al 1984 è stata una delle protagoniste). Da allora, infatti, la Moran ha prestato il volto solo a personaggi minori (anche in serie come “Love Boat” e “La Signora in Giallo”) e recentemente è stata anche protagonista di un reality, “Celebrity Fit Club”, in cui era “costretta” a simulare un orgasmo. Ora la sorella di Rickie e figlia dei Cunningham vive in povertà New Salisbury. Ma come sottolineano i tabloid, l’attrice potrebbe risollevarsi grazie a una vecchia causa, intentata con altre co-star contro il canale che ha trasmesso la serie cult che le dovrebbe circa 500 mila dollari.” (fonte Tgcom24)

  • G’Day torna a settembre

Principessa_Vespa ha scritto alle 19:58