errore



27
novembre

DM LIVE24: 27 NOVEMBRE 2012. LA BIANCHERIA DA BORDELLO DI PAOLO LIMITI, TGCOM24 RILEVATA DA AUDITEL, ERRORE MADORNALE AD AVANTI UN ALTRO

Paolo Limiti - Cristina Parodi Live

Paolo Limiti - Cristina Parodi Live

>>> Dal Diario di ieri…

  • La biancheria da bordello di Paolo Limiti

Alessandro ha scritto alle 15:07

Paolo Limiti al Parodi Live: “Non vorrei offendere nessuno ma durante alcune sfilate vedo certi modelli di biancheria intima che ai miei tempi si usavano solo nei bordelli..”.

  • Avanti un altro e l’errore madornale

Gionny82 ha scritto alle 19:58

Nel gioco finale di Avanti un Altro la concorrente gareggia per 42.000 €, alla domanda finale “si o no. Un Kg di piombo pesa di più di un Kg di piume?” tra lo stupore generale la signora risponde “è uguale” perdendo così l’allettante montepremi.

  • Rilevazione Auditel per TgCom24

lu85 ha scritto alle 20:00




17
settembre

TI LASCIO UNA CANZONE: ERRORE AL TELEVOTO. GARA DA RIFARE?

Ti Lascio una Canzone 5 - errore televoto seconda puntata

Ti Lascio una Canzone 5 - errore televoto seconda puntata

Quando si dice: “benedetti lettori!”. Giovanni, un nostro utente che ci segue dalla Germania, ci segnala un errore avvenuto nella scorsa puntata di Ti Lascio una Canzone.

In sovraimpressione, infatti, durante la gara tra le baby-ugole del programma, è stato comunicato un numero di televoto errato. Nonostante la conduttrice abbia comunicato verbalmente i recapiti corretti sia per il telefono fisso che per gli sms, la grafica ha invertito i numeri per le votazioni dal telefono di casa: 984.222 (numero comunicato in grafica) e non 894.222 (numero corretto).

Le numerazioni esatte sono state comunicate in maniera corretta soltanto durante gli “highlights” della puntata e nel corso della gara del podio.

Abbiamo verificato ed eccovi alcuni screenshot ‘probatori’. Gara, dunque, da annullare e da rifare?


10
marzo

DOMENICA IN ONDA: L’AUDITEL CORREGGE GLI ASCOLTI DELLA PUNTATA DEL 6 MARZO

Lorella Cuccarini

A causa di problemi tecnici, lunedì 7 marzo l’Auditel ha diffuso dati di ascolto non corretti di Domenica In Onda, trasmissione condotta da Lorella Cuccarini, andata in onda domenica 6 marzo, non rilevando lo stacco dalla prima alla seconda parte del programma.

I dati corretti, usciti oggi sono i seguenti: prima parte dalle ore 16.33 alle18.18 ha registrato una share del 14.97% con 2.355.803 di telespettatori. La seconda parte del programma, dalle ore 18.18 alle ore 18.46 è stata seguita da 3.078.803 telespettatori, share del 17.44%, realizzando all’incirca un punto di share in più di quanto precedentemente riportato dall’Auditel, lunedì 7 marzo. Secondo l’erronea rivelazione Domenica In Onda era stata seguita da 2.279.000 spettatori pari al 14.54% di share, nella prima parte, e da 2.639.000 spettatori pari al 16.07% nella seconda.

Per conoscere gli ascolti di domenica scorsa (compresi quelli dei competitor di Domenica In Onda) clicca qui.





14
agosto

PUPO VS ALDO GRASSO

Pupo @ Davide Maggio .itSe il critico ti mette in crisi di identità [via QN]

Ieri, leggendo la rubrica di Aldo Grasso sul Corriere della Sera, ho avuto una bella esperienza. Ho scoperto di essere Carlo Conti. Già perché Grasso ha parlato del programma che conduco tutti i giorni per il secondo anno su Raiuno, “Reazione a catena”, chiamandomi più volte Carlo Conti. A corredo della sua tesi, c’era anche una foto, non mia ma di Conti. La prima reazione è stata quella di una crisi di identità: forse sono Carlo Conti, che comunque è mio amico, e non sono Pupo. Poi mi sono arrabbiato: ma come, quello che per me è il più autorevole critico televisivo italiano non riconosce i conduttori dei programmi? Infine, sbollita la rabbia, anche perchè dopo solo un mese di successo di audience almeno aveva messo il programma, non me, tra i vincitori e non tra i vinti, mi sono detto che due sono le cose. O Grasso, che pochi giorni fa mi aveva criticato (a me, Pupo, non Conti), non scrive le sue rubriche e le fa scrivere a qualcun altro; questo non sarebbe un granchè visto che un professore dovrebbe almeno rivedere i compiti dei suoi collaboratori. Oppure è proprio lui che non guarda i programmi di cui parla. E allora, in questo secondo caso, dovremmo stare tutti più tranquilli leggendo la sua rubrica che, evidentemente, è scritta sul filo di un’ironia che fino ad oggi è sfuggita a tutti noi che umilmente facciamo televisione. Comunque, nell’attesa di sapere quale delle due ipotesi è quella giusta, ho deciso che in quest’agosto infuocato continuerò a lavorare anche dopo aver finito le registrazioni di Reazione a Catena e parteciperò a qualche casting. Sicuramente non andrò in Sicilia per propormi nella sua nuova serie Rai Agrodolce, non è nemmeno partita ma al Professor Grasso non piace. Partirò invece per Los Angeles per partecipare ai provini dei nuovi episodi di “CSI “e “24 hours”" e qualsiasi serie americana ci sia in circolazione: così forse Grasso finirà per riconoscermi visto che sono gli unici prodotti che lo mandano in visibilio. PUPO

Con queste parole, Pupo ha risposto all’errore, in effetti grossolano, del Corriere della Sera del 9 agosto scorso. Noi di DM l’avevamo notato e… “archiviato”. Per guardarlo,