Eleonora Duse



19
agosto

ELENA SOFIA RICCI: DAI CESARONI A CHE DIO CI AIUTI, IN ATTESA DI VESTIRE I PANNI DI ELEONORA DUSE

Elena Sofia Ricci

“Se lavoro tanto è perché non sono rifatta. Nel nostro mestiere si sta in pista dai 20 ai 55 anni, dopo i ruoli scarseggiano, ma la crisi aumenta se cerchi di sembrare una trentenne, perché in giro ce ne sono tante ed è chiaro che hanno più mercato. Invece devi lasciare che il tuo viso conservi una certa verità”.

Questo il pensiero di Elena Sofia Ricci, che alle soglie dei 50 anni, intervistata dal settimanale Oggi, non sembra temere il passare del tempo. A confermare le sue dichiarazioni, del resto, un’agenda ricca d’impegni di lavoro. Contesa da cinema e tv, l’attrice allergica alla chirurgia estetica, non corre certo il rischio di rimanere disoccupata.

Oltre a essere in concorso alla Mostra del Cinema di Venezia con la pellicola Tutta colpa della musica di Ricky Tognazzi, la Ricci è infatti di recente tornata a vestire i panni di Lucia Liguori nella quinta serie de I Cesaroni. Un ritorno tanto atteso dal pubblico che non aveva per niente gradito l’allontanamento dell’amatissima mamma Cesaroni dalla fiction di Canale5. Chissà che il rientro dell’attrice in quel della Garbatella non possa essere d’aiuto a risollevare le sorti della popolare ‘famiglia per fiction’, i cui ascolti nella quarta serie non sono riusciti ad eguagliare il successo delle prime stagioni.




30
marzo

RAI FICTION: DA SANTA BARBARA A PAVAROTTI, IMPAZZANO LE BIOGRAFIE.

Dorando Pietri (Luigi Lo Cascio)

La difficoltà nel costruire valide sceneggiature rimane il tallone d’Achille della fiction italiana. Anche i soggetti più interessanti e originali perdono spesso la propria forza per via di sceneggiature  piuttosto banali e scontate.  Sarà forse per questo che ad avere la meglio in fatto di produzioni  tv sono da sempre le biografie di personaggi celebri, dove lo sceneggiatore si limita sostanzialmente nel riportare sullo schermo il susseguirsi degli eventi che hanno caratterizzato la vita del personaggio in questione. Qualche piccola licenza artistica ogni tanto, ma per il resto nessun particolare impegno creativo nel dover costruire dal nulla un’intera storia. Il pubblico sembra comunque gradire, e anche nel prossimo piano fiction della Rai, le biografie abbondano. Le figure religiose restano naturalmente le più gettonate.

Tra i tanti santi del calendario, questa volta la scelta è finita su Santa Barbara, molto popolare per il fatto di essere considerata protettrice contro i fulmini e le morti improvvise. Sul fronte dei preti in tv, dopo Don Bosco, Don Gnocchi e Don Milani arriverà la vita di Don Giussani, sacerdote e teologo italiano, fondatore del movimento di Comunione e Liberazione. Sempre in tema, è in cantiere l’ennesima produzione dedicata alla figura di Maria di Nazareth.

Non solo fiction a carattere religioso. Tra i progetti Rai anche la biografia di Eleonora Duse, ovvero la vita di una tra le più importanti attrici teatrali italiane della fine dell’ottocento e degli inizi del novecento. Gigi Proietti smessi i panni di San Filippo Neri ripercorrerà invece la vita del poeta Trilussa, mentre a Gabriella Pession è destinato il ruolo di Evita Peron. Luigi Lo Cascio sarà il maratoneta Dorando Pietri ne Il sogno del maratoneta, fiction che narra le gesta del podista entrato nella storia dello sport vincendo la marotona alle Olimpiadi di Londra del 1908, ma che fu poi squalificato perché una volta arrivato allo stadio, stanco e disorientato, sbagliò strada e fu quindi aiutato dai giudici a riprendere il percorso giusto. La fiction in due puntate é prodotta dalla Casanova Multimedia di Luca Barbareschi.