Dating Show



15
luglio

LA STORIA D’AMORE PIU’ BELLA DEL MONDO: I DATING SHOW FINISCONO IN LIBRERIA

Take me out

In molti si lamentano del fatto che la tv e le nuove tecnologie allontanino i giovani dalla lettura, facendo preferire alle storie di carta quelle per immagini. Non è sempre così. Qualche volta, addirittura, la tv può ispirare la scrittura di un libro e i meccanismi che regolano alcuni format possono diventare protagonisti di un romanzo che cerca l’amore a modo suo.




23
febbraio

A LETTO CON IL NEMICO: DIO LI FA E FOX LIFE LI ACCOPPIA

A letto con il nemico

Dio li fa e FoxLife li accoppia, questo è il sottotesto dell’inedito show di FoxLife, un nuovo format a metà strada fra l’ultima trovata del dating show al buio ed un reality sperimentale. Da questa sera, martedì 23 febbraio, alle ore 21, prende il via sul canale 114 di Sky A letto con il nemico, lo show che costringe ad una convivenza forzata due single convinti di non avere nulla in comune.

A letto con il nemico: lo show


7
aprile

TIENES UN MINUTO: IL DATING SHOW SPAGNOLO IN CUI FAR INNAMORARE E’ UN TALENTO

Tienes un minuto

Inizia dal prossimo lunedì sull’emittente spagnola Cuatro l’avventura di un nuovo format che già a primo acchito sembra avere tutte le carte in regola per sfondare anche nel Belpaese.  Tienes un minuto ha uno schema molto fresco e veloce, un modello quasi di televisione fast-food che inequivocabilmente è la prospettiva alla quale si avviano verosimilmente i canali a target giovanilistico.

Quattro donne comodamente accomodate nelle loro poltroncine e venti ragazzi che in un minuto devono sedurle, o addirittura fare scattare il colpo di fulmine. Balletti, strip, versi d’amore, ammiccamenti vari, capriole…tutto è lecito, l’importante è essere veloci: il ritmo è così serrato che i papabili conquistatori entrano in gioco da un nastro rotante, come una valigia in aeroporto o meglio ancora, per rendere l’idea, come le porzioni di sushi nei kaiten degli zen restaurant più all’avanguardia.

L’idea ricorda in qualche modo Il gioco dell’amore che qualche stagione fa la De Filippi inseriva ogni tanto all’interno di Uomini e donne. Tempi e dinamiche sono diverse naturalmente ma chissà che la Castigatrice del piccolo schermo, che una ne pensa e cento ne fa, non lavori prima o poi a nuovi perfezionamenti del suo gioco pomeridiano prendendo spunto proprio dalla sperimentazione dei cugini spagnoli, legati peraltro a Mediaset tramite l’affiliazione a Telecinco.





25
ottobre

A DOUBLE SHOT AT LOVE: SU MTV L’ENNESIMA FORMA DI DATING SHOW PATINATO. DALLA BISESSUALITA’ DI TILA TEQUILA ALLA DOPPIA BISESSUALITA’ DI RIKKY E VIKKY

A DOUBLE SHOT OF LOVE MTV

Le vie del dating show sono infinite? Stando a quanto vediamo su Mtv pare proprio che il nostro Uomini e Donne non sia che una delle tante sfumature di un genere che appassiona i giovani e che gli americani hanno reso sempre più glamour e accattivante.

A Shot at Love è arrivato su Mtv alla sua terza edizione, che negli Stati Uniti si è conclusa lo scorso febbraio, e che noi italiani possiamo vedere ogni martedì dalle 23 a mezzanotte e in replica sabato a mezzanotte. Nelle prime due edizioni Shot si è subito presentato come un dating show piuttosto particolare; la sua protagonista, infatti, la modella e cantante Tila Tequila è dichiaratamente bisessuale, ed è stata chiamare a scegliere la sua anima gemella fra un gruppo di ragazzi eterosessuali e di ragazze lesbiche. Dopo un primo tentativo fallito (la storia con Bobby è naufragata dopo la fine del reality), Tequila ci ha riprovato in un secondo ciclo di puntate. Ma anche l’ennesimo tentativo si è dimostrato vano: Kristy, la ragazza vincitrice della seconda edizione, ha subito dato un bel due di picche a Tila, non sentendosi pronta a cominciare una storia con lei.

Ma se l’amore fa fatica a sbocciare nella lussosa villa in cui è ambientato il reality, gli ascolti e l’interesse per il programma non hanno fatto lo stesso. La particolarità del game bisessuale ha, infatti, suscitato un vespaio di polemiche, e sull’onda del “bene o male, purchè se ne parli“, il successo è stato garantito proprio dalla critiche. Esportato anche in Europa, A Shot at Love non ha mancato di incuriosire il pubblico più giovane, che nei diversi social network, youtube in primis, ha dimostrato di gradire la novità e di esserne ormai “addicted“, dipendente, come direbbero gli americani. E se il dating lesbo era ormai stato sdoganato dalla procace Tila (quello gay aveva già trovato spazio nel 2003 con il reality Boy Meets Boy), sembrava veramente difficile spingersi oltre il confine della bisessualità. Difficile, ma non impossibile, visto che A Shot of Love è tornato in versione “doppia“. Letteralmente doppia.


3
agosto

IN INDIA FA SCANDALO TROVARE MARITO IN TV. PAESE CHE VAI, DATING (E SENSO) CHE TROVI.

Rakhi Sawant Reality Show fa Scandalo in India

Nell’impresa di far incontrare due perfetti sconosciuti e portarli all’altare, in Italia ci è riuscito uno show non proprio deputato a far scoccare scintille d’amore; parliamo, come molti sapranno, della seguitissima quarta edizione del Grande Fratello, in cui nacque l’amore fra Ascanio Pacelli e Katia Pedrotti, convolati a nozze una volta usciti dalla casa più spiata del tubo catodico.

C’è il padre di tutti i reality, dunque, e poi c’è Uomini e Donne, che con la sua liturgia di rose rosse, poltrone, esterne ed eliminazioni, poche volte riesce a centrare il bersaglio, sotto lo sguardo di una mai stanca Maria, accovacciata da anni sulle scale dalle quali scendono pretendenti al tronista (e al trono) di turno, che ha visto, indubbiamente, più storie con rottura che con lieto fine. E così, se a Dicembre scorso l’ex-tronista Giorgio Alfieri e Martina Luciani, la sua corteggiatrice poi divenuta convivente, hanno dato alla luce la prima figlia del reality Defilippiano, la piccola Asia, tutti gli altri stanno ancora a guardare, in un balletto di discese (dalle scale) e sedute (sui troni e sgabelli vari) che sembra dimostrare quanto poco il dating-show possa servire ai cuori solitari. Non la pensano così in India, dove è terminato ieri sera il seguitissimo Rakhi ka Swayamvar, reality in cui la star del cinema Bollywoodiano Rakhi Sawant si è messa alla ricerca del suo futuro marito fra 12.515 contendenti.

Sono bastate 26 puntate alla bella attrice per effettuare la giusta scrematura necessaria allo scopo, auditel o matrimonio che fosse, e alla fine la scelta è stata fatta, con tanto di promessa di celebrare il rito sotto l’occhio impietoso delle telecamere. E poche puntate sono bastate anche per sollevare il polverone delle polemiche, in un paese in cui i matrimoni sono ancora in gran parte combinati dalle famiglie, anche attraverso annunci sui giornali che poco hanno di romantico e molto di pragmatico. Ma gli inviti al boicottaggio da parte dei fondamentalisti indù non sono serviti a fermare il voyeurismo del pubblico, troppo coinvolto ad assistere al gioco, emancipato e sovversivo, in cui ad una donna viene data l’opportunità di scegliere. Scelta, dunque libertà. Temi che probabilmente hanno dato, da ambo i lati, spettatori e detrattori, un senso all’esistenza di uno show che nel nostro paese è già bollato come qualcosa che non fa più notizia.