corruzione



17
giugno

TANGENTI PER APPALTI: PERQUISIZIONI IN RAI, MEDIASET, LA7 E INFRONT. 44 INDAGATI

Guardia di Finanza (repertorio)

Controlli a tappeto. Su ordine della procura di Roma, stamane i finanzieri del Nucleo tributario hanno eseguito perquisizioni in numerose sedi Rai, nella sede romana di La7, nelle sedi delle società gruppo Mediaset e nella divisione italiana del gruppo di marketing Sportivo Infront. L’operazione è avvenuta nell’ambito di un’inchiesta sull’affidamento di lavori e servizi in cambio di denaro o di altra utilità (vacanze, biglietti aerei ed assunzioni), per la quale sono indagate 44 persone, fra manager televisivi e funzionari di Palazzo Chigi.

Secondo l’inchiesta condotta dal pubblico ministero Paolo Ielo, l’imprenditore David Biancifiori, indagato per corruzione, avrebbe elargito tangenti insieme con altre utilità per ottenere assegnazioni di servizi. Biancifiori, che fornisce gruppi elettrogeni, scenografie, impianti audio e regie mobili anche all’estero, avrebbe pagato cospicue tangenti ed emesso false fatture per procurarsi fondi necessari per la corruzione. Il reato ipotizzato per i dipendenti della Rai è quello di corruzione, in quanto l’ente radiotelevisivo svolge un servizio di natura pubblica, per gli altri l’accusa ipotizzata è quella di appropriazione indebita.

Anche per i funzionari della presidenza del Consiglio indagati – che apparterrebbero al Dipartimento per le risorse strumentali - l’accusa è di corruzione. Secondo l’accusa, essi avrebbero preso tangenti per una commessa da otto milioni di euro per allestire alcuni eventi. Gli accertamenti del Nucleo di polizia tributaria della Finanza, che avrebbe acquisito soltanto documenti relativi al periodo 2009/2013, sono cominciati all’alba. Una sessantina, in tutto, le perquisizioni effettuate.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , , ,