Anna Pettinelli



15
novembre

Amici 19: Anna Pettinelli nuova professoressa di canto

Anna Pettinelli

Anna Pettinelli

New entry ad Amici. La diciannovesima edizione del talent condotto da Maria De Filippi, al via su Canale 5 domani alle 14.10 con il primo speciale del sabato, arruola una nuova professoressa di canto: Anna Pettinelli.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,




9
settembre

Temptation Island Vip 2019: le coppie protagoniste

Temptation Island Vip 2019

Temptation Island Vip 2019

Un nuovo viaggio nei sentimenti nel villaggio sardo Is Morus Relais sta per cominciare. Stasera andrà infatti in onda, in prime time su Canale 5, la prima puntata di Temptation Island Vip 2019. Spetterà ad Alessia Marcuzzi, subentrata a Simona Ventura nella conduzione del reality, raccontare le vicende delle coppie di fidanzati che hanno deciso di testare la loro relazione. Chi sopravvivrà alle tante tentazioni del resort? Conosciamo, intanto, i nuovi protagonisti.


19
agosto

Temptation Island Vip: ecco le sei coppie

Serena Enardu e Pago

Serena Enardu e Pago

Dopo mesi di rumor e smentite, la seconda edizione di Temptation Island Vip ha un cast ufficiale: attraverso un promo diffuso nelle scorse ore sui canali social del programma – condotto quest’anno da Alessia Marcuzzi - sono state rese note le sei coppie che metteranno alla prova i loro sentimenti nel villaggio sardo Is Morus Relais. Ecco chi sono.





9
giugno

RDS ACADEMY: LA TERZA STAGIONE DA STASERA SU SKY UNO. MENTANA E FRAGOLA TRA GLI OSPITI

Rds Academy 3

Squadra che vince non si cambia: saranno ancora una volta Anna Pettinelli, Giuseppe Cruciani e Matteo Maffucci i giudici di Rds Academy, la cui terza stagione partirà stasera giovedì 9 giugno, alle 23 su Sky Uno HD. Il vincitore del talent prodotto da Level 33 potrà firmare un contratto radiofonico di un anno con RDS, mentre per un altro concorrente ci sarà la possibilità di essere selezionato da Radio 24 per un’esperienza lavorativa presso l’emittente.


4
maggio

RDS ACADEMY 2: RIPARTE LA CACCIA ALLA VOCE RADIOFONICA CON PETTINELLI, MAFFUCCI E LA NEW ENTRY CRUCIANI

Cruciani, Pettinelli, Maffucci

Per la seconda edizione di RDS Academy, RDS ha cercato in ogni luogo i talenti che diventeranno conduttori radiofonici: a dicembre, creando una temporary radio a Roma e a Milano, alle stazioni Termini e Centrale, dove più di 3.000 aspiranti concorrenti si sono sottoposti ad un provino, e, in contemporanea da tutta Italia, ricevendo più di 5.000 video casting sulla pagina dedicata sul sito di rds.it.

Ora, l’emittente radiofonica è pronta ad aprire nuovamente le porte della sua accademia a Roma. Una prima selezione farà incontrare solamente 50 candidati, ma soltanto 8 di loro potranno frequentare la RDS Academy. I corsi, i docenti e la crescita professionale dei candidati sono il fulcro del format televisivo dedicato a chi sogna di fare radio insieme ai conduttori che guideranno il loro percorso verso la finale. Il programma, in onda da stasera su Sky Uno alle ore 20.10, è una vera e propria accademia che consente di acquisire le competenze professionali necessarie per un inserimento immediato nel mondo dell’entertainment radiofonico. Infatti, oltre a  Giuditta Arecco, vincitrice della prima edizione e ormai affermata voce di RDS, anche gli altri finalisti Stefano Mastrolitti, secondo classificato, e Manola Moslehi, la terza classificata, hanno avuto delle importanti opportunità lavorative in altri due principali network nazionali.

Chi parteciperà alle due puntate di casting dovrà giocarsi l’accesso in accademia in un’unica performance davanti all’inflessibile triade dell’Academy; ne fanno parte anche quest’anno l’integerrima Anna Pettinelli, direttrice e coach dell’accademia, e Matteo Maffucci, anima degli Zero Assoluto e già insegnante di musica radiofonica nella scorsa edizione. A loro si aggiunge Giuseppe Cruciani, giornalista e conduttore radiofonico, volto nuovo della giuria al posto di Giovanni Vernia. Una commissione speciale sceglierà 8 concorrenti che saranno ammessi all’Accademia e che dovranno intraprendere un percorso fatto di lezioni, studio e prove a eliminazione. Solo uno di loro riuscirà ad ottenere il lavoro dei proprio sogni.





24
giugno

RDS ACADEMY: LA RADIO (IN TV) CHE FUNZIONA

Anna Pettinelli

Anna Pettinelli

Vi siete mai chiesti come si diventa, oggi, speaker radiofonici? Chissà se qualcuna delle aspiranti leve che ha caricato il proprio video per il casting di RDS Academy ci abbia mai realmente pensato. Al di là di sovrastrutture, conoscenze musicali e doti particolari – che ben vengano ma rappresentano pur sempre una variabile dipendente dalle caratteristiche di ogni network – per “fare radio” servono sostanzialmente due caratteristiche basilari: avere ritmo ed essere il più possibile spontanei. Ma soprattutto avere non poca fortuna, perché se in televisione è parecchio più semplice riuscire ad apparire, non solo grazie ai talent show ma anche tramite quel canale sempre più rilevante quale è il web, farsi strada tra i grandi network radiofonici nazionali, invece, sembra un’impresa alquanto ardua.

Ne sembra cosciente RDS,  che ha sempre avuto un occhio di riguardo verso le nuovi voci, tant’è che per RDS prima e per Dimensione Suono Roma poi (la filiale romana) si tiene da alcuni anni lo Speaker Factory, una sorta di contest per allargare il parco voci e consentire ai ragazzi di varcare le porte di una radio “di peso” direttamente dall’ingresso principale. Quest’anno, però, s’è fatto di più.

RDS Academy, in onda ogni lunedì alle 20.10 su SkyUno, parte da questa base e la estende al mezzo televisivo, che diventa a tutti gli effetti un “supporto” per il mezzo “concorrente”. E ciò che ne uscito fuori è una sorta di talent forse impensabile fino ad oggi, proprio in virtù di quel vuoto in apparenza incolmabile tra i due media. Se è appurato che i programmi radiofonici inseriti in una cornice televisiva non funzionano, con RDS Academy si è direttamente aggirato il problema puntando tutto sul racconto della “ricerca” di una nuova voce.

RDS Academy, la recensione


9
giugno

RDS ACADEMY: AL DEBUTTO SU SKYUNO IL TALENT PER CHI VUOL FARE RADIO

Rds Academy

Ne avevamo parlato nel marzo scorso. Ora ci siamo. Al via alle 20.10 su SkyUno il primo programma dedicato a chi sogna di fare radio: è Rds Academy, nato da un’idea di Rds e Vanity Fair, prodotto da Level 33 e in onda per nove puntate sulla rete satellitare “casa dei talent show”.

Rds Academy: Pettinelli, Maffucci e Vernia i tre coach

40 aspiranti speaker radiofonici sono arrivati allo step finale, ma soltanto in 12 inseguiranno il sogno di diventare l’artista radiofonico del futuro vincendo un contratto di lavoro con Rds. La selezione e la formazione dei concorrenti in Accademia sarà curata dai coach Anna Pettinelli, voce storica di Rds, Matteo Maffucci, anima degli Zero Assoluto, e Giovanni Vernia, comico. Saranno loro a forgiare il talento dei concorrenti, affiancati da Diletta Leotta, presentatrice e giovane volto di SkyMeteo24.

I tre valuteranno le performance dal vivo dei selezionati e, a maggioranza, sceglieranno i 12 concorrenti che entreranno in Accademia. Dovranno intraprendere un percorso fatto di lezioni, studio e prove ad eliminazione, che porterà solo uno di loro ad ottenere il lavoro dei sogni: entrare nella squadra di Rds.

Rds Academy: il meccanismo e gli ospiti


21
maggio

LE PAGELLE DELLA SETTIMANA TV (12-18/05/2014): PROMOSSI MADE IN SUD E THE UNDATEABLES, BOCCIATI FAZIO CON LENO E PETTINELLI

Made in Sud

Promossi

9 a Made in Sud. Plauso a Rai2 per aver creduto in un programma della tv satellitare e averlo fatto crescere in seconda serata, prima dello sbarco nella fascia oraria più prestigiosa. Poco a poco il cabaret meridionale è diventato un cult aggiudicandosi in questa stagione la sfida a distanza della comicità con Colorado e Zelig Off. Bravi i conduttori Gigi e Ross, la poco patinata Fatima Trotta e la signora Briatore, Elisabetta Gregoraci.

8 a The Undateables. Il docureality inglese, trasmesso su Real Time, ha raccontato le vicende sentimentali di persone con disabilità con estremo tatto, facendo pensare e emozionare. E’ innegabile che questo genere di programmi racchiuda un aspetto morboso, ma in questo caso il rischio è assolutamente percorribile per sensibilizzare la platea e raccontare una realtà.

7 a Paolo Vasile. In un’intervista rilasciata a una rivista spagnola, l’amministratore delegato di Mediaset España parla a ruota libera con una lucidità e una schiettezza difficilmente riscontrabili nei top manager della capogruppo italiana. Interessante la parte della chiacchierata in cui definisce la tv spazzatura: “un insulto alle persone fatto dagli snob“. L’uomo, la cui “unica pensione sarà la morte”, cita la teoria antropologica che divide la società in cultura egemonica e subalterna e spiega: “per me è irritante che qualcuno sia della Lazio, per esempio, però non lo insulterei mai… Non giudico la gente che vede la nostra tv, cerco di fare la tv che vuole vedere il pubblico. Se dici ai telespettatori che questa è tv spazzatura, stai dicendo loro che sono coprofili e mangiano mer*a“.

6 alla moda imperante del “brand entertainment“. Se da un lato quello di realizzare un programma a braccetto con gli sponsor è un’ottima mossa – specie in tempi di crisi – per produrre a basso costo, dall’altro si rischia – com’è tipico della tv italiana – di farsi prendere la mano.

Bocciati