28
ottobre

MISS ITALIA 2013: UNA SERATA IMBARAZZANTE CHE HA ELETTO UNA VALIDISSIMA REGINETTA DI BELLEZZA

Giulia Arena - Miss Italia 2013

Giulia Arena - Miss Italia 2013

Sgrombriamo, innanzitutto, il campo da un dubbio: sono stato, sono e continuerò ad essere favorevole alla trasmissione di Miss Italia in tv. I motivi sono quelli che avrete potuto leggere su queste pagine negli ultimi mesi. Questo, tuttavia, non significa che la messa in onda del concorso possa essere approvata e apprezzata tout court.

Ieri sera, difatti, lo stupore iniziale per un avvio intelligente e non convenzionale della serata finale ha presto ceduto il posto all’imbarazzo. E le ragioni non sono difficili da ricercare: Massimo Ghini e Cesare Bocci saranno pure dei bravi attori, ma sono dei pessimi conduttori. E’ come se il PalaArrex di Jesolo avesse offerto loro un’ottima scena (seppur un pizzico tetra) sulla quale performare e questa fosse rimasta vuota per tutta la durata dello show (pessima anche la regia di Sergio Colabona). Impacciati, non coordinati o, se preferite, semplicemente inesperti, come era facilmente immaginabile, i due present-attori non sono riusciti a ‘portare a casa’ la serata.

E’ come se si fosse cercato lo sdoganamento del concorso piuttosto che la Miss Italia 2013. Assurdo, infatti, che le ragazze in gara si siano viste poco e niente, e pretestuoso (ma comprensibile, in realtà) l’aver sostituito il numero tradizionale (come a dire, abbiamo un nome non un numero) con un anello numerato.

L’autorato non è pervenuto. Di scritto c’era ben poco e quel che c’era risultava di una banalità raccapricciante. Se a ciò s’aggiunge che Francesca Chillemi non è stata nemmeno in grado di leggere quelle quattro cose in croce che le avevano preparato, il quadretto è chiaro.

Francamente dispiace. Una buona riuscita della finale del concorso avrebbe dato nuova linfa a Miss Italia e schiaffeggiato moralmente i demagogici detrattori della kermesse. Certo, le tempistiche erano decisamente limitate e la ‘responsabilità’ di confezionare un prodotto che non ’sporcasse’ La7 non avrà certo reso le cose più semplici. Da qui, però, a mettere in piedi uno show come quello di ieri sera, ce ne passa.

Una nota positiva, tuttavia, c’è: la miss eletta. Giulia Arena (qui una gallery fotografica) è valida. Oltre ad essere bella, ha dato buona prova di sè riuscendo a stupire per quanto detto, quando è stata chiamata a commentare la propria vittoria. La pace nel mondo, in pratica, non le appartiene. E Patrizia Mirigliani dovrebbe sperare e puntare proprio su di lei per prendersi una rivincita. Quella rivincita che non è arrivata con la serata finale su La7.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Miss Italia 2013 e Veronica Maya - Verdetto Finale
DM LIVE24: 17 APRILE 2014. LA PRIMA VOLTA DI MISS ITALIA 2013 IN RAI – PETIZIONE CONTRO BELEN


Giulia Arena Miss Italia (da pagina fb ufficiale)
GIULIA ARENA E’ MISS ITALIA 2013


036 Federica Ciocci 3
MISS ITALIA 2013: LE FINALISTE (FOTO)


Pick Up - Umberto Broccoli
Pick Up: le Storie a 45 Giri di Rai 1 riportano al passato con semplicità e modernità

13 Commenti dei lettori »

1. Andrew ha scritto:

28 ottobre 2013 alle 14:21

Ieri rientrato a casa ho fatto zapping e ho visto che c’era questa nuova versione di Miss Italia. Per curiosità sono rimasto sintonizzato, ma non ho resistito più di 10 minuti! Già di suo lo show non è mai stato sfavillante e veloce, ma ieri era davvero noioso. Sembrava di assistere ad un accenno di presentazione, il tutto molto blando e poco definito.
L’unica nota positiva è la nuova miss… Davvero bella!! Secondo me potrebbe anche sfondare, una specie di nuova Miriam Leone…



2. aleimpe ha scritto:

28 ottobre 2013 alle 14:23

E ora di riaprire Miss Italia anche alle minorenni dai 15 ai 17 anni, così torna a fare ascolto.

E magari se tornassero Miss Culetto d’oro e Miss un seno fantastico ?



3. Davide Maggio ha scritto:

28 ottobre 2013 alle 14:31

Andrew: bravo. A me ricorda proprio la Leone.



4. giacomo bartoluccio ha scritto:

28 ottobre 2013 alle 14:32

condivido l’articolo, occasione mancata



5. Andrew ha scritto:

28 ottobre 2013 alle 14:38

@ Davide:
Mi fa piacere che non sono l’unico che l’ha ricollegato alla miss rossa. Spero per lei in una carriera altrettanto piena. Secondo me se studiasse con impegno e costanza potrebbe sfondare anche nella recitazione, ha un viso che colpisce.



6. Davide Maggio ha scritto:

28 ottobre 2013 alle 14:41

Ah, Miss Italia 2014 confermata su La7.



7. Mirko C ha scritto:

28 ottobre 2013 alle 14:50

Concordo pienamente con l’articolo



8. Dasmix ha scritto:

28 ottobre 2013 alle 15:08

Allora ho fatto bene a non guardare neanche un minuto… Comunque la Miss merita davvero, brava e buona! ;-)



9. marco ha scritto:

28 ottobre 2013 alle 15:11

@Davide si riconfermata su LA7 ma con altri conduttori magari più eserti ed una serata più decente di quella di ieri Comunque rimango della mia idea che in 11 anni che seguo miss Italia questa edizione è stata la più brutta e noiosa della storia di Miss Ital unica nota positiva la nuova miss



10. marcko ha scritto:

28 ottobre 2013 alle 15:14

un’occasione sprecata….
speriamo almeno sia servito per correggere il tipro per l’anno prossimo.



11. claudio ha scritto:

28 ottobre 2013 alle 15:27

Come ho avuto modo di scrivere nell’altro pezzo di Mattia sulla riconferma di La7, credo che il Direttore di rete e la produzione in generale abbia capito i punti deboli di quest’edizione. In due mesetti, con le pressioni intorno che hanno incontrato, non era per nulla facile realizzare tutto per bene. Mi sento di dargli fiducia, con un cambio in conduzione (e relativo autorato), una regia più frizzante e altri piccoli correttivi che potrebbero dare tanta “vivacità” in più a un programma che, ridotto a serata unica, ha tante potenzialità se “incollate” bene e non attaccate col nastro adesivo.



12. Valerio ha scritto:

28 ottobre 2013 alle 15:42

Io l’ho visto tutto il programma, credo di essere uno dei pochi che ha resistito dall’inizio alla fine.
L’inizio è stato piacevole e anticonvenzionale, ma poi Ghini ha iniziato a diventare pesante, io avrei preferito che si desse più spazio a Bocci. La Chillemi non è una conduttrice, è vero che non è riuscita sempre a leggere il gobbo, ma la potevano coinvolgere di più, magari con qualche performance di ballo. Comunque alla fine la conduzione ha mancato dei tempi giusti ed è stata lunga e noiosa.
Mi è piaciuta la scenografia, molto moderna e luminosa. Non mi è piaciuto il palasport, quando lo inquadravano si vedevano le sedie vuote e l’ambiente era triste.
La giuria è stata poco coinvolta e alcuni giudici come Sottile era meglio risparmiarseli
Il pubblico è stato freddissimo.
Gli ospiti mi sono piaciuti e anche i ballerini. Per l’anno prossimo valorizzerei gli intermezzi musicali e di ballo.
Non mi è piaciuta assolutamente la regia, come si fa a fare un concorso di bellezza senza inquadrare le concorrenti. Alcune non venivano inquadrate, altre te le mostravano da lontano e poi basta con questa fissa che devono stare coperte, è un concorso di bellezza se io non vedo le concorrenti come le voto? Per l’anno prossimo sarebbe bello organizzare una bella sfilata in costumi da bagno e poi abiti da gran sera per testare le capacità delle miss nello sfilare.Bisognava dare più spazio a queste ragazze.
Mi è piaciuta l’idea della serata unica.
Infine ci voleva più allegria!



13. Franco2 ha scritto:

28 ottobre 2013 alle 18:22

Difficile che La7 si presti a fare da palestra per le proprie miss, come ha fatto la Rai. La nuova miss Italia mi sa che potrà contare esclusivamente sugli agganci della Mirigliani per lavorare, per cui la carriera che ha fatto la Leone resterà un miraggio.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.