18
ottobre

LE ALI DELLA VITA: IL VENERDI DI CANALE 5 ANCORA CON LISI-FERILLI DOPO IL SUCCESSO DI BACIAMO LE MANI (FOTO)

Virna Lisi e Sabrina Ferilli

Orfano del grande successo di Baciamo le mani, il venerdì sera di Canale 5 sarà nuovamente all’insegna del duo Virna LisiSabrina Ferilli. L’ammiraglia del Biscione vuole cavalcare l’onda riproponendo un prodotto già replicato varie volte negli anni, che vide nel 2000 la prima esperienza insieme sul set delle due attrici.

Si tratta de Le Ali della Vita, la cui prima serie, composta all’epoca da due prime serate, verrà riproposta questa sera – venerdì 18 ottobre 2013 – in un’unica soluzione di circa 130 minuti, mentre la prossima settimana toccherà a Le Ali della Vita 2, sèguito che l’ammiraglia Mediaset trasmise in prima tv nel 2001.

Un prodotto certamente diverso, per stile e tematiche, da Baciamo le mani, nel quale la Ferilli interpretò un ruolo simile a quello della sua Gabriella targata Ares, essendo anche lì una donna che si batteva per giustizia e libertà, mentre la Lisi si cimentò con quello di una suora spietata e incapace di provare compassione. Molto lontana, dunque, dalla seppur decisa Agnese Vitaliano che ci ha proposto in queste settimane e di sicuro anche dall’altra suora a cui ha prestato il volto e che vedremo presto in Madre aiutami. Rispolveriamo dunque la trama della miniserie Le Ali della Vita, diretta da Stefano Reali.

Le Ali della Vita: la trama

Fine anni ‘50. Rosanna Ranzi (Sabrina Ferilli) è una giovane insegnante di canto che ama il suo lavoro; donna bellissima, intelligente e piena di gioia di vivere, arriva al Nord a dirigere il coro del Collegio Santa Chiara retto da una Suora Superiora, Sorella Alberta (Virna Lisi), dalla personalità fortissima e dai principi educativi che sembrano tendere unicamente a soffocare nelle sue giovani ospiti ogni barlume di personalità e di gioia di vivere.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , , ,



Articoli che potrebbero interessarti


Baciamo le mani 23
BACIAMO LE MANI: DA SETTEMBRE SU CANALE 5 VIRNA LISI TORNA A FARE COPPIA CON SABRINA FERILLI


I Fantasmi di Portopalo 16
I Fantasmi di Portopalo: Beppe Fiorello torna su Rai1 con una nuova miniserie d’impegno civile


Rimbocchiamoci le maniche - Sergio Assisi
RIMBOCCHIAMOCI LE MANICHE: TUTTI I PERSONAGGI


Gomorra 2 - 16
GOMORRA 2 – LA SERIE: LA LOTTA PER IL POTERE CRIMINALE E’ DI NUOVO APERTA

4 Commenti dei lettori »

1. Andrew ha scritto:

18 ottobre 2013 alle 14:45

Pare che su Canale 5 godano proprio a floppare… Ma come gli viene in mente di replicare una fiction che è passata innumerevoli volte?
Se non sbaglio è stata replicata anche su La5 un po’ di volte…



2. enricack ha scritto:

18 ottobre 2013 alle 14:54

Sarà anche stata replicata varie volte ma guardarla è sempre un piacere, se vogliamo considerare le repliche montalbano l’ hanno consumato a furia di mandarlo! Perchè polemizzare sulle Ali della vita , guardiamolo e basta!



3. dumurin ha scritto:

18 ottobre 2013 alle 19:09

Concordo con Enricack, è molto peggio la Rai che trasmette la miliardesima replica di Montalbano o della Principessa Sissi invece di trasmettere fiction prodotte da lei con i nostri soldi del canone e che restano a fare muffa nei cassetti della Rai (e mi riferisco ad esempio a “Milady” con Arielle Dombasle e Asia Argento e “La Regina e il Cardionale” con Alessandra Martines, entrambe coprodotte da RaiFiction con la Francia e che mi piacerebbe vedere in tv invece di rivederle l’ennesima replica di Montalbano o di Sissi).
Almeno Mediaset se replica Le Ali della Vita lo fa, ma i soldi sono i suoi mica dobbiamo pagare un canone per vederci la miliardesima replica in pieno periodo di garanzia.



4. liz castello ha scritto:

21 ottobre 2013 alle 18:20

e quando il film venuto al mondo ??



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.