14
settembre

RAI PREMIUM: NON SOLO FICTION, SPUNTANO LE REPLICHE DI PECHINO EXPRESS 2 E TALE E QUALE SHOW

Rai Premium

Continua la trasformazione di Rai Premium, canale tematico che sembrerebbe a caccia di una nuova identità, dopo aver abbandonato quella esclusiva per veri affictionati con la quale si era imposto all’attenzione del pubblico. Abbandono che, a onor del vero, non sembrava necessario e che dal punto di vista degli ascolti non ha portato miglioramenti che lo giustificassero.

Da oggi le tappe di Pechino Express 2 in replica su Rai Premium

Dopo l’introduzione in palinsesto di molte serie straniere, i cui contenuti ed il cui target erano molto lontani da quello dei telespettatori del canale 25 del digitale terrestre, che erano abituati a storie di quotidianità come quelle che la fiction italiana racconta, adesso Rai Premium si dà alla replica degli show.

Oggi, sabato 14 settembre, infatti, alle ore 17:00 verrà trasmessa la replica della prima puntata di Pechino Express 2 mentre il giorno dopo, domenica 15, alla stessa ora verrà replicata la seconda. Dal 22 settembre, poi, la domenica diventerà il giorno stabilito per rivedere il viaggio per Bangkok guidato da Costantino della Gherardesca, con la replica alle 17:00 della puntata trasmessa in prima serata da Rai 2 il lunedì precedente.

Dal 17 settembre in replica su Rai Premium Tale e Quale Show 3

Stessa cosa accadrà il mercoledì con Tale e Quale show la cui prima puntata, in onda ieri sera su Rai 1, verrà riproposta il 17 settembre alle 21.10, e così per le puntate a seguire. Una scelta che se da una parte realizza una sorta di “gemellaggio” con la rete ammiraglia – che dopo la chiusura di Rai Extra necessita di un canale altro che possa dare risonanza alle sue produzioni ed attrarre nuovo pubblico (cosa che per la concorrenza fa Mediaset Extra) -, dall’altra cancella ancora di più l’anima di Rai Premium.

Non sarebbe stato meglio, per l’azienda pubblica, dedicare un altro dei canali minori al suo attivo alla replica delle produzioni di punta (o non chiudere Rai Extra) – che comunque sono già visibili sul web on demand -, invece di assottigliare ancora di più l’offerta di fiction,  genere che va per la maggiore e che lo scorso anno l’ha portato molto spesso a dominare?



Articoli che potrebbero interessarti


Carlo Conti
FESTIVAL DI SANREMO 2017: LE REPLICHE GIORNO PER GIORNO SU RAI PREMIUM


conduttori sanremo
FESTIVAL DI SANREMO 2016: LE REPLICHE SU RAI PREMIUM GIORNO PER GIORNO


Pasion Prohibida
PASION PROHIBIDA: DOMANI L’ULTIMA PUNTATA SU RAI 2. E NEL POMERIGGIO SI RIPARTE SU RAI PREMIUM


Costantino_PechinoExpress
PRIME TIME AUTUNNO 2013, I PRIMI DEBUTTI: SI INIZIA CON BACIAMO LE MANI, PECHINO EXPRESS ANTICIPA E RADDOPPIA

9 Commenti dei lettori »

1. marco de santis ha scritto:

14 settembre 2013 alle 13:19

Completa d’accordo. …il canale aveva la sua identità con fiction italiane e straniere e con buone novelas. Facendo cosi si depista il telespettatore. Si dessero da fare x creare un nuovo canale dove riproporre i programmi di punta e repliche varie sul modello di mediaset extra



2. tito ha scritto:

14 settembre 2013 alle 13:49

Ma ridare vita a Rai Extra no?? così danneggiano solo l’identità del canale!!



3. Franco2 ha scritto:

14 settembre 2013 alle 13:53

A me manca Rai Extra, quindi se quel ruolo lo assume un altro canale, anche Rai Premium, mi va bene. Poi c’è un limite anche all’archivio di fiction della Rai, quindi credo sia inevitabile prima o poi dover attingere ad altri programmi.



4. Marco89 ha scritto:

14 settembre 2013 alle 13:57

Brava Stefania, sei sempre molto precisa ed incisiva. Sono due incursioni che proprio non c’ entrano niente. Gli ascolti infatti non sono più quelli di un tempo, Last Cop l’ altro giorno è andato male.
Quest’ estate almeno il canale ha rispolverato negli archivi, ho scoperto fiction mai sentite come ” Racket” con Placido anche se purtroppo sempre in orari proibitivi. Ora il day time riparte con Rocca e il Medico, penso porteranno buone cose.



5. otissito89 ha scritto:

14 settembre 2013 alle 14:07

Ancora oggi mi chiedo il senso della chiusura di Rai Extra. Un canale praticamente a costo zero dove potevano inserire programmi recenti e del passato come Rai Extra. Il successo non sarebbe mancato. Purtchè si inserisca su una frequenza con degna copertura. Non di certo il Mux4 dove ci sono attualmente Rai5 Rai Storia e Rai HD.

Rai Premium andava benissimo com’era prima. Già da inizio estate è stato “rovinato” e ora è diventato pure peggio…

Ma far rinascere Rai Extra e far ritornare come prima Rai Premium no?
Lo spazio alla Rai di certo non gliene manca sulle su frequenze…



6. rien ha scritto:

14 settembre 2013 alle 14:09

Anch’io sono d’accordo.



7. Andrew ha scritto:

14 settembre 2013 alle 14:16

Anche io non ho capito la chiusura di Rai Extra.
Tuttavia al momento, con i canali attuali, io destinerei Rai4 a canale dedicato a spettacoli e repliche e lascerei Rai Premium così come è, incentrato sulle fiction (e spostando in questo canale le serie ora in onda su Rai4)…



8. Santo ha scritto:

14 settembre 2013 alle 15:25

Rai premium ha trasmesso le repliche di alcuni programmi storici che adesso non trasmette piu’.Perche’ non trasmettere le vecchie produzioni anziche’ tramettere le produzioni fresche.Mi ricordo programmi che non avevo mai visto come tatro 10,Indietro tutta,Carramba 1° edizione questi sono programmi da trasmettere.Oltre alla bella fiction rai.



9. shiver ha scritto:

14 settembre 2013 alle 16:41

Anch’ io non capisco il motivo di questa scelta che cozza con l’ identità di Rai Premium. Si presta bene a repliche di show storici, come scritto da Santo. Ma per le repliche degli show attuali avrei visto molto bene Rai4 e Rai5 a dividersele (alcuni show su Rai4 non c’ azzeccano niente). Oppure il canale tematico Rai Extra che c’ era prima.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.