10
gennaio

MAX GIUSTI A DM: CON RIUSCIRANNO I NOSTRI EROI FARO’ UNA TV CREATIVA. TUTTI SCRIVONO CHE AFFARI TUOI HA ROTTO, NESSUNO CHE BATTE LA CONCORRENZA

Max Giusti

La sua grande occasione, finalmente, è arrivata. Domani, 11 gennaio, Max Giusti debutta in prime time su Rai1 con un ambizioso varietà del venerdì sera dedicato agli italiani. Il brillante conduttore di Affari Tuoi e di SuperMax (su Radio2) sarà il mattatore assoluto di Riusciranno i nostri eroi, cinque puntate fatte di monologhi, sketch, imitazioni  e musica dal vivo. Al suo fianco, le attrici Donatella Finocchiaro e Laura Chiatti. Lo abbiamo intervistato alla vigilia dell’importante debutto, interrompendolo proprio durante una delle ultime prove prima della diretta.

L’esordio del tuo nuovo show si avvicina: come ti senti, Max?

Molto contento, è un programma diverso da tutti quelli che ho fatto negli ultimi anni. Nasce da una mia idea, per riappropriarmi del gusto di fare cose che mi divertono. Farò quello che non sono mai riuscito a proporre su Rai1: ci saranno i miei monologhi, interagirò con due attrici bravissime come Laura Chiatti e Donatella Finocchiaro, che sono delle belle scoperte con un background diverso dal mio. Il desiderio di portarle in tv nasce proprio dal fatto che oggi il piccolo schermo si nutre di se stesso e ci sono poche novità.

Quali saranno i punti di forza dello show?

Un primo punto di forza sarò io, che mi presenterò nel ruolo inedito del monologhista e tornerò ad interpretare dei personaggi, ma non come facevo a Quelli che il calcio perché il programma sarà tutto live e ci sarà poco di registrato. Io ho voluto fortemente la diretta, mi sono contaminato con un autore come Giovanni Veronesi e soprattutto, essendo io in onda tutto l’anno con Affari tuoi, volevo portare in tv anche elementi nuovi, in modo da non procurare al pubblico un’overdose di Max Giusti. Tra gli ospiti avremo anche degli attori, che non verranno a promuovere un film ma ad interagire in situazioni divertenti come non si vedeva da anni. Ho voluto riportare la tv ad essere un palcoscenico che si apre nelle case degli italiani.

Ci puoi anticipare qualcosa sui tuoi ospiti?

Porterò in onda persone che altrimenti non avrebbero mai accettato di fare tv. Posso confermare la presenza di Sergio Castellitto, Enrico Brignano, Fiorella Mannoia… e tanti altri che ancora non vi svelo.

Il programma si propone di raccontare gli italiani di oggi in chiave ironica. Ma l’attualità del Paese offre ancora spunti per sorridere?

Sì, molti. Il problema è non fare ridere in modo banale, perché Rai1 è la rete generalista per eccellenza ed io dovrei far divertire tutti in modo originale. E questo non è semplice. Nel nostro mestiere bisogna anche rischiare. Dopo tanti anni, questo è il primo show televisivo di prime time prodotto internamente dalla Rai ed è una sfida che io ho colto, anche se molti mi dicevano di aspettare momenti migliori per farlo. Ma non dobbiamo ragionare solo per strategia, io lavoro per entusiasmo.

Sul piano degli ascolti ti misurerai a distanza con un altro showman di successo, Maurizio Crozza. Temi questo confronto?

No, facciamo cose completamente diverse. L’unica cosa che temo del raffronto con Crozza è che lui fa un bellissimo programma, e quest’anno lo trovo anche migliorato. Di solito i complimenti ai colleghi si fanno quando sono morti, io invece lo dico adesso: Crozza è bravissimo. Spero solo che la curiosità del pubblico di guardare questa nuova trasmissione su Rai1 possa portarmi fortuna…

Tempo fa si parlò di un tuo possibile approdo a La7, poi non verificatosi. Anche in quel caso cercavi qualcosa di nuovo da sperimentare?

Noi artisti dobbiamo vivere di entusiasmi, di progetti. Molti di chiedono: “ma ancora fai i pacchi?”. Io sono felicissimo di condurre Affari tuoi, l’importante è che in Rai io non faccia solo quello, sennò sarei costretto ad andarmene via perché non avrei sfoghi per fare ciò che mi piace. Ringrazio l’azienda che mi ha dato questa nuova opportunità ed ha creduto in me; voglio fare una tv che faccia ridere ma che lasci anche una sensazione di pulizia e freschezza.

A tuo avviso, come mai la tv di oggi fatica a promuovere nuove idee?

Perché la tv di oggi è un’azienda con un bilancio dato dagli investimenti pubblicitari, che necessitano garanzie in termini d’ascolti. Questo vale anche per la Rai, che ha una responsabilità enorme quando decide di rischiare. Lo stesso pubblico fatica ad accettare un nuovo programma: molti show come Zelig o Le Iene hanno avuto successo solo alla lunga. Oggi, invece, se un programma tentenna alla prima puntata lo si chiude alla seconda.

Su Rai1 continui con entusiasmo anche l’esperienza di Affari tuoi. Non credi, però, che sarebbe stato meglio far riposare il programma per poi riprenderlo con nuovo slancio?

Sì, questo sarebbe piaciuto anche a me. Ma in questo momento la Rai sta facendo un’importante spending review interna ed Affari tuoi è il programma che porta maggior introiti pubblicitari di tutta l’azienda, quindi se mi chiedono di andare avanti io lo faccio. La Rai mi sta dando una grande opportunità e non me la sentirei di fare show che costa due o tre milioni di euro a puntata, perché l’aria nel Paese è diversa. L’importante è essere consapevoli di fare un buon lavoro.

Dunque difendi il programma ‘dei pacchi’…

Sì perché sembra che Affari Tuoi stia sulle “scatole” a tutti… Ma vogliamo dire che da dieci anni c’è un programma con dei pacchi che fa un ascolto pauroso? Che ha rotto lo scrivono tutti, ma che batte la concorrenza non lo scrive nessuno. E poi parliamo di rivali prestigiosi, perché per me è un onore sfidare Striscia.

Sembra quasi che tu viva la vittoria negli ascolti come un riscatto…

No, assolutamente. Con Greggio sono amico, e con Enzino lo sono ancora di più. Noi non siamo uno contro l’altro, facciamo il nostro mestiere e tutte le altre paranoie sulle rivalità le fanno gli altri, non siamo pagati per stare bene o male a seconda degli ascolti che facciamo. Mi sono un po’ stancato di essere considerato come uno che sta lì per sbaglio: nessuno mi tiene in quel programma per grazia ricevuta. Non ho tessere di partito, onorevoli che mi proteggono o direttori amici. Se non faccio ascolti non vado in video.

Dopo aver fatto tv, radio e teatro non ti piacerebbe sperimentare il cinema?

Io ho un soggetto cinematografico, ma per ora ho pietà per gli italiani: basta, troppo Max Giusti sennò (ride, ndDM)! Con Riusciranno i nostri eroi sono tornato a fare una tv creativa. Il mio più grande desiderio è quello di far tornare la tv un posto dove tutti i più autorevoli esponenti dello spettacolo italiano possano trovare il gusto di mettersi in gioco e di venire a fare il loro lavoro. Questo è quello che mi auguro.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Max Giusti.
MAX GIUSTI A DM: A QUELLI CHE IL CALCIO SARO’… BOOM! È UN PROGRAMMA DA GENERALISTA. A RADIO2 NON C’ERANO PROGETTI


Riusciranno i nostri eroi
RIUSCIRANNO I NOSTRI EROI E LE PRETESE TUTT’ALTRO CHE “EROICHE”


Riusciranno I Nostri eroi cast
RIUSCIRANNO I NOSTRI EROI: IL MAX GIUSTI SHOW DA STASERA SU RAI1


Roberto Saviano, Kings of Crime
Roberto Saviano a DM: ecco la differenza fondamentale tra l’intervista di Vespa a Riina su Rai 1 e la mia a Prestieri sul Nove

26 Commenti dei lettori »

1. Anonimo ha scritto:

10 gennaio 2013 alle 11:53

Tra qualche hanno verrà fuori che gli ascolti Auditel sono pilotati per avere più introiti sulla pubblicità.

Siamo nel 2013: possibile che gli ascolti vengano misurati ancora solo su un campione di persone?

Eppure le tecnologie per vedere che cosa viene visto sulle TV accese ci sono. Cosa aspettano ad adottarle? Forse è troppo comodo lasciare tutto com’è…



2. isolano ha scritto:

10 gennaio 2013 alle 11:57

mi piace Max Giusti, fa un bell’intrattenimento. vediamo se porterà buone idee anche stavolta. in verità non ha molto da temere per gli ascolti, il venerdì è a suo favore



3. Mattia Buonocore ha scritto:

10 gennaio 2013 alle 12:00

@isolano diciamo che Mediaset gli ha fatto un favore rinviando Il Clan dei Camorristi.



4. mugnezz ha scritto:

10 gennaio 2013 alle 12:13

personaggio sopravvalutato , se gli tolgono affari tuoi , va nel dimenticatoio diretto !!! probabilmente fara un pò d’ascolto , dopotutto senza concorrenza



5. emanuele ha scritto:

10 gennaio 2013 alle 12:17

venerdi sera lavoro…quindi non potrò vederlo!….lo vedro’ in replica su rai.tv!…in bocca al lupo Max!…mi piace quando ci sono programmi nuovi!



6. amazing1972 ha scritto:

10 gennaio 2013 alle 13:08

davo per spacciato illusionist di giovedi,ma di venerdi,con giuati come competitor,potrebbero fare un testa a testa di ascolti mediocri



7. Marco MDNA ha scritto:

10 gennaio 2013 alle 15:15

Max Giusti può dire quello che vuole,ma si scordi di fare grandi ascolti. Per me sarà un flop(e mi rimangerò tutto se così non sarà)o al massimo farà ascolti mediocri.Sarà molto importante quello che salterà fuori dai dati auditel Sabato mattina,visto che molti danno già per spacciato Teo Mammucari,e molti altri non sono convinti nemmeno di ”Riusciranno I Nostri Eroi”. Le uniche certezze che io ho è che Max Giusti non fa ridere,che è logorroico,che non è adatto per programmi di questo tipo, che Affari Tuoi fa ancora grandi ascolti non di certo per merito suo,e che ha già fatto flop una volta,quindi la questione si potrebbe ripetere.



8. Peppe93 ha scritto:

10 gennaio 2013 alle 15:37

Io onestamente sono molto curioso del programma. Per quanto riguarda Affari tuoi è vero che va bene in ascolti però spero che a settembre non ci sia anche perchè in rai stanno sperimentando qualcosa.



9. lisa ha scritto:

10 gennaio 2013 alle 16:15

Anche teo ha fatto vari flop….
quindi al massimo saranno li ma bisogna vedere dalla seconda puntata gli ascolti che fara’…
E’ un programma che, per una volta, invece di avere protagonisti assassini o presunti tali, ci saranno persone che con loro modo di fare, tenacia e coraggio si sono comportati da eroi. Questo e’ un aspetto diverso rispetto ai precedenti, l’idea può essere carina, anche se uno show cosi avrei visto meglio la carra’ trattare di certe cose…



10. franky80 ha scritto:

10 gennaio 2013 alle 17:11

A me Giusti piaceva tanto come imitatore, come conduttore è un po’ scarso. Il gioco dei pacchi fa schifo, però viene visto perchè gli italiani sono un popolo di giocatori. Vedi le lotterie, i gratta e vinci, le slot, il gioco d’azzardo. Quando ci sono soldi di mezzo gli italiani perdono il controllo. Io preferisco sempre Striscia e a vedere gli ascolti, non capisco perchè Giusti dice di vincere contro la concorrenza. A parte il periodo natalizio (guarda caso il periodo di tombole casalinghe e giochi vari) dove affari tuoi ha avuto più vittorie contro Striscia (che in quel periodo viene registrata), per il resto dell’anno Affari tuoi ha sempre perso. I numeri cmq parlano su tutto.



11. mcquail ha scritto:

10 gennaio 2013 alle 18:13

credo che questo programma potrà conquistare gli italiani.
Max Giusti è uno dei pochi che in Tv sa condurre e sa far ridere e la coppia di conduttrici mi sembra molto valida.



12. mugnezz ha scritto:

11 gennaio 2013 alle 14:30

davvero max giusti sa condurre ?!? da quando ?
io guarderò canale 5 stasera , ma perchè mi piace la magia !!!

invece mi auguro un bel flop per raiuno !!!



13. maxhunter65 ha scritto:

11 gennaio 2013 alle 16:19

Per me Giusti è un vero showman!!Sono sicuro che stasera sarà un successo



14. mugnezz ha scritto:

11 gennaio 2013 alle 18:00

ma non avete ancora capito che a raiuno potete mettere un manico di scopa che tanto la gente lo guarderebbe lo stesso !!!



15. Davide Maggio ha scritto:

11 gennaio 2013 alle 18:21

mugnezz: ma non hai ancora capito che i vecchi non sono degli imbecilli?



16. mugnezz ha scritto:

11 gennaio 2013 alle 19:05

ma certo !!! però sono un pubblico fidelizzato di raiuno e fanno la differenza !!!



17. Davide Maggio ha scritto:

11 gennaio 2013 alle 19:06

mugnezz: se sono soddisfatti da Rai 1 che ci vuoi fare. Hanno più volte dimostrato che se c’è qualcosa di non gradito cambiano canale.



18. mugnezz ha scritto:

11 gennaio 2013 alle 19:59

e no !!! quà ti smentisco ; e da una vita che sento i miei parenti e i miei genitori lamentarsi di quanto sia falso affari tutoi , eppure lo guardano tutte le sere . mia madre guarda quelle fiction rai tutte uguali , recitate male . lo sà lo ammette eppure continua a guardarle !!!

e come lei immagino tanti tanti altri italiani !!!

quindi il mio ragionamento fila !!!



19. Davide Maggio ha scritto:

11 gennaio 2013 alle 20:05

mugnezz: smentisco la smentita.



20. mugnezz ha scritto:

11 gennaio 2013 alle 20:14

pensala come vuoi !!!



21. Davide Maggio ha scritto:

11 gennaio 2013 alle 20:15

Ci mancherebbe :D



22. mugnezz ha scritto:

11 gennaio 2013 alle 20:52

vedremo chi alla fine avrà ragione !!! ;-)



23. maxhunter65 ha scritto:

14 gennaio 2013 alle 13:00

Che dire il programma è stato divertente e Max all’altezza delle aspettative.



24. mugnezz ha scritto:

15 gennaio 2013 alle 03:24

programma monotono conduttore monotono , non fa una grinza



25. daniele ha scritto:

4 gennaio 2015 alle 16:09

E’ inutile che Giusti se la prende con chi attacca il gioco dei pacchi. Se lui stesso ammette che sta sulle scatole a tutti un motivo ci sarà, o sbaglio? Poi solo perchè lo conduce non vuol dire che deve difenderlo per forza, nessun programma, secondo me, è intoccabile.



26. daniele ha scritto:

6 giugno 2015 alle 14:31

Volevo aggiungere anche un’altra cosa. Conduttori come Conti, Bonolis, Scotti e De Filippi sono conosciuti a livello nazionale con diversi programmi di successo, invece Giusti e Insinna sono conosciuti solo dal pubblico ristretto di Affari Tuoi (con tutto il rispetto per questi due, per carità). Certo, condurre AT ti dà popolarità, però finisce lì. Non voglio cambiare discorso ma Insinna, ad esempio, ha fatto flop di ascolti su canale 5 appunto perchè non è conosciuto, quando è tornato in rai a condurre il gioco dei pacchi all’improvviso è stato sopravvalutato e osannato. Max Giusti a me sta simpatico, e non ho nulla contro di lui, dico solo che se non avesse fatto AT sarebbe andato nel dimenticatoio, al massimo lavorerebbe in radio come ha fatto e penso stia ancora facendo.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.