31
dicembre

CARLO CONTI A DM: LA TV NON E’ IN CRISI, E’ L’OFFERTA AD ESSERE AUMENTATA. IL MIO SOGNO? LINEA BLU. E SU RENZI…

Carlo Conti

Carlo Conti

[Intervista del 15 novembre 2012] E’ probabilmente l’unico big dell’italica tv a non esser ancora passato su queste pagine. Non potevamo, però, non chiedere a Carlo Conti di commentare con noi l’exploit di Tale e Quale Show, programma di Rai 1 che è riuscito a riaccendere le speranze di chi cercava in tv momenti di evasione. Poi, ci siamo fatti prendere la mano: da Tale e Quale show siamo arrivati a The Voice, a Fatti Valere passando per il confronto a distanza tra la sua Eredità e Avanti un altro ma anche per Linea Blu (suo sogno televisivo) e… Matteo Renzi.

Tale e Quale Show. Un successo che immaginavi o arrivato inaspettatamente?

Ogni anno, a Maggio, mi diverto a sperimentare. Dal cilindro può sempre uscire qualcosa di interessante. La scorsa stagione abbiamo provato Tale e Quale Show, evoluzione di Lasciami Cantare, testato l’anno precedente. Non credevo, però, che Tale e Quale riscuotesse tutti questi consensi anche perchè nella nostra memoria c’erano i “Re per una Notte” di Gigi Sabani e Mike Bongiorno. Siamo riusciti a trovare la giuria e i concorrenti giusti, grandi professionisti che si sono messi in discussione. L’aspetto più forte che siamo riusciti a tirare fuori è il sacrificio che c’è dietro le quinte. Il pubblico probabilmente avrà capito tutto questo, dandoci la possibilità di tornare a fare un varietà come quelli che si facevano un tempo, lavorando tutta la settimana.

L’intrattenimento è in crisi. Come se ne esce?

Quello che si deve fare adesso è confezionare e ricompattare qualcosa di già visto. Alcuni successi televisivi non sono niente di nuovo. Ad esempio, il mio format televisivo preferito, Italia’s Got Talent, è la confezione più moderna de La Corrida. Il sapore è quello e l’intelligenza sta nell’averlo saputo confezionare.

La televisione deve guardare al passato ed aggiornarsi o deve tagliare col passato per innovarsi?

Serve l’uno e l’altro. La tv la paragono ai ristoranti: c’è la trattoria che ti propone il classico, c’è il ristorante che ti propone un nuovo tipo di cucina ma c’è anche quello che ti propone la cucina tradizionale rivisitata. Il pubblico, adesso, ha una grandissima varietà di scelta. E’ giusto che ci sia il programma innovativo per linguaggio e confezionamento, ed è giusto che ci sia il programma più tradizionale. Non a caso, al fianco di Italia’s Got Talent c’è con grande forza anche La Corrida. Il gusto del pubblico è molto più veloce di quello che facciamo noi televisivamente.

Allora cosa c’è che non va giù al pubblico?

E’ semplice. Ci sono molte più offerte. Prima il 100% si divideva tra 5/6 proposte, quelle delle generaliste. Adesso lo devi dividere per 100. Ha più possibilità di scelta con l’avvento del digitale terrestre. Mia zia, che ha 80 anni, prima faceva il giro di queste sei televisioni e se non trovava nulla ritornava sulla prima. Adesso, se non trova nulla, magari va su Rai Premium a vedersi la replica di una fiction oppure scopre che su Sky ci sono i suoi episodi di CSI preferiti. Anche la persona meno giovane ha imparato a scegliere e a usare il telecomando, così come negli anni 70 ha iniziato a scoprire che oltre ai primi due canali c’erano anche le tv locali. C’e’ un’altra svolta epocale come negli anni 70.

Quindi per te non c’è crisi!

No. E’ solo più difficile fare grandi numeri ed è più difficile per le generaliste catalizzare più del 20%. Oggi un 17/18% è già un successo. Non vuol dire, quindi, che c’è crisi ma che la ripartizione è varia. Il venerdi, ad esempio, hai una varietà incredibile di scelte: dai telefilm su Rai 2 a Quarto Grado su Rete4, ai Cesaroni su Canale5 a Crozza su La7. Ormai la voce ‘altre’ nei dati Auditel supera i dati delle generaliste. In più, l’avvento del digitale terrestre fa sì che tutte le tv si vedano bene.

C’è qualche rete non generalista alla quale sei affezionato?

Il canale di pesca su Sky. E in generale i documentari. Penso che la piattaforma Sky sia ben fatta e di grandissimo livello.

Faresti mai una scelta come quella di Simona Ventura?

L’ho apprezzata moltissimo. E’ la prima che ha avuto il coraggio di fare un’operazione di questo tipo. Ciascuno di noi, in questo nuovo scenario, dovrà allargare gli orizzonti e vedere le proposte televisive in maniera differente.

E quindi la faresti o no?

Perchè no. Ma ogni cosa va scelta a suo tempo. Il mio matrimonio con la Rai va talmente bene che non c’è motivo di pensare in maniera diversa. Ma nella vita non si può mai dire. Io, Gerry Scotti e Maria De Filippi siamo gli unici a non aver mai fatto passaggi da una parte all’altra.

Ci sono personaggi che si identificano con la rete sulla quale vanno in onda. Forse solo Scotti viene visto più come un personaggio Rai…

Forse anche io, se dovessi andare dall’altra parte, troverei il modo per inserirmi. Costanzo definisce me e Scotti come i mediani della tv, che servono come il pane in tutte le squadre. Un altro che ha dimostrato che può funzionare benissimo da una parte e dall’altra senza alcuna difficoltà è Paolo Bonolis. A volta si tratta di scelte umane e professionali. Se stai bene non c’è motivo di cambiare.

Sei fortemente aziendalista. E’ come se non dicessi mai di ‘no’ a ciò che ti viene proposto. E’ un’impressione o la realtà?

Non accetto tutto. Sono molto severo e dico parecchi ‘no’, come ad esempio quello detto a Sanremo.

Quando?

Due anni fa. Non era il momento giusto. Non sentivo un’uniformità di pensiero da parte dell’azienda e con grande serenità ho detto che ne avremmo riparlato in un altro momento. Da qui in giù pensa quanti ‘no’ sono stati detti. Poi, invece, ci sono momenti d’emergenza in cui l’azienda mi chiede di anticipare di molto un programma che avrebbe dovuto riposare; succede quello che accade ad un giocatore in panchina al quale fa male il ginocchio e viene chiesto un sacrificio: giochi anche se rischi di farti male.

A proposito di emergenze. I Migliori Anni anticipa la messa in onda (a gennaio) e finalmente si scontrerà con Maria De Filippi. Come mai questo ’scontro’ che sembrava essere l’unico possibile non è stato fatto negli scorsi anni?

Secondo me si doveva confrontare con C’è Posta per te due anni fa. Quello che ci sarà a gennaio non è uno scontro corretto perchè ci sono due varietà. Se i Migliori Anni si fossero confrontati con C’è Posta per Te avremmo avuto un varietà e un bellissimo programma di sentimenti. Ci sarebbe stato un sapore diverso. Ora, invece, mi toccherà registrare Italia’s Got Talent.

E’ rischioso come scontro anche perchè nell’ultima edizione I Migliori Anni ha accusato un po’ di stanchezza…

Quando di un programma fai 5 edizioni in quattro anni con 16/17 puntate per edizione, lo spremi tanto. E’ chiaro che deve riposare. Spero di poter dare un sapore diverso. Spero ci venga un colpo di genio.

Che fine farà la direzione Intrattenimento della Rai? Si dice sia prossima allo smantellamento.

Noi che siamo in trincea siamo sempre gli ultimi a sapere.

Un conduttore che fa il 24% di questi tempi non credo sia l’ultimo a sapere…

E’ che sono impegnato a fare questi risultati (ride, ndDM).

Avresti potuto condurre Fatti Valere. Poi con la messa in palinsesto de I Migliori Anni…

In realtà, in quella collocazione non era il caso che lo facessi io. Non potevo finire un programma un venerdi, e il venerdi successivo iniziarne un altro. Era già previsto che non lo facessi io.

Ma si parlava di te come giurato…

Si, era una probabilità anche perchè era un format che avevo visto io con gli amici della Toro. Mi piaceva e aveva un suo perchè. Forse sarebbe stato da testare a fine stagione, come faccio sempre. Ancora non so cosa abbiano deciso.

The Voice.

E’ un progetto fortissimo. Avevo visto anche questo con gli amici della Toro. Inizialmente doveva essere su Rai 1, poi la scelta aziendale è stata di farlo su Rai 2. E a Rai 1 di sicuro non mi lasciano andare a Rai 2. Mi tengono stretto.

Eredità.

E’ clamoroso. Non l’avrei mai immaginato. In sette anni si sono alternati, dall’altra parte, i più grandi professionisti con altrettanti format, ma l’Eredità è sempre leader nella sua fascia. Paolo (Bonolis, ndDM) si è avvicinato di più: con grande intelligenza ha fatto un prodotto alternativo all’Eredità. Ma quando tutti gli altri hanno puntato sul quiz… non c’è terreno. L’Eredità è un format imbattibile che abbiamo tenuto al passo con i tempi.

Se Avanti un Altro andasse in onda tutto l’anno secondo te potrebbe scalfire il primato dell’Eredità?

Non lo so. Quello che io vorrei è fare andare meno in onda l’Eredità. Abbiamo in casa un prodotto valido come Reazione a Catena che potrebbe alternarsi con l’Eredità.

Lo condurresti?

No no. Io vorrei far riposare l’Eredità per riposare anche io (ride, ndDM).

Carlo Conti un sogno televisivo ce l’ha?

Linea Blu. Senza toglierlo a Donatella Bianchi, per carità.

Non puoi essere sempre così buonista con i colleghi…

Davvero. Vorrei solo una rubrichetta con un collegamento con la baia in cui pesco in ogni puntata.

Ah, da fiorentino che ne pensi di Renzi?

Stimo molto Matteo perchè prima di tutto è fiorentino, poi è giovane, mi sembra che abbia le idee ben chiare con delle cose precise da fare che sono poi quelle che vuol sentire la maggior parte degli italiani: diminuzione dei parlamentari, persone in gamba e pulite che si rimboccano le maniche e dedicano la loro vita alla gestione della res publica. E poi… è cresciuto vedendo Aria Fresca. E quindi è cresciuto bene.

Torni spesso a Firenze?

Tutti i fine settimana. Mi piace il contatto con la provincia, con gli amici, con le persone normali, con il mio amico delle Poste che mi racconta le difficoltà per arrivare a fine mese, o semplicemente fare la spesa al supermercato.

Quando pensi di terminare la tua carriera?

Quando non mi divertirò più a fare questo mestiere. Quando non ci sarà la possibilità di farlo con l’entusiasmo di Aria Fresca o della tv locale. E fin quando, ovviamente, vorrà il pubblico. In questo mestiere l’unico vero grande sovrano è il pubblico.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Carlo Conti
CARLO CONTI A DM: DOPO SANREMO NON ESCLUDO IL RITORNO ALL’EREDITA’. IN ARRIVO NATALE E QUALE (VIDEO)


Carlo Conti
CARLO CONTI A DM: PER SANREMO AVEVO BUDGET ULTERIORE MA NON ERA NECESSARIO SPENDERLO. ORA TORNO A CASA CON L’EREDITA’ E POI… SI PUO’ FARE!


Miriam Leone (Miss Italia 2008) @ Davide Maggio .it
MISS ITALIA 2008: MIRIAM LEONE, FABRIZIO DEL NOCE E CARLO CONTI SU DM TV


Gerry Scotti
Gerry Scotti a DM: «All’inizio pensavo che The Wall fosse un’americanata. Sono felice che La Corrida torni su Rai1 ma io quel linguaggio l’ho superato. Riporterei La Ruota e il Milionario»

29 Commenti dei lettori »

1. denis1973 ha scritto:

15 novembre 2012 alle 12:31

Il discorso della frammentazione è vero in parte, oggi è ancora possibile fare i grandi numeri sulle generaliste se il prodotto è fatto bene (vedi il suo Tale e Quale), certo che se le proposte sono mediocri è ovvio che uno fa il giro di tutti i canali…



2. marcko ha scritto:

15 novembre 2012 alle 12:40

sarei stato curioso di leggere cosa ne pensa e se trova giusto, a parità di risultati, la differenza dei suoi compensi paragonati a quelli di scotti e della de filippi..



3. @Giovca92 ha scritto:

15 novembre 2012 alle 12:41

Bravo Carlo Conti!!!!!!!!!!!!!!!! .



4. Schattol89 ha scritto:

15 novembre 2012 alle 12:44

Trovo Carlo Conti un conduttore educato, elegante, rispettoso e soprattutto (un pò come Maria De Filippi) mi piace il suo mettersi a disposizione del programma senza essere però protagonista assoluto.



5. love is... ha scritto:

15 novembre 2012 alle 12:51

Caro Carlino ti fatto sfuggire la straordinaria Mietta a Tale e Quale Show ora per farti perdonare dovresti metterla come ospite fisso ai Migliori Anni, il minimo che puoi fare per lei e per noi….



6. amazing1972 ha scritto:

15 novembre 2012 alle 12:51

sono d’accordo sul fatto che reazione a catena andrebbe alternato a l’erdedità,non solo in estate



7. Peppe93 ha scritto:

15 novembre 2012 alle 13:15

Ha ragione sul fatto che l’offerta sia aumentata ed è anche vero che per questo bisogna confezionare bene i programmi (cosa che alla Rai non succede) Sul discorso di Fatti Valere ha fatto bene a non accettare la conduzione, sarebbe stato troppo in esposizione. Concordo anche sul fatto che l’eredità debba fermarsi (perche non rifanno Alta Tensione?) Su the voice invece sono contrario l’azienda è la stessa e se lui credeva nel progetto poteva anche andare su rai 2.



8. pier ha scritto:

15 novembre 2012 alle 13:55

CARLO non lo sopporto quando sottolinea : ” qst è un varietá ! Il varietá più seguito della stagione ” ( lo dice a ogni inizio puntata )
————
Se AVANTI è arrivato a 4,700,000 milioni a metá novembre …… io a gennaio prevedo un bel SORPASSOOOO



9. pier ha scritto:

15 novembre 2012 alle 14:12

@PEPPE93
il quiz ALTA TENSIONE non viene più riproposto perchè gli ascolti erano appena discreti ma sopratutto perché era condotto sempre da Carlo Conti
——————–
@Davide Maggio
Caro Davide,
Prima della 1’serie di L’€R€DITÁ (di Amadeus)che quiz mandava in onda Raiuno ?



10. fabio ha scritto:

15 novembre 2012 alle 14:56

Beh prima dell’eredità Pier c’era in bocca al lupo con Carlo! L’intervista e’ gradevole e lui non va’ mai sopra le righe e dice cose reali e sensate, si sente dalle sue parole, come Bonolis, che ha una passione ed entusiasmo per questa professione con lo spirito di un ragazzino, il successo di tale e quale sta’ anche nel suo modo di condurre fresco e dinamico, e’ una caratteristica che possiede anche Paolo. Scotti da’ l’aria più da sornione…



11. Vincenzo ha scritto:

15 novembre 2012 alle 14:58

Bella intervista :D

Io trovo Conti il miglior conduttore Rai… Tale e Quale, che all’inizio non digerivo, è fatto bene, e la sua presenza è davvero marginale che quasi quasi il progetto Conti-The Voice su Rai1 la “farei passare” :D

Sull’Eredità ha ragione, deve riposare… Mentre i Migliori Anni erano assolutamente da NON rifare.



12. Taichi ha scritto:

15 novembre 2012 alle 15:09

pier, prima dell’eredità c’era “quiz show”:

1997 – 2000: in bocca al lupo
2000 – 2002 – Quiz show
luglio 2002 – azzardo
agosto 2002 – l’eredità
da settembre 2002 al 2012 – l’eredità



13. pier ha scritto:

15 novembre 2012 alle 15:43

@TAICHI
Da chi era condotto QUIZ SHOW ?



14. Peppe93 ha scritto:

15 novembre 2012 alle 15:45

Pier: non ricordo gli ascolti di Alta Tensione ma si potrebbe rifare anche con una nuova conduzione.



15. IL MIO REALITY ha scritto:

15 novembre 2012 alle 16:12

Che noioso mamma mia!



16. pier ha scritto:

15 novembre 2012 alle 16:28

“Azzardo” ?
Fu un flop ?
Chi lo condusse ?



17. Alessandro ha scritto:

15 novembre 2012 alle 17:25

Fatti Valere può tornare in un’altra collocazione, perché no? Con Paola Perego alla conduzione, lui ed altri in giuria, come si era paventato il mese scorso.. Non vedo perché accantonare un progetto così di punto in bianco..



18. anna ha scritto:

15 novembre 2012 alle 17:56

Davide, non penso che Conti sia così buonista con i colleghi come dici tu… a me risulta che la serata di capodanno lo scorso anno doveva essere condotta dalla venier e insegno … e all’ultimo minuto si decise che a condurlo fosse conti…. e mara non ha molto digerito questa cosa ,e lo ha ammesso in più interviste!



19. Gah! ha scritto:

15 novembre 2012 alle 18:52

“Italia’s Got Talent,il mio format televisivo preferito” se lo poteva risparmiare.



20. Luca ha scritto:

15 novembre 2012 alle 19:23

Riguardo alla nuova edizione dei Migliori Anni suggerisco a Carlo conti e al suo gruppo di autori di puntare magari su puntate monotematiche tipo: “I Migliori Anni.. della Dance” – “I Migliori Anni.. di San Remo” etc. un po’ come si fece nelle ultime edizioni di 50 Canzonissime. Ma soprattutto ritornare allo spirito della prima edizione del programma che aveva un ritmo molto più veloce, ad esempio era bella l’idea del balletto del chorus che interpretava un medly dei più grandi successi degli anni in gioco, mentre credo siano proprio da eliminare quelle noiose interviste ai grandi personaggi che ammazzano solo il ritmo del programma così come l’idea di far votare ancora gli anni ai 100 ragazzi.

Riguardo all’Eredità io credo che possa tranquillamente continuare a battere la concorrenza se solo davvero si tiene al passo con i tempi e si aggiorna. Intendo dire che si dovrebbe osare un po’ di più, cambiare qualche gioco che magari si è usurato col tempo e di introdurne anche altri in modo da dare più ritmo al quiz che in alcuni momenti, tipo l’intervista ai parenti dei concorrenti, è proprio lento. Così anche la Ghigliottina ritroverebbe ritmo perchè ho notato che l’hanno allungata troppo nei tempi e ha perso il pathos di un tempo. In essa ad esempio si potrebbe introdurre anche un meccanismo per cui oltre le 5 parole il concorrente può, a sua discrezione, comprare altra/e parole che lo aiutino a trovare la soluzione, al costo di un ulteriore dimezzamento del montepremi.

Insomma Carlo se sei in ascolto prendi nota! Non si sa mai!



21. Markos ha scritto:

15 novembre 2012 alle 19:56

Nonostante non mi piaccia tanto, ho trovato piacevole l’intervista.



22. Valerio ha scritto:

15 novembre 2012 alle 20:40

Miele a profusione, una melassa! Mai una frase pungente su qualche avversario o su qualche trasmissione… Solo complimenti, salamelecchi, fairplay. Chissà se è completamente sincero. Chissà se nel privato, con gli amici più intimi, parla esattamente così. Vabbè che voglia tenersi tutte le parti aperte, ma mettersi un po’ più in gioco non farebbe male. A me delle sue trasmissioni piace solo Tale e Quale Show. Lui però ha sempre la risposta pronta per risultare sempre diplomatico e abbottonato. Insostenibile.



23. Valerio ha scritto:

15 novembre 2012 alle 20:42

errata corrige: tutte le porte (e non le parti)



24. Valerio ha scritto:

15 novembre 2012 alle 20:50

. marcko ha scritto:

15 novembre 2012 alle 12:40

«sarei stato curioso di leggere cosa ne pensa e se trova giusto, a parità di risultati, la differenza dei suoi compensi paragonati a quelli di scotti e della de filippi..»

Avrebbe risposto diplomaticamente che i suoi colleghi meritano gli stipendi che hanno perché sono grandi professionisti e che il suo di stipendio gli va più che bene e che lui è fortunato. Ne dubiteresti?



25. Taichi ha scritto:

15 novembre 2012 alle 21:00

pier: quiz show lo condusse amadeus, la terza edizione di “in bocca al lupo” fu condotta da amadeus in quanto carlo conti quell’anno condusse domenica in, questa terza edizione venne sospesa inspiegabilmente dopo un mese quindi ad ottobre del 2000, e due giorni dopo sempre amadeus inizio “quiz show” ricordo le polemiche nate perchè era molto simile a “chi vuol essere miliardario?”



26. Taichi ha scritto:

15 novembre 2012 alle 21:04

nell’estate del 2002 rai uno decise di sperimentare 2 nuovi quiz “azzardo” e “l’eredità”, a scegliere quale dei due quiz dovesse prendere il posto di “quiz show” a settembre fu il pubblico da casa, infatti il quiz che avrebbe totalizzato più ascolti veniva scelto come nuovo quiz preserale. Azzardo fu trasmesso per tutto il mese di luglio del 2002 mentre l’eredità per tutto agosto 2002, entrambi i quiz furono condotti da amadeus, il resto è storia, l’eredità fu il quiz più gradito e da settembre del 2002 fu il nuovo quiz preserale di rai uno, azzardo fu riproposto nell’estate del 2003 sempre nel preserale condotto da carlo conti



27. pier ha scritto:

15 novembre 2012 alle 21:12

@TAICHI
grazie mille x le informations !
Cmq :
A. Bisogna far riposare sia ereditá e migliori anni mentre fanno il contrario
B. ARIA FRESCA sarebbe stato meglio dei Migliori anni cintro Italia’s

Io amavo il quiz LA ZINGARA che faceva ascolti altissimi contro Striscia
la LUNA NERAAAA
ti ricordi ? ? ?

A proposito del quiz LA ZINGARA sai per caso quante edizioni ebbe ? ?



28. lele ha scritto:

16 novembre 2012 alle 18:31

le dormite che mi sono fatto con l’eredità… grazie carlo!



29. Taichi ha scritto:

18 novembre 2012 alle 09:28

pier: la zingara furono 8 edizioni, dal 1996 al 2003, l’ultima edizione fu cancellata purtroppo per bassi ascolti



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.