18
settembre

BENIAMINO CATENA, REGISTA DI SQUADRA ANTIMAFIA A DM: DIFFICILE CHE SI PROSEGUA OLTRE LA QUINTA STAGIONE

Beniamino Catena e il cast di Squadra Antimafia 4

Beniamino Catena e il cast di Squadra Antimafia 4

C’è poco da fare e, soprattutto, ci sono poche critiche da muovere. Squadra Antimafia piace e il pubblico è pronto a riversarsi copioso, ogni lunedi, su Canale 5 per seguire una nuova puntata del quarto atto della saga. Cerchiamo di scoprirne le ragioni con il regista Beniamino Catena, interrompendolo durante le riprese della quinta stagione della fiction, iniziate da poco a Catania. Attenzione, le risposte alle domande evidenziate in rosso contengono anticipazioni.

Sì, stavo girando Squadra Antimafia 5. Siamo a Catania, l’azione si sposterà lì così avremo modo di esplorare la parte orientale della Sicilia. Dovrebbe essere la prima volta che un poliziesco seriale approda a Catania.

Hai annunciato un finale in tempo reale di Squadra Antimafia 4. Vorrei saperne di più…

Saranno 100 minuti in tempo reale nel senso che il tempo della puntata è lo stesso tempo narrativo del racconto. E’ come fosse in diretta, live. Tanto che ci sarà un countdown che ogni tanto apparirà per scandire il tempo che passa. Calcaterra sarà in pericolo e…

Finale già scelto o ci sono più ipotesi tra cui scegliere?

Già scelto e sarà completamente aperto. E’ come se fosse una scena che si interrompe.

Cosa fa di Squadra Antimafia una fiction a sfondo mafioso diversa dalle altre dello stesso genere?

Ha un elemento comics, da romanzo d’appendice, un tono molto romanzato e svincolato dalla realtà contingente. Quasi mitico. E la regia amplifica questo tono immaginifico, svincolandosi dal linguaggio tipico della fiction. E’ più polveroso, più sporco e più pop.

Più pop in che senso?

Più pop nel senso che la presenza di certi attori nel cast che si comportano in un determinato modo è legata ad un certo immaginario grazie al quale abbiamo portato anche i giovanissimi a seguire Antimafia. E’ un action poliziesco.

Mi aspettavo in Squadra Antimafia 4 un ruolo diverso per De Silva. Pensavo si ripartisse proprio da lui.

Infatti avrà un ruolo fondamentale. La lista dei servizi deviati è l’anello di congiunzione tra le due stagioni e tutto gira intorno alla rincorsa a questa lista. De Silva avrà man mano un ruolo preponderante.

A ’scapito’ di Simona Cavallari e Giulia Michelini che sono meno presenti in questa stagione?

A prescindere da Simona che è meno presente per via della maternità, in questa quarta serie il tempo narrativo è un po’ diverso dal solito ed è diviso in tre atti: le prime 3 puntate di inizio, poi le 3/4 centrali e poi c’e’ il finalone. Di solito con 10 puntate si raccontano anni. Noi raccontiamo 15 giorni appena. Cosa che, però, ti dà un ritmo maggiore. Per questo si guarda meno alla quantità ma più al senso delle cose.

Vedere la Michelini in azione era più interessante che vederla in carcere però!

Infatti è fuggita dall’ospedale e da quel momento non si ferma più per tutte le puntate.

Secondo te questa serie può essere considerata l’erede della Piovra?

No. La Piovrà è realistica, questo è iper-realista, e diventa a tratti surreale. I personaggi diventano più icone.

Che ne pensi delle recenti dichiarazioni di Piero Grasso sulle fiction mafiose che tendono a mitizzare i boss?

Potrebbe esserci anche del vero in questa dichiarazione. Però i cattivi sono sempre più affascinanti dei buoni. Nel nostro caso, non avendo personaggi reali, Rosy Abate diventa mitica ma… è ‘fantasia’.

Secondo te per quanto potrebbe andare avanti Squadra Antimafia?

La quinta serie è abbastanza. Poi è difficile…

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Serena Iansiti intervista
SERENA IANSITI A DM: ILARIA LA VIOLA NON SARA’ IN SQUADRA ANTIMAFIA 5


Marco Bocci - Squadra Antimafia 4
MARCO BOCCI A DM: IN SQUADRA ANTIMAFIA 4 IL MIO PRIMO NUDO INTEGRALE FRONTALE


Michela Persico (2)
Le Capitane, Michela Persico a DM: «Mi sono dimessa da Mediaset Premium per seguire Rugani»


Silvia Slitti
Le Capitane, Silvia Slitti a DM: «Tra le wags mi sento un pesce fuor d’acqua. I wedding planner in tv? Danno un’immagine romanzata»

3 Commenti dei lettori »

1. amazing1972 ha scritto:

18 settembre 2012 alle 19:23

è appena iniziata la quarta serie,perchè parlare della sesta??



2. lu85 ha scritto:

18 settembre 2012 alle 20:00

bella intervista e…non vedo l’ora che arrivi l’ultima puntata!! :)
Per il resto concordo sul fatto di fermarsi alla quinta, sarebbe bello vedere interrotta una fiction non perché è flop ma perché andare avanti la renderebbe peggiore, un series finale come si deve!! E poi la Cavallari sta già girando Le mani dentro la città no? (mafia a Milano)



3. perla ha scritto:

19 settembre 2012 alle 09:47

No!! senza Squadra Antimafia e sopratt la michelini cm faccio?? :-((
A parte tutto sono piacevolmente sorpresa dall’onestà del regista circa l’iper-realtà di alcune scene davvero non troppo credibile se trasposte nella nostra realtà! Bravo e bellissima serie!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.