22
agosto

TESSA GELISIO A DM: “PIANETA MARE E’ QUASI UN REALITY. A COTTO E MANGIATO FORSE ERO MENO CREDIBILE DELLA PARODI MA HO COMPENSATO CON LE RICETTE”

Tessa Gelisio

Tessa Gelisio è senza dubbio una delle donne più invidiate d’Italia. Tutta “colpa” di Pianeta Mare, il programma domenicale di Rete4 che da anni porta la conduttrice alla scoperta di luoghi meravigliosi e unici. Chi non vorrebbe stare al suo posto? Anche nella prossima stagione tv, la bella giornalista continuerà a solcare le onde con le telecamere al seguito, parlando al pubblico di tutela dell’ambiente e di specie protette: argomenti che – come ci racconta – le stanno molto a cuore. Dal settembre 2011 Tessa è pure diventata la reginetta del piano cottura, approdando su Italia1 alla guida di Cotto e Mangiato. La popolare trasmissione cucina fu ideata a immagine e somiglianza di Benedetta Parodi, che la inaugurò, e alla Gelisio è toccato compito di raccoglierne il difficile testimone…

Qual è il bilancio di Cotto e Mangiato ad un anno dal tuo debutto alla conduzione?

Il bilancio è ottimo. Gli ascolti sono andati benissimo e su Facebook siamo il quinto profilo in assoluto tra le trasmissioni televisive italiane e il primo per quanto riguarda un programma dedicato ai menù. La nostra è una pagina molto seguita, i fan commentano, si scambiano anche le ricette e con esse abbiamo addirittura fatto un libro che sta andando molto bene.

Ormai i programmi di cucina hanno invaso la tv. Qual è la cifra che vi distingue?

Ci sono una serie di caratteristiche. Il format è velocissimo, non ti annoi: in molte trasmissioni alle ricette si aggiungono altri contenuti per allungare il brodo ma il risultato è che diventano pallose. In Cotto e Mangiato, invece, in 1 minuto e 40 sono condensati tutti i passaggi per cucinare un piatto e da parte mia c’è lo sforzo di comprendere la ricetta per poterla spiegare con i tempi, i gradi e le quantità precise. Se uno fa esattamente quello che dico io è impossibile che non gli riesca il piatto. Le nostre ricette sono molto semplici e la soddisfazione più grande è essere fermata in strada dalla gente che ha provato a realizzarle, magari applicando qualche variante.

Subentrare a Benedetta Parodi, che aveva personalizzato il programma, è stato difficile?

E’ stata una cosa nuova perché io avevo sempre fatto programmi nati con me a livello di conduzione. Inevitabilmente, quando prendi il posto di una persona vieni messa a confronto e questa cosa per me è stata un po’ uno shock visto che non ero abituata. Detto questo, ormai non ci penso nemmeno più.

Tra voi non c’è rivalità?

No, quella non c’è mai stata. Non fa parte del mio carattere.

Benedetta era vista dal pubblico come la brava madre di famiglia e la casalinga tuttofare, tu non hai figli e sei uno spirito avventuroso: a livello di immagine, credi che questo abbia comportato qualcosa?

Sicuramente può essere stato uno svantaggio da parte mia nell’avere credibilità. Tuttavia, penso di aver compensato con le ricette…

Nelle prime puntate la tua cucina appariva abbastanza spoglia, oggi invece è addobbata e più scenografica. Che è successo?

Quando mi hanno confermata a Cotto e Mangiato ero in Croazia con Pianeta Mare e sono rientrata a cinque giorni dall’inizio delle registrazioni. C’era da impostare qualsiasi cosa, dalle ricette alla scenografia. Dunque siamo partiti all’arrembaggio con la cucina che c’era, modificando però certe cose. Il frigorifero, ad esempio, normalmente sta alle mie spalle ma così impediva i movimenti e in trasmissione lo abbiamo spostato. Appariva inoltre una parete bianca che non stava bene in video e che quindi abbiamo modificato. Di solito gli scenografi preparano gli studi televisivi ma la mia cucina, non essendolo, era così com’era.

Sei anche il volto di Pianeta Mare. Come è cambiato il programma nel tempo?

Sono dieci anni che faccio Pianeta Mare: ho iniziato che ero una ragazzina e sono diventata una donna. Sono cresciuta con il programma, quindi sono cambiata sia come persona che come conduttrice. Quello che è rimasto fisso nel tempo è lo stile della trasmissione, che è semplice, diretto, spontaneo, poco costruito. Rispetto ad altri programmi di infotainment abbiamo questo aspetto un po’ da “reality”, per cui tu esci in barca e ti metti a filmare, poi quel che accade accade. Non c’è molto di preparato, soprattutto nella parte che riguarda il mondo della pesca e della navigazione.

A proposito, hai qualche aneddoto particolare da raccontarci?

Ne sono successe talmente tante che a volte dico che la vera trasmissione potrebbe essere il backstage. Di recente avevo appena finito di registrare un lancio in cui parlavo del barracuda, il predatore del Mediterraneo: fuori onda mi stavo rilassando e un pescatore ‘matto’ si è avvicinato al mio viso con un barracuda appena pescato. Quando l’ho visto, con quei dentoni, ho fatto un urlo e quasi sono caduta dalla barca…

Con il programma sei sempre in giro, in posti magnifici: sei consapevole di essere invidiatissima per questo?

Totalmente. E non manca giorno in cui qualcuno non me lo ricordi (ride, ndDM).

Quest’anno Pianeta Mare non avrà più il traino di Melaverde, che si sposterà su Canale5 diventando un vostro potenziale concorrente. Voi cambierete qualcosa?

Ci dovrebbero essere dei cambiamenti, ma stiamo ancora decidendo. Il problema non è solo Melaverde ma ci sono una serie di cose che la rete sta valutando, e sulle quali non mi esprimo. Il programma rimarrà sicuramente la domenica in tarda mattinata, bisogna capire quando.

Il tuo amore per gli animali ti ha creato qualche problema quando, in tv, hai dovuto cucinare piatti di carne?

Sì. Per Cotto e Mangiato ho dovuto reintrodurre la carne, che non ho mangiato per quasi dieci anni per una questione di impatto ambientale e non perché non mi piacesse. La trasmissione, del resto, non è per soli vegetariani. In tv cucino poca carne rossa e prediligo il pollame: questo è l’unico “compromesso” che ho dovuto fare. Io non mangio alcune specie ittiche sovrasfruttate come il salmone, il pesce spada, il tonno, i gamberetti allevati. Ho delle regole alimentari per ridurre l’impatto ambientale e le ho trasposte su Cotto e Mangiato: uso solo prodotti di stagione, biologici e italiani, tranne ovviamente il cacao, il caffè e la banana che però prendo dal commercio equo e solidale. Questi messaggi li ho portati nel programma perché l’industria agro-alimentare è una delle più inquinanti. Se tutti seguissimo delle semplici regole, il mondo sarebbe un posto migliore.

La tua passione per l’ambiente si traduce anche nel ruolo, che ricopri, di Presidentessa dell’associazione For Planet. Di che si tratta?

Siamo una piccola realtà e abbiamo dei progetti molto concreti in Sudamerica. In Argentina abbiamo appena allargato la riserva privata di una fondazione, in Bolivia abbiamo già acquistato 60 ettari di foresta e stiamo riforestando una zona dove vivono specie ad altissimo rischio d’estinzione. Ultimamente seguiamo un altro progetto a nord di Manaus, in Brasile, assieme ad un’associazione locale che conserva 200mila ettari di foresta primaria e aiutiamo la popolazione locale a fare dei progetti di cooperazione internazionale e a vivere grazie alla conservazione. Uno dei modi per sostenerci è andare a vedere le riserve per portare fondi alle comunità. Sono viaggi bellissimi che ci permettono di conservare queste aree.

Tempo fa sei stata in lizza per la conduzione di Mattino Cinque, per la quale fu poi scelta Federica Panicucci. Col senno di poi in che modo quell’esperienza, se affrontata, avrebbe potuto cambiare il tuo percorso professionale?

Diciamo che è andata bene così. Doveva andare in questo modo e sono contenta così.

In futuro non ti piacerebbe sperimentare un programma di infotainment in senso lato?

Può essere, non lo so. Ora sono più che soddisfatta. Poi sai, nella vita si cambia, magari si hanno esigenze diverse e si vuole provare qualcosa di nuovo, quindi non si più escludere nulla. Al momento sto bene così e non mi interessa altro. Anzi no, mi interesserebbe fare un programma bello battagliero, di ecologia spinta… Questo sì, mi piacerebbe molto.

Passano due minuti, forse tre. Insomma, meno del tempo di cottura di un uovo sodo, per restare in tema Cotto e Mangiato… Squilla il telefono: è Tessa Gelisio…

Volevo precisare una cosa importante. Io non ho degli autori o una redazione che mi facciano le ricette: me le invento tutte io.  Metto a punto le ricette e le creo, magari copiando un po’ dai ristoranti o dai suggerimenti degli amici, poi le testo. Adesso, ad esempio, c’è un risotto al Prosecco del quale non sono ancora soddisfatta al quarto tentativo e fino a quando non trovo la quantità giusta non lo faccio in trasmissione. Ci tengo a dirlo perché qualcuno pensa che io abbia degli autori, come li hanno tutti. Invece Cotto e Mangiato è così: fai tutto da te, proprio. Lo sa bene la Parodi…

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Tessa Gelisio intervista
TESSA GELISIO A DM: MI PIACEREBBE ESSERE LA MILENA GABANELLI IN VERDE DI MEDIASET


Mtv Super Shore, Ferre, Victor, Potro, Isaac, Igor
I ragazzi di Mtv Super Shore 3 a DM: «Che bordello questo reality! La donna più adulta con cui sono stato? L’hanno seppellita ieri» – Video


Mtv Super Shore, Elettra, Karime, Danik, Adela
Le ragazze di Super Shore 3 a DM: «Togliere le mutandine? Uno stile di vita!» – Video


Take Me Out
Gabriele Corsi a DM: «Take Me Out è divertente nonostante il conduttore. Torno a Carta Bianca? Lo spero vivamente»

8 Commenti dei lettori »

1. simonevarese ha scritto:

22 agosto 2012 alle 14:03

Tanto la amo a Pianeta Mare, quanto non mi piace a Cotto e Mangiato. La trovo algida in quel contesto. Strano, visto che a Pianeta Mare è l’esatto contrario.



2. favola ha scritto:

22 agosto 2012 alle 15:14

ho compensato con le ricette!!!!!!!!!!!!!!!????????????????????? si “bucce di patate fritte” non ho trovato una, DICO, una ricetta che ho avuto voglia di rifare. Inutile.



3. Giuseppe ha scritto:

22 agosto 2012 alle 17:31

Mi dispiace, ma Cotto e Mangiato ormai non esiste più se non come pallido fantasma. Pianeta Mare è fatto ancora bene, ma diverse puntate sono replicate troppo spesso.



4. Markos ha scritto:

22 agosto 2012 alle 18:16

Pianeta Mare è davvero un bel programma…insomma l’habitat di Tessa. Le “cose che la rete sta valutando” mi fanno un po’ preoccupare!! Chissà…
Speriamo che almeno non perda pubblico con il cambiamento di fascia oraria: l’orario delle 12 sarebbe meglio evitarlo! A Cotto e Mangiato non la seguo spesso, peró ogni volta fa delle ricette originali, forse fin troppo! PS le bucce di patate fritte sono ottime!!



5. Gabriele90 ha scritto:

22 agosto 2012 alle 19:55

Mi dispiace dirlo ma Tessa in cucina è stata un po’ una delusione… Forse semplicemente non è adatto a lei. La trovo invece sempre spigliata in pianeta.. È venuta anche al mio paese e devo dire che è davvero una persona semplice senza puzza sotto il naso. Il che le fa onore.



6. cla ha scritto:

22 agosto 2012 alle 19:58

io le toglierei subito cotto e mangiato



7. nicola83 ha scritto:

22 agosto 2012 alle 20:56

Sicuramente una delle protagoniste della tv italiana più brava e simpatica. Una vera professionista, una vera ecologista e non una che chiacchiera e basta, ma la presidentessa di una associazione molto seria.. raccomandate della tv italiana imparate da Tessa come si sta in tv!



8. ??? ha scritto:

25 agosto 2012 alle 11:27

io mi vedo quello di la 7 li ce la parodi che fa belle cose



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.