11
giugno

LORENZA LEI SCRIVE AI DIPENDENTI RAI: VIETATO COMMENTARE SUI SOCIAL NETWORK

Lorenza Lei

Il documento porta la data dell’8 giugno 2012 e la firma di Lorenza Lei, Direttore Generale uscente della tv pubblica. Si tratta di una “comunicazione interna” che, secondo quanto riporta Repubblica, è circolata tra i dipendenti di Viale Mazzini nei giorni caldi delle nuove nomine ai vertici Rai. Il foglio, in sintesi, contiene il ‘divieto’ di rilasciare dichiarazioni e commenti su siti internet, blog, social network.

“Negli ultimi tempi si è verificato un numero sempre crescente di casi in cui sono state rilasciate, con diverse modalità, da parte di dipendenti e collaboratori dell’Azienda, dichiarazioni improprie agli organi di informazione

si legge nel documento diramato da Lorenza Lei. Il DG, che secondo le indicazioni del Governo dovrebbe essere sostituita da Luigi Gubitosi (per la Presidenza è stata invece designata Anna Maria Tarantola), fa poi riferimento ad altre circolari emesse dai piani alti dell’azienda e ne richiama i contenuti. A questo punto, aggiunge:

Alla luce dell’evoluzione tecnologica e produttiva dei mezzi e sistemi di comunicazione, quanto stabilito (da quelle circolari) con riferimento alle dichiarazioni agli organi di informazione, deve intendersi riferito anche alle dichiarazioni rilasciate su siti internet, blog, social network e similari, fruibili da una pluralità di utenti”.

In pratica, la circolare in questione estende ad Internet le regole aziendali sulle dichiarazioni rilasciate agli organi di stampa.

I contenuti del documento fanno già discutere. Qualcuno li definisce un bavaglio applicato ai dipendenti Rai, altri fanno notare con una certa malizia la concomitanza tra l’emissione della suddetta circolare e la diffusione di notizie che interessano l’azienda, e il DG in particolare.

Pare infatti che Lorenza Lei non abbia preso benissimo la decisione di Mario Monti di sostituirla con Gubitosi nella prossima Governance. L’attuale DG avrebbe posto qualche resistenza e, come riporta Repubblica, oggi è stata ricevuta oggi da Mario Monti a Palazzo Chigi per un incontro chiarificatore durato circa un’ora.

La situazione a Viale Mazzini si fa delicata: sono giorni di importanti decisioni. E qualcuno avrà pensato che una parola è poca due sono troppe. Anche sui social network.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Lorenza Lei
SIPRA: LUIGI GUBITOSI PROPONE SE STESSO COME PRESIDENTE E LORENZA LEI COME AD


Del Noce
NOMINE RAI: DEL NOCE LASCIA RAIFICTION, MINEO ACCORPA RAINEWS E TELEVIDEO. GUBITOSI CHIEDE LE DIMISSIONI DELL’AD SIPRA REALI


Gubitosi
RAI, GUBITOSI APRE ALLA RIFORMA RENZIANA. “MIA GESTIONE LA PIU’ INDIPENDENTE DAL DOPOGUERRA”


Cavallo-Rai
PIANO NEWS, LA ‘CONTRORIFORMA’ DELL’USIGRAI: UNA SOLA NEWSROOM, INFORMAZIONE DELLE RETI RICONDOTTA ALLE TESTATE

19 Commenti dei lettori »

1. MisterGrr ha scritto:

11 giugno 2012 alle 20:45

Capisco ora perché Pippo76 dice di non avere né Facebook né Twitter…risponde alla richiesta del grande capo.



2. Giuseppe ha scritto:

11 giugno 2012 alle 22:15

MisterGrr, buona ma provocatoria. Pur non utilizzando i social network (per ragioni puramente personali e non ideologiche) considero anacronistico il divieto imposto da Lorenza Lei. Tuttavia è regola ben nota a chi è dipendente di qualsiasi azienda, ente, organizzazione, ecc. che ci sono doveri di lealtà, correttezza e opportunità da rispettare.

Quindi è giusto che i dipendenti Rai dicano la loro su questioni di interesse generale utilizzando tutti i media ma sempre secondo l’opportunità del caso. Del resto leggo spesso critiche per l’uso troppo disinvolto dei social network da parte di dipendenti e dirigenti Rai anche piuttosto importanti.



3. giupplo ha scritto:

11 giugno 2012 alle 22:30

ha fatto benissimo la Lei ! ci sono personaggi Rai che stanno più tempo su Twitter che al lavoro. Le dichiarazioni sull’azienda si fanno nelle sedi opportune!



4. MisterGrr ha scritto:

11 giugno 2012 alle 22:33

Giuseppe (e anche Pippo76): appunto per questo ho commentato in questo modo. Hai scelto la parola giusta…anacronistico.



5. shiver ha scritto:

11 giugno 2012 alle 23:11

MisterGrr allora si spiegherebbe anche l’ ossessione per la Rai di Pippo76 ci lavora? ahahahah



6. sboy ha scritto:

11 giugno 2012 alle 23:13

L’unica cosa positiva di questa storia e che finalmente smetteremo di leggere le cazz.. di certi personaggi.



7. shiver ha scritto:

11 giugno 2012 alle 23:15

sboy mi viene in mente Zazzaroni ahahahahah



8. alex1989 ha scritto:

11 giugno 2012 alle 23:23

semplicemente in linea con la tv di stato, vietato fare informazione!!!!!

se lo vieti davanti le telecamere nei tg, figuriamoci nel web



9. tarcisio ha scritto:

11 giugno 2012 alle 23:30

Io la tv voglio vederla.. non leggerla su twitter o altrove. Un professionista pensa a lavorare e non a perdere tempo con le dichiarazioni su internet.

A mediaset e sky sono più furbi o più seri !!!!



10. Pippo76 ha scritto:

11 giugno 2012 alle 23:45

Mi domando perchè in ogni post la questione si sposti su Pippo76..
Sembra quasi ossessiva la cosa.

Comunque c’è una agenzia Agi nella quale si precisa che non c’è nessuna bavaglio ai social network ( dietrofront?)
Nessun bavaglio Rai ai dipendenti in materia di dichiarazioni ai social network, le norme relative alle dichiarazioni agli organi di informazioni esistono gia’ da tempo e sono state contestualizzate – come lo stesso Cda ha richiesto che avvenisse – alle nuove modalita’ di comunicazione mediatica ormai in atto. E’ la precisazione che arriva in serata dall’azienda di viale Mazzini dopo le polemiche innescate da una circolare interna della direzione generale che si richiamava appunto alla normativa in vigore. Nella breve precisazione si sottolinea infatti che “la recente circolare interna riguardante le ‘Dichiarazioni agli organi di informazione’ ribadisce norme di comportamento in vigore da anni, e’ contestualizzata ai moderni mezzi di comunicazione e segue l’interpretazione data dal Consiglio di Amministrazione della Rai”.



11. Schattol89 ha scritto:

11 giugno 2012 alle 23:49

alleluja…questa è una decisione straordinaria!



12. shiver ha scritto:

11 giugno 2012 alle 23:59

Pippo perchè sostieni e difendi ogni programma Rai, litighi e ti fai il fegato amaro per questioni di ascolti sulla Rai e allora uno si domanda se ci lavori, sarebbe molto più gratificante per te se così fosse. Svelaci questo dubbio ahahahah fai coming out



13. Pippo76 ha scritto:

11 giugno 2012 alle 23:59

Arrivati a questo punto, non vorrei proprio che MisterGrrrr e Shiver si svegliassero nel cuore della notte tutti sudati pensando a me…
Sarebbe francamente eccessivo e non ne sarei lusingato ;-)



14. shiver ha scritto:

12 giugno 2012 alle 00:28

Pippo io sudo pochissimo, se sudo durante la notte è perchè sono in compagnia ;-) Tu invece ti svegli sudato pensando che sono usciti i risultati auditel e Canale5 ha vinto la serata contro Rai1? :-P



15. shiver ha scritto:

12 giugno 2012 alle 00:31

comunque non hai dato una risposta



16. Pippo76 ha scritto:

12 giugno 2012 alle 00:31

Shiver, ogni tanto per sbaglio commenta i post invece di commentare sempre e solo me..



17. shiver ha scritto:

12 giugno 2012 alle 00:41

“sempre e solo me..” ahahahahahahahah Pippo gioca meno a fare la vittima e non mistificare tutto come solo tu sai fare, è vero che ci siamo scambiati un po’ di commenti personali (escludendo quelli che riguardano opinioni sull’ argomento), ma ti invito a rileggerti i post dove io ho commentato in questo sito, perchè quelli riferiti personalmente alla tua persona sono una bassissima percentuale…ti senti considerato troppo

Buonanotte e non fare incubi sull’ auditel di domani, vedrai Rai1 avrà vinto :-D



18. MisterGrr ha scritto:

12 giugno 2012 alle 11:27

Pippo76: hai ragione…ma non per quello che pensi tu, ma perché quando penso ai tuoi commenti mi vengono gli incubi! :(



19. lele ha scritto:

12 giugno 2012 alle 12:12

già sapevo della notizia perchè mi era stata riferita da fonti interne.
come dice giustamente Giuseppe “è regola ben nota a chi è dipendente di qualsiasi azienda, ente, organizzazione, ecc. che ci sono doveri di lealtà, correttezza e opportunità da rispettare” ma francamente “vietare” l’uso dei social network o dei blog è assurdo.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.