4
giugno

BABEL TV: QUANDO IL SERVIZIO PUBBLICO LO FA SKY. A PAGAMENTO.

In tempi di vacche magre e di programmi mordi e fuggi ogni tanto fa piacere leggere una notizia che, se venisse confermata, proverebbe ciò che noi, irriducibili videodipendenti della prima ora, cerchiamo di affermare da tempo immemore: il mezzo televisivo, troppo spesso vituperato e messo sotto accusa per la vacuità dei contenuti che spesso ci propina, è ancora in grado di sorprenderci prevedendo iniziative e progetti che, almeno per una volta, invece di seguire pedissequamente la moda, offrono un vero esempio di quello che viene propriamente detto pubblico servizio.

I lettori meno giovani ricordereranno sicuramente le lezioni del mitico professor Manzi che, tra gli anni 50 e 60 tentò con successo, proprio in televisione, di alfabetizzare molti italiani con il suo Non è mai troppo tardi. Ebbene, a distanza di più di quarant’anni (che televisivamente parlando è come dire quattrocento) di fronte ad una società ormai del tutto scolarizzata (salvo rari casi: basti guardare le Pupe e i secchioni la domenica sera) e viziata dalla dilagante tecnologia, sembra profilarsi all’orizzonte un nuovo progetto, avente uno scopo istruttivo ed integrativo, che coinvolge la piattaforma Sky ed ha come destinatari i molti immigrati residenti nella penisola.

E’ notizia di questi giorni l’incontro avvenuto a Montecitorio tra Gianfranco Fini e il figlio del magnate australiano Murdoch per definire modalità e contenuti del lancio di un nuovo canale, denominato in maniera simbolica Babel Tv, il cui compito sarà, a partire dal prossimo novembre, quello di fornire un servizio televisivo a tutti gli stranieri d’Italia, proponendo trasmissioni in italiano per favorire il loro processo d’integrazione nel nostro paese.

Nel palinsesto di Babel Tv ci saranno film e programmi d’intrattenimento importati dal paese d’origine e doppiati nella nostra lingua ma anche e soprattutto uno spazio quotidiano dedicato all’insegnamento della lingua e della legislazione italiana. I fruitori del servizio saranno necessariamente gli immigrati regolarmente residenti nel paese in quanto, essendo il canale previsto dalla piattaforma di Sky, sono richiesti per l’abbonamento il possesso dei legali documenti nonché del codice fiscale.

Fortemente voluto dall’attuale Presidente della Camera, Babel TV fa fronte all’esigenza di trasmissioni televisive che aiutino l’integrazione nel nostro paese e, nello stesso tempo, favoriscano lo sviluppo di una società più aperta alle differenze e alla multietnicità.

Se questo progetto dovesse realmente realizzarsi nei brevi tempi previsti ci stupisce come, nell’era della proliferazione dei canali tematici e della digitalizzazione, non sia stata la Rai, la concessionaria del servizio pubblico per eccellenza, a pensare ad un progetto del genere (che avrebbe dato senza dubbio un senso al suo ruolo istituzionale nella telecomunicazione) ma abbia dovuto provvedere a questa iniziativa una piattaforma a pagamento come quella di Murdoch.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


Dzeko
Serie A: al via la stagione 2020/21 con Juve e Milan su Sky, Roma e Napoli su DAZN


europa league
Europa League: l’Inter (e Tv8) in cerca di gloria nella finale contro il Siviglia


Champions League
Champions League: via alle semifinali, Canale 5 trasmette Lione-Bayern Monaco


Conte
Europa League: è tempo di semifinali, Inter-Shakhtar Donetsk in diretta su Tv8

11 Commenti dei lettori »

1. lele ha scritto:

4 giugno 2010 alle 17:09

credo che molti immigrati non possano permettersi di fare un abbonamento a sky e comunque su rai scuola ci sono alcuni programmi per l’insegnamento dell’italiano per stranieri.



2. mariobar ha scritto:

4 giugno 2010 alle 20:06

La programmazione rai ormai sta scadendo e si avvicina sempre di più a quella Mediaset..ormai sono una cosa sola



3. cleo27 ha scritto:

4 giugno 2010 alle 22:47

Ormai la rai fa solo polemica e non riesce ad offrire un sevizio degno del canone che richiede ogni anno con vari aumenti!



4. chrisgriffin ha scritto:

5 giugno 2010 alle 11:58

la rai ci sta facendo una figura penosa…



5. Andrea Ledda ha scritto:

6 giugno 2010 alle 10:50

L’aspetto culturale in TV viene quasi esclusivamente assorbito da SKY



6. Hugo Warner ha scritto:

6 giugno 2010 alle 10:53

La Rai è alla deriva! E’caduta nel gioco del facile profitto fatto con programmi scadenti e trash! Speriamo che in futuro si cambi rotta



7. Antonello ha scritto:

7 giugno 2010 alle 14:20

concordo con cleo e hugo…. che scarsa qualità in rai, io e la mia famiglia abbiamo il satellitare sky e ci siamo sempre trovati benissimo, soprattutto per i contenuti variegati ed educativi delle trasmissioni!



8. Potassio ha scritto:

7 giugno 2010 alle 16:05

Sky da anni è l’unica tv che offre qualcosa di buono allo spettatore ..è vero che per vedere tutto servono almeno 50 euro al mese ..ma ne vale la pena anche solo con il pacchetto mondo. Tutto il resto è noia



9. lotarino ha scritto:

8 giugno 2010 alle 15:45

ma i soldi del canone e gli introiti pubblicitari la RAI come li usa’????



10. caterina HK ha scritto:

9 giugno 2010 alle 16:38

lotarino, questo è un inspiegabile mistero!!! :)

immagino già i problemi che dovrà affrontare la sicilia al passaggio al DTT… già la tv in tante zone non prende bene, figuriamci se iniziano ad oscurare canali..vabbè che per certi programmi non sarebbe poi una gran perdita… sto cercando di convincere mio padre a prendere il prima possibile un abbonamento Sky, almeno è una figata guardare tutto in HD e poi c’è sempre tanta scelta di film, telefilm, documentari….e tutti i mondiali!!!



11. Leonardo Monfardini ha scritto:

9 novembre 2010 alle 11:45

Facciamocene una ragione, ormai la tv di qualità la fa solo ed esclusivamente SKY. Io, personalmente, ho SKY e ne vado molto fiero, son ben contento di spendere soldi per qualcosa di veramente valido.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.