23
aprile

RAI DIRE GOL, STAVOLTA LA GIALAPPA’S NON E’ STATA CONVOCATA AI MONDIALI

Gialappa's Band

I Mondiali li seguiranno dalla panchina o, peggio ancora, dalla poltrona di casa. I comici Marco Santin, Carlo Taranto e Giorgio Gherarducci, storici componenti dell’irresistibile “Gialappa’s band”, oggi non hanno voglia di ridere. Pare che il direttore di Rai Radio 2 Flavio Mucciante  abbia cancellato dal palinsesto Rai Dire Gol, la loro trasmissione di commento ironico  alle partite di calcio. Espulsi. Un cartellino rosso estratto dai piani alti in modo del tutto inaspettato visto che il programma, a partire dal 1994, era diventato una irrinunciabile e seguitissima alternativa alle tradizionali radiocronache.

Ora i “Gialappi” sono furiosi, non ci stanno. Questa decisione non sembrano proprio mandarla giù. E’ Marco Santin a fare da portavoce alla band comica e a raccontare con tono  risentito come sono andate le cose, in un’intervista a La Stampa.

Siamo stati completamente tenuti all’oscuro di tutto. Cancellati, senza sapere neanche perché. Ora, il mio telefono è sempre stato acceso, così come quello dei miei soci e anche il cellulare del mio avvocato funziona benissimo. Tra l’altro, lo scriva, attualmente sono singolarmente in forza a Radio 2 con il programma mattutino Grazie per avermi scelto e il direttore Mucciante poteva farmi sapere qualcosa visto che sono un uomo della sua squadra”. 

Santin racconta poi di aver chiamato, a sua volta, il direttore Mucciante senza mai aver trovato risposta. Un atteggiamento che ha lasciato stupita l’intera “Gialappa’s band”, da sempre trattata con i guanti di velluto in Rai visto che garantiva ascolti ed incassava le simpatie di un vasto pubblico di calciofili e non.

La mancata convocazione ai Mondiali, in realtà, ha avuto già un precedente. In occasione del Festival di Sanremo quest’anno la “Gialappa’s” non era andata in onda con il consueto Rai Dire Sanremo, irriverente commento alla kermesse canora. In quel caso, però, c’era stato anche un problema legato alla proposta economica; i ‘Gialappi’ fecero i capricci perché era troppo bassa rispetto alle loro richieste. Da lì in poi la rottura pare sia diventata insanabile. Marco Santin, a riguardo, aggiunge questi dettagli:

Il direttore di un’emittente può decidere di fare quello che vuole e se ha deciso di epurarci avrà le sue ragioni. Certo che, dopo tanti anni in azienda, il non averci invitato alla Festa di Radio 2 dove ha annunciato di aver affidato la gestione dei Mondiali di calcio a Simona Ventura, era un segnale abbastanza duro”.

Ora, proprio come accade nel calcio, il futuro della “Gialappa’s band” è affidato al mercato. Non è escluso che, nel caso ricevessero una proposta interessante, questi goleador della comicità  trasmettano da un’altra parte il loro programma di commento ai Mondiali. Con l’irriverenza e la verve di sempre. Mai dire mai.



Articoli che potrebbero interessarti


Gialappa's Band
MONDIALI 2010, LA GIALAPPA’S C’E’. MA TRASLOCA SU RADIO DEEJAY.


Gialappa's Band
Noi dire Sanremo: la Gialappa’s Band commenterà il Festival 2020 su Rtl 102.5


Gialappa's Band
BOOM! La Gialappa’s Band verso Discovery


Gialappa's Band
Mediaset non rinnova con la Gialappa’s

15 Commenti dei lettori »

1. mcooo ha scritto:

23 aprile 2010 alle 13:49

A quanto pare verranno commentate da Facchinetti….
Che tristezza…
Sto raccomandato fra poco arriva pure alla Casa Bianca.
Tristezza



2. spooky ha scritto:

23 aprile 2010 alle 14:00

considerando che il 70% delle partite dei mondiali sono quelle dei gironi di qualificazione e di questo 70% il 60% fanno addormentare,l’unico modo per seguirle era sentire la gialappas.Ora spero che sky faccia come 4 anni fa e inserisca l’audio gialappiano,altriementi questo mondiale sara’ una noia pazzesca.



3. pietro89 ha scritto:

23 aprile 2010 alle 14:26

non si sa ancora se la gialappa commenterà i mondiali per Sky???



4. giulia ha scritto:

23 aprile 2010 alle 14:40

Io quest’anno tiferò per l’Argentina di Maradona . Lippi non ha convocato Cassano e merita una lezione.
I Gialappi dopo queste ripetute esclusioni , risorgeranno più forti di prima .
Io, tanto, ascolterò Radio Buenos Aires …



5. zia-assunta ha scritto:

23 aprile 2010 alle 14:45

io li adoravo ma sono diventati sempre più ripiegati su sè stessi, sempre a fare le stesse cose, un po’ di pausa gli gioverebbe……..
Poi non possono pretendere di prendere in Rai come a Mediaset.



6. Viavai2 ha scritto:

23 aprile 2010 alle 16:57

Che vadino a SKY.



7. GTPU ha scritto:

23 aprile 2010 alle 17:10

Ragazzi devo darvi un altro duro colpo SKY come radio 2 ha rinunciato anche se per motivi differenti ( SKY sta vivendo una forte crisi dovute alle mancate entrate sottratte da MEDIASET PREMIUM , RADIO 2 xkè il direttore capisce veramente poco di radiofonia dato ke chi ascolta la radio si affeziona alla voce dello speker non al personaggio di turno (vedi FACCHINETTI , BATTAGLIA , VENTURA ( che non capisco xkè in radio ) forse anche EMANUELE FILIBERTO ) non portano ascolti ma anzi rischiano di farli perdere xkè gli affezionati ad esempio della mitica Gialappa’s non ascolteranno di certo Radio 2 e i telespettatori medi della Ventura non abbandonano la TV per sentirla in radio quindi caro direttore Mucciante attenzione alle scelte che fa dato ke è direttore di RADIO 2 non di RAI 2 non si confonda .) alla Gialappa’s quindi i mondiali 2010 ameno che qualche altra radio decida di puntare su Giorgio Gerarducci , Carlo Taranto e Marco Santin saranno una noia mortale



8. CeleTheRef ha scritto:

23 aprile 2010 alle 21:35

stiamo a vedere chi o cosa sostituirà i Gialappi

se mettono degli altri tizi che fanno radiocronache divertenti, allora ci posso stare; altrimenti i mondiali non mi interessano più



9. Daniele Pasquini ha scritto:

24 aprile 2010 alle 10:26

Come ha fatto notare Mucciante, la Ventura si occuperà dei Mondiali su Radio1, non su Radio2 e che tale decisione non lo riguarda affatto.
Colpiti e affondati.



10. GTPU ha scritto:

24 aprile 2010 alle 11:28

La cosa + intelligente che può fare il direttore di Radio2 visto la decisione di lasciare a casa i Giallappi è che i Mondiali siano dati a CaterSport ma vedendo intelligenza di quest’uomo li darà a Carlo Pastori e co.



11. mats ha scritto:

24 aprile 2010 alle 16:30

Solo a me ultimamente sti tre stanno antipatici?



12. stefano ha scritto:

24 aprile 2010 alle 18:47

ma si era ora… hanno spopolato sin troppo sino ad ora… e poi, ma chi fanno ridere? forse solo loro stessi…



13. viola ha scritto:

24 aprile 2010 alle 23:50

Il commento dei Gialappi è un must ed è assurdo che sky abbia rinunciato a loro dopo il successo di 4 anni fa, cioè mucciante l’avevamo messo in conto ,ma sky??con tutti i soldi che sborsano gli abbonati possibile che non abbiano la “disponibilità economica”per un canale in più, è assurdo!!
no gialappi no mondiali anche perchè l’italia è con le pezze al culo
no cassano no miccoli si cannavaro(?) uscirà subito figuriamoci….



14. ginolino72 ha scritto:

28 aprile 2010 alle 21:40

mondiali Rai gratis???si al solo costo di € 109 euri…il canone!!!Non tutte le partite chiaramente..che buffonata!!date uno sguardo al video http://www.youtube.com/watch?v=ZgKoUZY5hQU



15. Luca ha scritto:

1 maggio 2010 alle 22:55

credo che li abbia bruciati la loro stessa militanza sinistroide, che come una vera ossessione li ha sempre portati a sputare nei molti piatti dove intanto mangiavano lautamente. E poi, ragazzi, che figura predicare da sessantottini e fare i miliardi con le reti di Silvio e gli spot per una banca!! E alzare sempre più la cresta per i compensi!! Certo che a voi comunisti certe opportunità della vituperata società capitalistica non sembrano dispiacere affatto!! Cara Gialappa’s, recupera lo spirito goliardico e l’umiltà di quando trasmettevi da radio Pannocchia e facevi ridere in senso buono.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.