24
febbraio

Ciao Darwin chiude. L’addio di Paolo Bonolis

Paolo Bonolis - Ciao Darwin 9

Paolo Bonolis - Ciao Darwin 9

Questa volta sembra davvero la fine per Ciao Darwin. Dopo oltre 100 puntate e innumerevoli repliche, ieri sera è giunto al termine definitivo l’irriverente programma condotto da Paolo Bonolis con Luca Laurenti.

“Non vi faccio tutto il pippone dei ringraziamenti, vorrei solo ringraziare due persone per me fondamentali in questa produzione: la regia di Roberto Cenci, l’uomo piccione, e perdonatemi ma il ringraziamento più grande, al termine di una storia che è durata quasi 30 anni, va al maestro Luca Laurenti”.

così Paolo Bonolis in chiusura di puntata spingendo il “compare” Laurenti al centro dello studio per prendersi l’applauso, per poi riprendere la parola:

“Se non sbaglio tutto è cominciato nel 1997-1998 (1998-1999 ndDM), termina nel 2024 e tante persone dovrei ringraziare di questo lungo percorso. Non ce la faccio a ricordarmele tutte perché l’alzheimer mi incalza, li ringrazio con queste immagini che vi salutano e vi ringraziano per essere stati così tanti così sempre con noi, grazie”.

Questi sono i saluti che Bonolis ha pronunciato, tradendo un pizzico di emozione e l’occhio lucido, prima di lanciare un filmato che riassumeva i momenti cult e i vari partecipanti del programma. Un piccolo anticipo di quello che si vedrà martedì 27 febbraio in Ciao Darwin Rewind, dove è stato riassunto “il meglio del peggio dal 1998 ad oggi”. Il congedo è stato affidato alla storia del programma. A sfidarsi, in quest’ultima puntata, sono stati infatti i migliori concorrenti (o meglio i più iconici) delle passate edizioni, nella fazione Ciao Darwin Story e alcuni dei partecipanti di questa stagione riuniti in Ciao Darwin Giovanni 8.7.

Solo 9 edizioni in quasi 30 anni dimostrano quanto il pubblico sia rimasto affezionato alla trasmissione (tanto da seguirla nelle numerose ondate di repliche) ma allo stesso tempo quest’ultima stagione non si è distinta per particolari guizzi e in qualche modo ha incassato gli effetti del tempo che passa e di un format rimasto invariato negli anni finendo per risultare anacronistico.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Ilaria Gallozzi (Instagram)
Avanti un altro ‘fa tredici’ tra vecchie glorie che ritornano, conferme, new entry e l’arrivo del ’suggeritore’


Promo Avanti un Altro
Avanti un Altro torna con lo stesso promo del 2013


Paolo Bonolis - Ciao Darwin 8
Ciao Darwin 8: Bonolis riparte dalla sfida «chic vs shock» con Enzo Miccio e Lisa Fusco


Chi ha incastrato Peter Pan?
Chi ha incastrato Peter Pan?: Ambra, Donnarumma e Morandi ospiti della prima puntata

8 Commenti dei lettori »

1. LaVestaleDelBiscione ha scritto:

24 febbraio 2024 alle 12:17

Marcello79 dove sei? Ci manchi un po’. Ricordo benissimo quando esprimevi le tue sentenze in questo Blog, in particolar modo contro Antonella Clerici, fortunata a tuo avviso condurre la Prova del Cuoco…una possibilità per lei di rimanere in onda. Con tanto di successiva approvazione della ns. amica Viola. Pensa ti che l’attuale dirigenza Mediaset non fa altro che proporci scopiazzamenti vari delle trasmissioni della Clerici. Ora manca solo Paolo76 che ci illumini sulla superiorità di Io Copio rispetto all’originale The Voice. A bientot!



2. Daniele ha scritto:

24 febbraio 2024 alle 12:45

Bene, speriamo davvero si sia conclusa l’esperienza darwiniana,si vede chiaramente che PAolo è stanco … tanto stanco!!!



3. Theo ha scritto:

24 febbraio 2024 alle 16:01

Poi Daniele mi spiegherà il commento ricorrente di un Bonolis “stanco” quando fa un programma l’anno da ormai anni e anni beccandosi più soldi di tutti i conduttori Mediaset.

semplicemente Ciao Darwin è un programma che ha fatto il suo tempo, sempre identico.

Anche Avanti un altro è su quella strada, con le stesse identiche gag che ormai si trascinano da un edizione all’altra.



4. Mister Zapping ha scritto:

24 febbraio 2024 alle 16:39

Era ora, speriamo sia la volta buona.



5. aleimpe ha scritto:

24 febbraio 2024 alle 16:42

9 edizioni, 103 puntate, 102994 concorrenti, 324 ospiti vip, 25 autori, 5 direttori della fotografia, 5 studi utilizzati tra Cologno e Roma, 3 coreografi, 2 costumisti, 2 registi (Beppe Recchia e Roberto Cenci), 1 Telegatto, 7 paesi a cui è stato venduto il format e circa 50 milioni di telespettatori in 26 anni.
Ciao, Darwin 😢



6. xxxxx ha scritto:

26 febbraio 2024 alle 10:24

E’ un programma giunto alla sua edizione peggiore, con numerosi tagli al budget che ne hanno minato la riuscita (i viaggi nel tempo non sono mai stati così ripetitivi, e ho notato alcune prove di coraggio riciclate nel corso delle puntate).
Inoltre, io personalmente avrei levato le gag di Laurenti che in questa edizione non mi hanno mai divertito.
Detto ciò, il programma anche in queste condizioni confrontato con il resto del palinsesto di Mediaset era oro colato.
E’ un programma che rimpiangerete quando vedrete la merda rimasta in onda (De Filippi compresa).



7. Domenico ha scritto:

26 febbraio 2024 alle 17:46

“chi lascia la strada vecchia per la nuova sa quel che lascia ma non sa quel che trova”
Chissà cosa ci riserverà il futuro! 😅



8. Luca ha scritto:

26 febbraio 2024 alle 19:05

ormai il nuovo Darwin è Avanti un altro, anch’esso terribile sotto ogni punto di vista. Volgare, stupido, trash, fastidioso, anacronistico sulla questione donna-oggetto in TV (non che l’espediente delle Prof dell’Eredità sia migliore, anzi) e nel prendere in giro persone “semplici” e ignoranti, come il pubblico che segue queste baracconate

Ciao Darwin è un cult, ha segnato la storia di Mediaset e anche il costume popolare entrando nell’immaginario e nel linguaggio comune ma…non ci mancherà, almeno non mancherà a me. Doveva chiudere ben prima del 2024, era fuori dal tempo

La forza di questi programmi-circo sta nel fuoriclasse Bonolis e nel suo eloquio, spazzatura elevata furbescamente dal suo paraculo timoniere



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.