2
novembre

La soluzione del quiz è ‘Volpe’ ma Magalli non la dice: «Non voglio pensarci ma è proprio quella parola là» – Video

Una parola di troppo, Giancarlo Magalli

La «V-word» di Giancarlo Magalli è apparsa a tutto schermo, quasi disturbando il conduttore stesso. Nella seconda puntata del suo quiz pomeridiano in onda su Rai2 – Una Parola di Troppo – il presentatore ha avuto a che fare con un termine per lui piuttosto evocativo: Volpe. Un vocabolo che Magalli ha addirittura evitato di pronunciare e che anzi ha accompagnato con una chiosa affilata delle sue.

Il momento di impasse si è verificato quando il conduttore ha dovuto svelare ai concorrenti la suddetta parola, che era una delle soluzioni non imbroccate all’interno di uno dei giochi. Tra tanti vocaboli che iniziavano con la lettera V, a Magalli è toccato anche quello.

Non voglio pensare che parola possa essere, ma lo dobbiamo dire. Ma è quella parola là! Esatto, proprio quella parola… Avreste dovuto dirla e non l’avete detta

ha commentato il presentatore, evitando in modo curioso di pronunciare il termine in questione. Facile e spassoso intuire il perché: la parola “volpe” a Magalli ha ricordato Adriana, la conduttrice con la quale ha bisticciato più volte sin dai tempi burrascosi de I Fatti Vostri.

Anche recentemente non sono mancate le scintille tra i due, con la complicità di un selfie beffardo scattato dal conduttore assieme a Sonia Bruganelli.



Articoli che potrebbero interessarti


Giancarlo Magalli
Una Parola di Troppo, Magalli si scaglia contro Rai 2: «Non ho parole. Non ho mai visto una programmazione cosi schizofrenica»


Una parola di troppo
Una parola di troppo: Magalli fa il vigile cinico


Giancarlo Magalli - Una Parola di Troppo
Una Parola di Troppo: Magalli dà il via al nuovo game di Rai 2. Ecco meccanismo e giochi


Adriana vs Sonia - GFVip
GF Vip, Adriana Volpe ancora contro Sonia: «La verità viene a galla». La Bruganelli: «Amore mio, c’è anche un’altra cosa che viene a galla»

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.