6
settembre

Pomeriggio Cinque: bye bye caffeuccio

Pomeriggio Cinque, Barbara D'Urso

Il «caffeuccio» s’è raffreddato e non viene più servito. Il nuovo corso di è iniziato con un netto cambiamento di rotta, di linguaggi, di approccio. Senza più caffettiere né superflue leziosità. Al suo ritorno stagionale nel daytime di Canale5, e dopo il giro di vite imposto da Mediaset, ha rivoluzionato il proprio programma, rimanendo ancorata alla stretta attualità, ai “fatti”. Nuova grafica (quasi da telegiornale), nuova sigla, diversa durata, via il gossip e gli opinionisti un po’ naif.

Sono emozionata come Carmelita all’età di 18 anni“, ha affermato la padrona di casa, aprendo la stagione in uno studio rinnovato, circondata dai vidiwall con gli inviati collegati dai luoghi dell’attualità. L’inizio in medias res ha portato la conduttrice ad occuparsi subito delle principali notizie del momento, che peraltro le offrivano pure particolari assist di approfondimento. Dopo essersi collegata con una famiglia interessata dal rogo nel grattacielo di Milano, Barbara ha parlato della sparatoria avvenuta in chiesa ad Acireale e poi del caso del Gratta e vinci “rubato” a Napoli.

Il tutto, con un approccio quasi asciutto, molto più legato alle notizie, privo di toni sensazionalistici sia nei servizi, sia nei resoconti degli inviati. Intervistando la famiglia milanese vittima del terribile incendio, la conduttrice si è anche offerta come tramite per un eventuale appello da parte dei suoi interlocutori. “La nostra trasmissione serve anche a questo…“, ha sottolineato. In questo primo segmento, il programma ha lasciato spazio ad un serrato racconto dettato dalle news.

Ma il cambiamento più grande lo si è visto con la seconda parte, quando il “nuovo” Pomeriggio Cinque si è aperto al dibattito. Ma sorpresa: in studio, accomodati dietro a delle scrivanie (“come nella tv americana“, ha sottolineato la conduttrice!), non c’erano più prezzemolini e volti senza nè arte nè parte, ma “analisti”, chiamati a dire la loro sull’attualità. Peraltro, la stessa scelta di introdurre un tavolo, per commentare i diversi fatti del giorno, ha ricordato il modello adottato da La Vita in diretta di Alberto Matano (che pure nella prima parte ha un piglio più serrato dettato dai collegamenti). Tra gli altri, hanno preso parte al dibattito Maurizio Belpietro, Michele Cucuzza, Hoara Borselli, Simona Branchetti (direttamente da Morning News) e Rita Dalla Chiesa in collegamento. Durante il confronto, appena gli animi si sono accesi per il fisiologico scontro delle opinioni, Barbara D’Urso è intervenuta a placarli: “Non accavallatevi, per favore. Vi prego, fatemi condurre“. Di colpo, sono apparsi lontanissimi i tempi in cui capitava che tra ospiti volassero stracci e schiamazzi.

In questo rinnovato contesto, anche un’involontaria gaffe della presentatrice (l’obbligo vaccinale è diventato per sbaglio “vaginale”) è stata archiviata con un sorriso quasi imbarazzato. E nulla più. Un clima quasi straniante – ma emblematico allo stesso tempo – per lo spettatore, abituato ad uno stile più divisivo e a temi decisamente più leggeri. Solo nel finale, la conduttrice ha apposto la propria firma al programma, ricordando al pubblico che “il mio cuore è vostro“. Tutto sommato, un innocuo e rassicurante amarcord.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


barbara d'urso bikini
Barbara D’Urso racconta come cambia Pomeriggio Cinque


pomeriggio cinque
Pomeriggio Cinque dal 6 settembre per ‘dar voce ai protagonisti della cronaca’ – Promo


Barbara D'Urso
BOOM! Mediaset pensa a una drastica riduzione di Pomeriggio Cinque (45 minuti)


Barbara D'Urso - Pomeriggio Cinque
Pomeriggio Cinque, Barbara D’Urso: «Torniamo fortissimi e unitissimi a settembre»

5 Commenti dei lettori »

1. Adriano ha scritto:

6 settembre 2021 alle 20:40

Apprezzo il tentativo ma la D’urso appare estremamente forzata recitando un ruolo istituzionale che non le appartiene.

Troppa carne sul fuoco e argomenti mescolati l’un l’altro.

Trasmissione fatta al risparmio. Se stanno sopra il 12% devono pure festeggiare. Son comunque convinto che se dovesse fallire l’esperimento domenicale la richiamano e siamo punto e a capo.



2. Mister Zapping ha scritto:

6 settembre 2021 alle 23:02

Praticamente Barabra in conduzione come un cane bastonato, ma in realtà fa bene pure a lei questo ridimensionamento: la vecchia versione di Pomeriggio5 così come Domenica e Live erano ormai inguardabili oltre che indegni di qualsiasi testata giornalistica!



3. john2207 ha scritto:

7 settembre 2021 alle 08:48

la D’Urso ha il 50% delle colpe, poi il resto è colpa dell’editore che ha avvallato e voluto per anni questa deriva populista e trash sulle sue reti. Non è che a credibilità della parte informativa con i talk di rete4 e trash spruzzato qui e li siano messi meglio a mediaset. Dicamolo sennò sembra che la colpa sia solo della D’Urso



4. Maria Cristina Giongo ha scritto:

8 settembre 2021 alle 10:02

Concordo con John2207, più che con questo articolo: le colpe vanno divise a metà. Però vedere ieri, nella seconda parte, il solito direttore di Novella 2000, Carmelo Abbate, la Collovati e tutti che parlavano insieme mi ha fatto capire che non è poi cambiato molto, se non, per fortuna, il look della D’Urso, più adatto ai temi trattati; oltre al fatto che ora queste persone non vengono più chiamate opinionisti ma analisti… per cui si mettono a commentare argomenti delicati come l’Islam, in riferimento alla ragazza uccisa dai familiari…

I servizi della prima parte sono buoni e ben condotti dalle giornaliste inviate, peccato che la D’urso le interrompa spesso, come gli anni passati, per “riassumere”quello che dicono, perdendo tempo anche a scapito del programma, già ridotto.

E qui, come ha ben scritto John2207, dovrebbe intervenire almeno il direttore della trasmissione; comunque il pomeriggio viene sempre salvato dalle telenovele e presto dalle storie d’amore di Uomini e donne. In fondo da tempo oramai i gusti dei telespettatori e soprattutto delle telespettatrici del pomeriggio sono stati chiari. Vogliono solo soap e Uomini e donne, l’anno passato ampliamente premiati da ascolti molto alti.



5. CISCA ha scritto:

8 settembre 2021 alle 10:55

Ma chiudete il progamma,lei con suo cuore è nostra,Già la prima puntata un grande FLOP vediami quella di ieri con
cuoreeeeeeeeeeeeeeeeeee



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.