28
agosto

Arena ‘60 ‘70 ‘80: ecco il cast di cantanti. Amadeus torna dj

Amadeus

Amadeus

Ci sarà un ricco parterre di artisti nazionali e internazionali ad Arena Suzuki ‘60 ‘70 ‘80, lo show in onda in autunno su Rai 1 che celebrerà con i suoi protagonisti un trentennio di musica indimenticabile.

Arena Suzuki ‘60 ‘70 ‘80: il cast

Prenderanno parte alle due serate-evento gruppi come gli Europe, che con The Final Countdown hanno segnato un’epoca, i Village People e la loro Ymca, gli Alphaville di Forever Young e gli Opus di Live Is Life. Non mancheranno grandi nomi della musica italiana: Gianna Nannini, Loredana Bertè, Roberto Vecchioni, Raf, Umberto Tozzi, Patty Pravo.

E poi Alan Sorrenti con la celebre Figli delle stelle, Donatella Rettore, Gazebo (re della disco music con brani come I Like Chopin e Masterpiece), Orietta Berti, Edoardo Vianello, i Righeira, Tony Hadley degli Spandau Ballet, Marcella Bella, Sabrina Salerno, Samantha Fox (sex symbol degli anni ‘80 e regina delle classifiche internazionali con hit come Touch Me (I Want Your Body) e Nothing’s Gonna Stop Me Now), Fausto Leali, Ivana Spagna, Sandy Marton con l’iconica People From Ibiza, Sergio Caputo, Tracy Spencer, Peppino Di Capri e Maurizio Vandelli dell’Equipe 84.

Arena Suzuki ‘60 ‘70 ‘80: Amadeus torna dj

Le due serate andranno in scena all’Arena di Verona domenica 12 e martedì 14 settembre, con messa in onda in prima serata su Rai 1 sabato 25 settembre e 2 ottobre.

“Saranno due serate di grande festa per tutti con alcuni dei protagonisti musicali di questo trentennio che saranno presenti all’Arena dal vivo per far cantare e ballare tutti. Una serata per i giovanissimi che conoscono queste hit intramontabili e i meno giovani che hanno voglia di ricordare. Per me è una grande emozione, un debutto. E’ la mia prima volta come conduttore all’Arena, pur essendo cresciuto a Verona non è accaduto nella mia carriera, neanche ai tempi del Festivalbar”

ha dichiarato Amadeus, conduttore dello show e di nuovo dj. Da dietro una consolle, che sarà uno dei nuclei fondamentali della scena di Arena Suzuki ‘60 ‘70 ‘80, farà ascoltare il suo repertorio da dj-vocalist, la sua playlist, un diario sentimentale articolato anche dai suoi incontri con gli ospiti:

Tornerò a fare il mio primo lavoro: il disc jockey. Sarà bellissimo e ci divertiremo insieme”.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Amadeus
Amadeus lancia Arena ‘60, ‘70, ‘80: «Due serate di festa, senza nostalgia». Ecco i primi ospiti


Amadeus
Amadeus arriva al sabato sera e lancia Affari Tuoi Family. Coletta: «Stiamo dialogando con lui rispetto a Sanremo e ad altri eventi»


Elettra Lamborghini
L’anno che verrà: Amadeus brinda al 2020 in diretta da Potenza. Il cast


Mahmood
Amadeus: «cast musicale pazzesco» per Una Serata di Stelle per il Bambino Gesù. Ecco chi ci sarà

3 Commenti dei lettori »

1. Marco ha scritto:

26 agosto 2021 alle 21:43

Troppo sovraesposto…..
- questo programma
- tutte le sere soliti ignoti
- speciale telethon
- ultimo dell’anno
- Epifania lotteria….

Chi è che poi ha voglia di rivederlo a Sanremo? Che novità e aspettative può portare visto che è sempre così tanto in onda???

Almeno quest’anno lo speciale telethon,il capodanno e l’epifania se li dovrebbe evitare….



2. Luigi ha scritto:

26 agosto 2021 alle 22:31

Poche parole: Amadeus è caduto troppo in basso!



3. Luciano Macera ha scritto:

29 agosto 2021 alle 01:08

Uno spettacolo del genere avrebbe senso se vi partecipassero realmente i nomi più importanti ed iconici di quel trentennio. Ma, tranne alcune eccezioni, gli artisti rappresentativi di quel periodo non sono tanti e, soprattutto, sono sempre i soliti: quelli che accettano di partecipare a trasmissioni-nostalgia e che sono spesso presenti nei palinsesti di quasi tutte le reti e che, ormai, non rappresentano più una novità… neanche nei più remoti anfratti dell’universo evocativo dei ricordi!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.