30
ottobre

E’ Sempre Mezzogiorno: è tornata pure la borra!

antonella clerici

Antonella Clerici

Che non sia un sapone lo sappiamo ma cos’è la borra? Ce lo spiegano ad È Sempre Mezzogiorno nell’ennesimo déjà vu per Antonella Clerici. Ieri, durante la preparazione dei tagliolini verdi con funghi porcini, si parlava della borraggine ed è intervenuto Massimiliano Scotti. Da bordo campo, il gelatiere ha voluto ricordare quali fossero i benefici e la storia del prodotto utilizzato, pronunciando la parola protagonista di una pagina “iconica” della televisione italiana (borra fu la risposta data da una signora al gioco telefonico di una vecchia edizione de La Prova del Cuoco):

La borragine deriva da una parola antica che si chiama borra. Questa parola antica, che vuol dire lana cotta, ruvida, proprio perché le foglie da cui proviene sono ruvide e in più rilasciano dei liquidi, da qui borra”.

Imbarazzo nello studio in cui cala il silenzio, rotto dal cuoco che chiede ad Antonella per quale motivo le venga da ridere:

No, no, io non dico una parola, non apro bocca, perché su quello stendiamo un velo pietoso“.

Dopo le parole della conduttrice, l’episodio si è concluso ed hanno continuato serenamente la ricetta che stavano eseguendo. Antonella non ha “infierito” in questo caso, sebbene la ricerca dei doppi sensi sia una costante del suo nuovo show. Puntualmente nel gioco telefonico, infatti, sono presenti indizi “ambigui”. È poco credibile che gli autori della trasmissione nella preparazione degli indizi del gioco, come è accaduto in molte puntate, compresa la puntata di questa mattina, non si accorgano che indizi come “a volte la spremi ma non è dentifricio” o “ama molto le patatine” possano essere facilmente fraintendibili. Siparietti che fanno parlare sul web ma non portano nulla di positivo alla trasmissione. La vera Antonella Clerici, quella che il pubblico ama e che fa sorridere a mezzogiorno, è quella un po’ maldestra, spontanea. Lasciatela a briglia sciolta anziché trasformarla nella caricatura di se stessa.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Antonella Clerici e Elisa Isoardi
E’ Sempre Mezzogiorno: Elisa Isoardi in soccorso della Clerici! (Video)


Antonella Clerici
Antonella Clerici ricorda in lacrime Gianfranco De Laurentiis: «E’ stato per me un maestro, un amico, un papà» – Video


clerici antonella
E’ un problema quando sono amari


Antonella Clerici
E’ sempre «La Prova del Cuoco»

4 Commenti dei lettori »

1. Old Story ha scritto:

30 ottobre 2020 alle 21:47

che tristezza sta roba…



2. PeppaPig ha scritto:

31 ottobre 2020 alle 07:11

Come sempre fa rimpiangere la freschezza (e la classe) della Isoardi.
Per ricorrere a questa roba devono essere proprio alla disperazione.



3. carla ha scritto:

1 novembre 2020 alle 11:25

Ma perchè Antonella ti sei imbarcata in questa enorme stupidaggine di trasmissione, tu che parli con la vocina a uno scoiattolo, ma che ti ha preso? Rischiare così di buttare la tua carriera alle ortiche per una scempiaggine simile è avvilente. Con affetto



4. Gianni ha scritto:

2 novembre 2020 alle 20:11

Oggi invece i giochi di parole volgari si sono concentrati sul Tonkatsu giapponese.

Il cuoco spiegava la nascita del termine dall’unione di Ton (maiale) e Catsu (fruttura). Ripetendo varie volte il termine Catsu senza grande malizia essendo la sua lingua.

La Clerici era attentissima a non parlare! Ha fatto capire subito che non si sarebbe lasciata andare ai suoi soliti giochi di parole. Per tutta la durata della ricetta lasciava che a ripetere la parola fossero gli altri compreso l’inutile tizio che scrive sulla lavagna le ricette (e che non fa ridere nessuno mai).

Credo proprio che qualcuno l’abbia ripresa. O forse ha paura ad esagerare. Comunque sembrava congelata e si vedeva.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.