11
giugno

Gaffe a L’Italia Che Fa, Napoli ’si trasferisce’ nel Lazio

L'Italia Che Fa

L'Italia Che Fa

In Rai non si spostano soltanto i vari conduttori. A L’Italia Che Fa succede che persino le città decidano di cambiare la loro regione d’appartenenza. Nelle scorse ore, il nuovo programma di Veronica Maya – in onda su Rai2 dallo scorso 1° giugno – si infatti è “macchiato” di un clamoroso errore degno di una vera e propria bocciatura scolastica. Protagonista della gaffe la città di Napoli… o forse no. Dipende dai punti di vista!

Prima di lanciare un servizio dedicato al capoluogo della Campania, sul led della trasmissione è apparsa una cartina della penisola italiana. A quel punto, Napoli è stata segnata all’interno del Lazio, senza che nessuno dei presenti si accorgesse dell’evidente sbaglio. Alla faccia del servizio pubblico e della cultura; una roba imperdonabile persino alle elementari.

Un errore che, in altri tempi, sarebbe costato un “rimandato a settembre” o una bocciatura ad uno studente qualsiasi. E magari il dazio da pagare sarebbe stata una mancata vacanza in spiaggia. Dove? Nel lungo mare di Bolzano, ovviamente. Ah no…

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , , ,



Articoli che potrebbero interessarti


Resta a Casa e Vinci
Sospeso Resta a Casa e Vinci


veronica maya
Veronica Maya torna su Rai2 con L’Italia che Fa


Handanovic
Europa League 2019: Inter, Lazio e Napoli in campo per l’andata dei sedicesimi di finale. Ecco il programma TV


Tg2
Tg2, incredibile gaffe: «Salvini non andrà a processo». La direzione si scusa – Video

2 Commenti dei lettori »

1. nicopastore ha scritto:

13 giugno 2020 alle 10:28

Quanta superficialità oggigiorno regna in tv. Aveva ragione il grande “gobbo” di Carramba ovvero il compianto Ciro de Mola che sosteneva che ci dovesse essere una oculata selezione prima di essere assunti in Rai!



2. Maria Cristina Giongo ha scritto:

15 giugno 2020 alle 10:57

E anche a Mediaset, dove pretendono di lasciare l’informazione in mano a giornalisti scalmanati e conduttrici che non hanno in mano ed in testa neanche una laurea!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.