9
novembre

Fatto in Casa per Voi, e si vede

Benedetta Rossi

Benedetta Rossi

Nel 2000 la prima edizione del Grande Fratello ha cambiato per sempre il mondo della televisione, perchè ci ha trascinato dentro la gente comune: da allora chiunque, e per le ragioni più disparate, ha avuto l’opportunità di finire sul piccolo schermo. Ma poter apparire in tv non significa affatto saper fare tv, e non tutti coloro che il pubblico incrocia facendo zapping sono adatti ad intrattenere tramite il tubo catodico. Una di queste è Benedetta Rossi, nuovo volto di Food Network.

Fatto in Casa per Voi: Benedetta Rossi non è a suo agio in tv

Lei è una donna cresciuta in campagna, con una grande passione per la cucina ed un agriturismo che gestisce con successo nelle Marche. Anni fa ha aperto un blog di cucina nel quale condivide le sue ricette, tutte semplici e preparate con i prodotti del suo orto; da quel blog sono nati un canale youtube – che vanta al momento oltre 805.000 iscritti – e tre libri. Poi il debutto in tv con Fatto in Casa per Voi, in onda ogni sabato alle 14.40.

Il programma è totalmente insipido e svilisce le tante qualità della protagonista. La Rossi, genuina e preparata al punto da essersi creata una seconda professione, non è a suo agio davanti alla telecamera e soffre visibilmente nell’interpretare il suo ruolo, e nel fare faccine e gesti simpatici che non sono affatto spontanei. Non ha, per confrontarla con un’omonima, la presenza scenica di Benedetta Parodi, che pure ha sempre portato in tv ricette alla portata di tutti, ma lo ha fatto con allegria, modi buffi ed una simpatica semplicità, che l’ha resa riconoscibile e non l’ha mai fatta scadere dal casalingo al casereccio.

Benedetta Rossi semplicemente non è portata, e avrebbe fatto meglio a restare nella sua comfort zone, negli ottimi video realizzati per il web, quelli in cui lei non parla ma lo fanno le immagini, così come le istruzioni messe in sovrimpressione, con una musica di accompagnamento a fare da cornice.

Il piccolo schermo sarà anche aperto a tutti, ma non è terra di nessuno, richiederebbe una sua professionalità. Che è diversa, ma non per questo più importante o più valida, di quella necessaria per spopolare altrove.



Articoli che potrebbero interessarti


Chopped
Chopped: su Food Network il «minimal style» sposa la stravaganza degli ingredienti


Bake Off Italia 2018 - Carlo Beltrami
Bake Off 2018: Carlo torna dopo un anno e castiga i concorrenti


Porcella Montovoli
Pechino Express 2018: i surfisti perdono le mutande e la finale


I Bastardi di Pizzofalcone 2 - Finale
Un finale «esplosivo» e bastardo per quelli di Pizzofalcone

4 Commenti dei lettori »

1. Kalinda ha scritto:

9 novembre 2018 alle 21:39

L’avrei vista alla Prova del cuoco con la Clerici sarebbe diventata una star



2. Stefano ha scritto:

9 novembre 2018 alle 22:14

Scusate ma non sono d’accordo con l’autore dell’articolo! Non bisogna essere a tutti i costi un “personaggio” che buca lo schermo per finire in televisione… soprattutto se parliamo di una televisione che da voce e spazio ai vari “casi umani” della D’Urso. Non mi sembra che queste persone di dubbia educazione, cultura e telegenia… costituiscano il “SALE” che da sapore al tubo catodico!!! E vogliamo parlare dell’onnipresenza di un certo FABRIZIO CORONA in tutti i salotti televisivi mediaset che ne fanno una sorta di eroe e perseguitato della giustizia??? Questo da sapore??? ?? Su su, cerchiamo di essere obiettivi e lasciamo stare persone pulite e genuine come questa benedetta, che forse l’unica colpa che ha sta proprio nel nome che la mette in paragone con la più famosa Benedetta Parodi. Io la seguo da un po’ e la trovo gradevole proprio per la sua naturalezza e per il non essere costruita! W benedetta e le sue ricette!!!



3. Stefania Stefanelli ha scritto:

10 novembre 2018 alle 08:47

@Stefano: nessuno mette in dubbio il valore di Benedetta Rossi, mi pare di averlo scritto a chiare lettere. Semplicemente, vista la sua semplicità, non è a suo agio negli schemi imposti da un programma tv, nel dover dire quello che le dicono di dire o ammiccare alla telecamere su richiesta del regista. Non ho capito cosa c’entri la questione di Corona in questo discorso.



4. Stefano ha scritto:

10 novembre 2018 alle 23:45

@ Stefania Stefanelli
Ciao Stefania, grazie della risposta! Io continuo a credere che la semplicità non sia un deterrente ma una risorsa da sfruttare in un programma televisivo! Parlavi di programma “insipido” che non esalta le qualità della protagonista che farebbe bene, secondo te, a ritornare alle immagini “mute” dei video di youtube. Poi aggiungi: “Il piccolo schermo sarà anche aperto a tutti, ma non è terra di nessuno, richiederebbe una sua professionalità.” Ti sbagli di grosso!!! Mi permetto di dissentire introducendo i vari Corona e i casi umani della D’Urso che, purtroppo per te e per me dimostrano che la tv, PURTROPPO è sempre più TERRA in cui chiunque “pascola” … anche senza professionalità! Importano solo le curve dello share! Niente qualità, cultura e spontaneità! In questo contesto ben venga la voce timida di Benedetta Rossi. Almeno lei ha una qualità e la esprime come può! Critichiamo piuttosto gli autori, conduttori e registi che montano scenette trash e volgari… nei reality, nei salotti televisivi!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.