13
settembre

Gerardo Greco a DM: «W L’Italia è un reality emozionale. Una nostra inviata marocchina si è finta migrante»

Gerardo Greco

Gerardo Greco

parte dalla strada. Da un racconto che si ripropone di approfondire la realtà ‘da marciapiede’. W l’Italia, il nuovo talk show che il giornalista condurrà da stasera in prime time su Rete4, darà spazio ad alcuni interrogativi suggeriti proprio dalla stringente attualità e dagli spunti offerti dagli inviati. A poche ore dal debutto ce lo ha anticipato lo stesso Greco, che dal 10 settembre scorso ha anche avviato il nuovo corso del Tg4 da lui diretto.

Gerardo, hai definito W l’Italia un “reality emozionale”: che significa?

Vuol dire che molta realtà viene portata dentro lo studio anche in maniera emotiva, muovendo sentimenti, cuori e anime. E’ qualcosa che ci tocca nel profondo. Poi tutto questo racconto quotidiano della strada che noi faremo – e che è una lunga narrazione – ci porterà ad una serie di domande che porremo ai politici, agli economisti. Tutto parte dalla strada, da tutto ciò che trovi consumando la suola delle scarpe: hai sempre una realtà davanti che devi raccontare. Secondo me le prime serate italiane di questo periodo devono essere molto ancorate alla realtà che non ci risparmia nulla, dal crollo dal ponte di Genova in poi…

Un tempo si diceva che chi andava nelle piazze faceva informazione populista, ma non credo sia il tuo caso…

No, un conto sono le piazze che c’erano e si riempivano, un altro sono le strade che ci sono sempre state. Le strade sono le storie che ti vai a cercare. La nostra prima storia, ad esempio, è proprio una storia di strada. C’è una nostra inviata marocchina che si è finta migrante e si è consegnata ad un’organizzazione di mercanti di uomini e ha passato il confine correndo tra l’altro una serie di rischi considerevoli. Lei ci racconterà come questa realtà sia proprio dietro l’angolo.

Qual è la prima cosa a cui hai messo mano come nuovo direttore del Tg4?

La narrazione. Per me il giornale è uno solo, comincia e finisce dando una unità. E’ il racconto dell’Italia e della giornata, non sono tante notizie spezzettate e sparpagliate in un giornale ma è un racconto unico che ha un inizio e una fine, un capo e una coda e una domanda del giorno. Tu quindi devi partire da Orban oggi fino ad arrivare alle nuove rivelazioni sui reali d’Inghilterra però capendo che in realtà è sempre tutto in uno stesso grande racconto che noi come Tg4 facciamo e di cui i telespettatori si devono fidare.

Le rubriche a margine del Tg serale rimarranno?

Sì sì.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Gerardo Greco
Gerardo Greco arriva a Stasera Italia, in attesa di Barbara Palombelli


Piero Chiambretti
Rete 4, ecco il nuovo prime time: Chiambretti al mercoledì, Gerardo Greco sfida Piazzapulita


Gerardo Greco
Gerardo Greco verso la direzione del Tg4. Il giornalista ai colleghi Rai: «Non sono affezionato alle poltrone»


Piero Chiambretti
Piero Chiambretti a DM: «La Repubblica delle donne è lo stesso programma dell’anno scorso». Poi ci accusa di averne annunciato lo slittamento (manco fosse un’offesa!)

4 Commenti dei lettori »

1. aleimpe ha scritto:

13 settembre 2018 alle 13:04

Marco Leardi
Ma quel che ho capito, Geraldo Greco voleva portare al TG4 Stefania Zane (TGR Lazio) e Leonardo Zellino (TGR Puglia) che ha avuti inviati a Agorà, ma poi sono tutti e due passati al TG2 e anche Lorenzo Galeazzi (TGR Sicilia) poi passato al TG1…

E so che voleva Lisa Marzoli al TG4, ma ha voluto rimanere al TG2, vero ?



2. Sabato ha scritto:

13 settembre 2018 alle 14:19

Leardi, vorrei rispondere io ad una delle “domande” che hai posto a Greco, ovvero: “un tempo si diceva che chi andava nelle piazze e nelle strade faceva informazione populista”. Credo – correggimi se sbaglio – che il riferimento sia ai programmi di Rete4, ora chiusi o profondamente trasformati, accusati di populismo: Dalla Vostra Parte, Stasera Italia e Quinta Colonna. Il punto è che il problema non è la piazza, bensì il racconto. I suddetti programmi sono stati caratterizzata da una costruzione disonesta (perché finalizzata alla propaganda politica) del racconto e dei fatti, con servizi pensati e montati ad arte d ospiti scelti per far emergere positivamente qualcuno e negativamente qualcun altro. Per non parlare delle bufale vere e proprie, alcune delle quali sono state smascherate da Striscia. Vera DISinformazione POPULISTA. Ripeto: il problema non è la piazza, ma tutto ciò che è stato costruito attorno alla piazza da alcuni giornalisti politicizzati, privi di onestà e professionalità, per raggiungere un determinato scopo elettorale.



3. RoXy ha scritto:

13 settembre 2018 alle 14:19

Facce sconvolte, spaesate ahhhahaha!!!

ps: che ci faceva Silvia Salemi in studio, che si vede passare alla spalle di Greco ad inizio video? Stava registrando il suo nuovo programma per La5 nello studio accanto? Ma LOL….



4. vinny ha scritto:

13 settembre 2018 alle 15:21

La nuova rete 4? Cioè mandare in giro un’inviata marocchina fingendosi migrante è una novità? Già visto con i rumeni,con i musulmani.
Se voi giornalisti iniziaste a fare i giornalisti sarebbe la novità.La Calabria è abbandonata e basterebbe dedicare a questa regione anche la metà del tempo che dedicate da anni ai migranti. E’ morta Teresa Cordopatri,lasciata sola a combattere. voi dove eravate? Non fa notizia occuparsi degli Italiani vero?



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.