30
maggio

Abc cancella «Roseanne» (Pappa e Ciccia): la protagonista paragona l’ex consigliera di Obama a una scimmia. Era la serie più vista della rete

Roseanne Barr

Le scuse dell’attrice Roseanne Barr non sono bastate. L’emittente statunitense Abc ha deciso di cancellare il sequel della popolare sitcom Roseanne (in Italia nota col titolo Pappa e Ciccia) dopo che l’omonima protagonista della serie aveva offeso con un tweet Valerie Jarrett, ex consigliera afroamericana di Barack Obama, paragonandola a una scimmia. Di seguito, l’attrice Roseanne – che non ha mai nascosto il proprio sostegno a Donald Trump – aveva anche utilizzato toni forti contro l’ex «first daughter» Chelsea Clinton ed il finanziere George Soros.

Il Tweet di Roseanne

Poche ore dopo aver lanciato le offese razziste all’ex consigliera di Trump, l’attrice aveva cancellato il tweet e fatto pubblica ammenda con queste parole:

Mi scuso con Valerie Jarrett e tutti gli americani, mi dispiace di aver fatto quella battuta sulla sua politica e sul suo aspetto. Avrei dovuto pensarci meglio. Perdonatemi – La mia battuta era di cattivo gusto“.

Ma le scuse, dicevamo, non sono bastate. E l’emittente Abc non ha esitato a prendere provvedimenti.

La dichiarazione di Roseanne su Twitter è aberrante, ripugnante e incoerente con i nostri valori, e abbiamo deciso di cancellare il suo show

ha dichiarato in una nota il presidente di Abc Entertainment, Channing Dungey. Prima della decisione dell’emittente erano arrivate altre prese di posizione rilevanti, comprese le dimissioni di una produttrice. A prendere le distanze da Roseanne è stata anche la collega attrice Sara Gilbert, che nella serie tv interpretava una delle figlie della protagonista.

I recenti commenti di Roseanne su Valerie Jarrett, e tanto altro, sono disgustosi e non rispecchiano ciò in cui crede il nostro cast e la nostra troupe, o chiunque altro abbia a che fare con lo show. Sono delusa dalle sue azioni, per non dire altro” ha twittato l’attrice.

Dopo la chiusura nel 1997, la popolare serie tv interpretata da Roseanne Barr era tornata sugli schermi statunitensi nel marzo scorso con nuove puntate, ottenendo un positivo riscontro di pubblico che aveva spinto il Presidente Donald Trump a complimentarsi con l’attrice protagonista, nonché sua sostenitrice. Con una media complessiva di 17.9 milioni di spettatori, Pappa e Ciccia è stato il secondo programma più visto d’America in questa stagione (il primo per Abc). L’audience era concentrata negli stati centrali dell’America, quelli tradizionalmente più conservatori.

Da sottolineare che già in passato Roseanne aveva usato termini forti e diviso con alcune sue affermazioni su Israele, sui musulmani e la Clinton. Tuttavia Abc, la stessa che ha appena cancellato lo show, aveva deciso di richiamarla all’ovile.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Pappa e Ciccia 2018
Pappa e Ciccia: continua il successo del revival, con l’arrivo del nipotino gender fluid e la benedizione di Donald Trump


Il cast di Pappa e Ciccia
Pappa e Ciccia: il cast si riunisce per la lettura del copione. In onda nel 2018 su Abc


Filippa e Daniele
Pagelle TV della Settimana (28/05-3/06/2018). Promosse Clerici e Sardoni. Bocciato Lippi


Emilio-Fede
Pagelle TV della Settimana (26/03-1/04/2018). Promossi Pappa e Ciccia e Pio e Amedeo. Bocciati American Crime Story Versace e Dance Dance Dance

8 Commenti dei lettori »

1. marcoz ha scritto:

30 maggio 2018 alle 11:55

Giusto aver cancellato la serie; la protagonista è una fervida sostenitrice di Trump cosa c’era da aspettarsi?



2. XxdanyxX ha scritto:

30 maggio 2018 alle 12:59

Il problema non è tanto il fatto che sostenga Donald Trump, il problema è che lei ha quella rabbia incausata di metà degli elettori del carissimo peli di carota
queste sono cose che dovrebbero fare arrabbiare la gente, commenti razzisti, misogini e ignoranti, non le supposizioni che la stessa fa ogni giorno su Twitter (andate a vedervi il suo profilo e i suoi tweet, denotano una ignoranza disarmante).



3. CuginoSfigato ha scritto:

30 maggio 2018 alle 13:14

….. giusto aver cancellato la serie …… ?!?!?

beh certo, se una è sostenitrice di Trump bruciamole pure la casa, marchiamola a fuoco, e mettiamola alla gogna sulla pubblica piazza, che tutti possano sputarle addosso ….



4. soralella ha scritto:

30 maggio 2018 alle 13:19

… ma il tweet della collega? deve essere la classica vipera stile Camera Cafè ….



5. tim ha scritto:

30 maggio 2018 alle 13:49

soros non perdona.



6. Marco Cappuccini ha scritto:

30 maggio 2018 alle 15:36

Ma siete cretini?
Ha dato della “scimmia” ad una donna nera, è ovvio che le abbiano cancellato lo show, altrimenti anche la reputazione della ABC ne avrebbe risentito. Hanno fatto bene!



7. nicola83 ha scritto:

30 maggio 2018 alle 19:36

Ma non poteva pagare una multa per scusarsi? Non bastava fare una donazione sentita? La chiusura dello show è eccessiva per due motivi:
Primo, perché si tratta ad oggi della serie più vista d’America;
Secondo, perché si tratta di uno show importantissimo che dà lavoro a tantissime persone che, senza colpa, si ritrovano disoccupate.



8. soralella ha scritto:

30 maggio 2018 alle 20:59

Marco Cappuccini nello screenshot della frase incriminata vedi bene che lei sta commentando fatti gravissimi della gestione Obama, e commentando il ruolo della consigliera della vicenda per dimostrare il suo disprezzo per la persona in questione ha usato quel termine. Sicuramente infelice, sicuramente poco furbo, ma è comico che il problema non sia che l’abbia offesa, ma che abbia usato l’espressione “faccia di scimmia”. Se invece la chiamava “cretina” come hai fatto tu con noi andava bene? Cancellare uno show di grandissimo successo per questo motivo meriterebbe come unico commento la famosa canzoncina del Trio Medusa che tanto fece inquietare il povero Sgarbi ….



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.