24
ottobre

Rai1: cronaca di un disastro annunciato

Celebration

Celebration

Cronaca di un disastro annunciato. Ad un anno dalle Dieci Cose di Veltroni, Rai 1 si schianta nuovamente al sabato sera con Celebration. Una situazione doppiamente allarmante perchè, oltre al flop, c’è l’aggravante della “prevedibilità“. Un conto è incappare in inaspettati passi falsi schierando grandi conduttori e grandi format (vedi Canale 5 con Chi Ha Incastrato Peter Pan?), un altro è affrontare una “missione impossibile” mescolando elementi nuovi e azzardati ad elementi nuovi e azzardati (per usare un eufemismo).

E così il perfetto harakiri è servito quando scegli come conduttori di un format mai sperimentato altrove una coppia inedita e alle prime armi su Rai1 come quella composta da Serena Rossi e Neri Marcorè, dallo scarso appeal e incapace di dare anima ad un meccanismo di per sé elementare. Ma la colpa, chiaramente, non può essere solo dei padroni di casa mandati allo sbaraglio ma è riconducibile anche ad una scaletta che non tiene conto del pubblico di riferimento di Rai 1. Perchè per la prima puntata concentrarsi su canzoni in lingua inglese? Non era meglio partire con la più “digeribile” musica italiana e poi addentrarsi nel pop anglosassone?

Per il resto, il programma manca di unitarietà, è privo di una gara e non ha nessun elemento che possa mantenere la permanenza dello spettatore. Gli stessi cantanti, all’esordio tutti giovani, non hanno dato vita a momenti di particolare interazione come richiesto da un varietà che si rispetti. In tutto ciò, Rai1 e Non Panic, società artefice dei dimenticabili Fan Karaoke e Sbandati, non si sono fatte mancare nemmeno il momento “educational” con Ernesto Assante, senza considerare che le “lezioni universitarie” e il sabato sera mal si sposano, pur col migliore dei prof. Va detto che con la seconda puntata c’è stato qualche cambiamento, pare voluto da Teodoli, ma ormai tanto varrebbe farla finita.

Celebration, tuttavia, non è l’unico disastro annunciato di Rai1. Sul groppone anche la Domenica In targata Parodi al posto de L’Arena, La Vita è Una Figata nel tardo pomeriggio della domenica, La Vita in Diretta firmata Cristiana Mastropietro. E poi c’è il complesso capitolo Fazio che regge con Che Tempo Che Fa ma annaspa con il tavolo.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


La Vita in Diretta Estate, Gianluca Semprini e Ingrid Muccitelli
Semprini e Muccitelli si giustificano dopo gli insulti di Feltri: «Siamo su Rai 1». E quindi?


The Good Doctor
The Good Doctor: su Rai 1 arriva un chirurgo affetto da autismo


Quelle Brave Ragazze
Rai1 ci ricasca: a Quelle Brave Ragazze il cartello sulle ‘donne litigiose’


Marco Liorni
Marco Liorni rompe il silenzio: «Avevamo concordato una strada, poi è saltata. Stava accadendo qualcosa di incomprensibile»

19 Commenti dei lettori »

1. klik ha scritto:

24 ottobre 2017 alle 16:53

consigli a raiuno:

06.40 unomattina (di mare – capua)
09.45 storia vere (daniele)
10.45 verdetto finale (leofreddi)
11.50 la prova del cuoco (clerici)
13.30 tg1
14.00 il fatto del giorno (monica setta)
15:00 a casa di mara (venier)
17:00 la vita in diretta (liorni)

sabato

06:40 unomattina in famiglia
10.45 buongiorno benessere
11.50 la prova del cuoco
13.30 tg1
14.00 linea blu – verde – bianca (a rotazione)
15:00 tv talk
16:30 sabato in diretta (cucuzza – dalla chiesa)
18.50 l eredita

domenica

14.00 l arena
17:00 un minuto per vincere ( lippi – magalli)
18.50 l’eredità



2. klik ha scritto:

24 ottobre 2017 alle 17:06

sabato sera, STASERA TOCCA A ME! one man show ogni sabato con un artista diverso che si racconta e si esibisce con ospiti e amici. senza conduttore ( conduzione da parte dell artista steso, oppure milly carlucci)

MORANDI, RANIERI, ALBANO, RICCHI E POVERI, ZERO, PRAVO, VANONI, VOLO, POOH, BAGLIONI, ORIETTA BERTI, MANNOIA, ZANICCHI, BOCELLI



3. klik ha scritto:

24 ottobre 2017 alle 17:11

sabato da gennaio INDIMENTICABILI, serate per ricordare i grandi artisti. MIKE BONGIORNO, CORRADO, SANDRA E RAIMONDO, LUCIO DALLA, MIA MARTINI, MOIRA ORFEI, ALBERTO SORDI



4. Stefano ha scritto:

24 ottobre 2017 alle 17:13

RAI1 sta sbagliando ma in primavera pare che ritorni ancora una volta la Gregoraci (raccomandatissima) con il solito e vecchio programma Flop Made in Sud. Mi domando e dico: per quale motivo confermare un programma FLOP su RAI2 anche il prossimo anno dopo che ad ottobre andrà in onda un programma bellissimo come “A Casa di Mika” ed a dicembre il programma con Arbore e Frassica, entrambi programmi che faranno ascolti alti con veri professionisti?
Il problema è che esistono i RACCOMANDATI che non sanno fare questo mestiere per cui aggiungono una marea di ospiti famosi per colmare le ore di messa in onda e viene fuori un mucchio enorme di persone, diventando programmi che non hanno alcun senso ma che danno l’immagine di una gran confusione.
Mi spiace molto per Serena Rossi che è bravissima ma avrebbero dovuto darle più spazio invitando pochi cantanti, ed invece anche in quanto programma hanno creato confusione con troppe persone che cantano e poi vanno subito via ed i telespettatori hanno cambiato canale preferendo la De Filippi che invece dà il giusto tempo ad ogni persona che si esibisce e creando un programma piacevole da vedere con una logica, e senza confusione né persone famose come ospiti per fare ascolti.



5. klik ha scritto:

24 ottobre 2017 alle 17:14

il venerdi autunno: TALE E QUALE NIP
da gennaio: BALLANDO CON LE STELLE
primavera: serate omaggio alla tv al femminile con RAFFAELLA CARRA’ – LORELLA CUCCARINI, LORETTA GOGGI, MARA VENIER



6. gian mario giuseppe ha scritto:

24 ottobre 2017 alle 17:39

Concordo con Mattia Buonocore
Appena letto le anticipazioni date dal sito Davide Maggio sui programmi del sabato sera, ho deciso di vedere altrove.
Una serata di sole canzoni in inglese mal si sopporta.
Stessa opinione di mia cugina, quando il giorno dopo, a pranzo, le ho chiesto se le ere piaciuto il programma.
Risposta negativa.
Allora le ho detto che l’ultima puntata, sarà con canzoni italiane.
Mi ha sorriso felice.
Io personalmente la prima puntata lo vista tra una pubblicità e l’altra del film che stavo vedendo, e mi sono trovato a vedere lo show di Helton John (si scrive così?), sono rimasto a vederlo poi ho lasciato.
Sabato scorso, non mi sono avvicinato.
Un vero peccato, perché Neri Marcorè, è una persona che stimo molto e mi piace, lo seguo volentieri anche su RaiRadio2 il sabato e la domenica mattina.
Attendendo l’ultima puntata con canzoni italiane (se ci sarà?) buona fortuna.



7. klik ha scritto:

24 ottobre 2017 alle 17:41

investire in fiction forti, DON MATTEO – BASTARDI DI PIZZOFALCONE, UN PASSO DAL CIELO, CHE DIO CI AIUTI, LA PALLOTTOLA SPUNTATA, MEDICI E MINISERIE DI GRANDI PERSONAGGI



8. klik ha scritto:

24 ottobre 2017 alle 17:56

cosi come sarebbe da modificare il pomeriggio di raidue alla luce dei buoni risultati di geo su raitre:

14.00 DETTO FATTO
16:30 GEO
19:15 RAISPORT + METEO
19:40 N.C.I.S
20:30 TG2



9. Travis ha scritto:

24 ottobre 2017 alle 17:58

Ma proprio i conduttori non centrano nulla. Sono la cosa migliore si Celebration e finalmente volti diversi e bravi anche di più di quelli tanto osannati. Il problema di Celebration è che è un pò troppo uguale a se stesso. e dopo la prima mezzora stufa nonostante conduttori e ospiti eccellenti.



10. klik ha scritto:

24 ottobre 2017 alle 18:01

su raitre

08:00 AGORA
10:00 MI MANDA RAITRE
11:00 TUTTA SALUTE
12:00 TG3
12:30 TELEMANIA (STILE TV TALK)
13:10 IL COMMISSARIO REX
14:00 TGR
14:20 TG3
14:45 CHI L HA VISTO
15:30 L ISPETTORE DERRICK
16:30 FILM
18:15 CARTABIANCA
19.00 TG3



11. primus ha scritto:

24 ottobre 2017 alle 18:30

a quando un articoli con gli innumerevoli flop di c5????



12. Vince! ha scritto:

24 ottobre 2017 alle 19:12

Credo che sia difficilissimo gestire una rete pubblica in un periodo politico incerto come l’attuale. Saranno mesi di fuoco per Rai1: le legittime scelte degli spettatori c’entrano poco.



13. nas ha scritto:

24 ottobre 2017 alle 19:53

Peccato per serena rossi, è così brava. Marcoré non è adatto al sabato di raiuno, non è troppo “popolare”. Certo che dopo il disastro di Fan Karaoke e questo, la casa di produzione dovrebbe farsi due domande sui programmi musicali: non li sanno fare proprio.



14. FedEx ha scritto:

24 ottobre 2017 alle 20:42

@Primus giustamente pure qua dovete portare la vostra faziosità. Poi quali sarebbero gli unnumerevoli flop targati Mediaset? Il già citato Chi ha incastato Peter Pan e Caduta Libera, che flop non è peraltro.



15. Beppe ha scritto:

25 ottobre 2017 alle 12:08

Sarò controcorrente, ma non la vedo una trasmissione così sgangherata. C’è un buon lavoro sulle musiche e i conduttori sono bravi.
Probabilmente non piace. Punto.
Unico neo (la cui soluzione non risolverebbe i problemi di ascolti….): secondo me hanno poco tempo per provare e questo si nota.



16. alessandro ha scritto:

26 ottobre 2017 alle 02:19

A me della rai dispiace solo che io sia costretto a pagare il canone pur non vedendola quasi mai… Io guardo solo le reti Mediaset e in particolare canale 5… Mi stupisco di chi si stupisce dei continui e prevedibili flop della rai… a partire da Domenica In programma condotto da due conduttrici regine del flop televisivo… x passare all’inguardabile Celebration… x passare poi al lunedi’ sera del comunista con il Rolex (x dirla come fedez) Fazio… e cosi’ via…



17. annamaria ha scritto:

26 ottobre 2017 alle 02:23

@ compagno Primus guardati solo rai tre e non giudicare le reti mediaset che neanche guardi. Io sto tutta la vita con Mediaset e i suoi programmi a partire da quelli condotti da Maria De Filippi



18. Giusi ha scritto:

26 ottobre 2017 alle 11:07

Annamaria, guardati pure le reti mediaset, nessuno ti obbliga a vedere altro, io i canali mediaset, li ho tolti dai miei programmi/telecomando, così non ci vado nemmeno per sbaglio…..e poi ognuno è libero di guardare quello che meglio crede……e poi non è che chi guarda rai3 è per forza “compagno”……



19. francesco ha scritto:

26 ottobre 2017 alle 11:43

Una persona che toglie dal telecomando i canali mediaset e’ quanto mai faziosa e sarebbe meglio che evitasse di scrivere. Scelta incommentabile. Canale 5 e’ la rete principe e con piu’ ascolti italiana e una x motivi politici la toglie dal telecomando??? E’ una scelta priva di senso. Anche io come Annamaria guardo solo quasi esclusivamente mediaset. La rai la seguo solo x le partite di calcio, x il resto e’ inguardabile. I radical chic di sinistra continuino pure a vedere la rai e a snobbare mediaset. Non ce ne puo’ fregare di meno. Pagassero il canone della rai anche x noi che non la guardiamo e siamo costretti a farlo. Io ho sky x lo sport e sono ben felice di pagarla. Pagare il canone rai (x strapagare x esempio i fazio, i santoro e compagnia brutta) mi da’ alquanto fastidio ma purtroppo sono obbligato a farlo seppur controvoglia.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.