9
ottobre

Grande Fratello Vip 2017: tutti cantano Malgioglio da Mina ad Alessandra Mussolini e Patrizia Pellegrino

Cristiano Malgioglio

Che lo si ami o lo si odi, Cristiano Malgioglio è indubbiamente uno dei protagonisti indiscussi di questo Grande Fratello Vip 2017. E’ stato presentato come cantante e paroliere, ma forse in pochi conoscono i titoli dei brani da lui scritti e, talvolta, anche interpretati. Canzoni che in alcuni casi hanno fatto la storia della musica italiana (interpretate da artiste come Mina o Iva Zanicchi) e che in altri hanno fatto la storia…del trash! Ecco alcuni degli esempi più eclatanti.

La più celebre in assoluto tra le canzoni che portano la firma di Malgioglio è Ancora Ancora Ancora, di Mina. Un brano del 1978, anno del ritiro dalle scene della Tigre di Cremona, che rappresenta una pietra miliare nel suo repertorio (è stata scritta a quattro mani con Gianpietro Felisatti). E’ contenuta nell’album Mina Live ‘78, che ha venduto più di mezzo milione di copie. Per Mina, Malgioglio ha scritto anche L’importante è finire, altro celeberrimo brano che all’epoca fu censurato.

Cristiano Malgioglio ha scritto la versione italiana di uno dei brani più famosi di Iva Zanicchi. Si tratta di Testarda io (La mia solitudine), canzone del 1974 riarrangiata nel 2008 da Giuliano Palma & The Bluebeaters. Nel 1977 Cristiano ha messo la firma (assieme ad Umberto Balsamo) su un altro grande successo: l’indimenticabile Angelo Azzurro, reinterpretata poi dallo stesso Cristiano nel 1983. Dalla sua penna sono nate anche Forte Forte Forte di Raffaella Carrà, Cocktail d’Amore di Stefania Rotolo e Gelato al Cioccolato di Pupo.

Non solo canzoni che hanno fatto la storia della musica per grandi artisti, però, Malgioglio si è cimentato anche con brani decisamente meno di impatto dal sapore decisamente kitsch e personaggi che non erano certo stelle della musica. Per se stesso ha scritto Sbucciami, canzone del 1979 inserita nell’omonimo album, e poi riportata alla ribalta in tempi più recenti. Il testo è “sublime”: “E se ti basta un’ora/Sbucciami e la tua bocca addolcirò/Coglimi/Frutto fresco tuo sarò/Mangiami/Fino a che ti sazierò/Scioglimi/È un veleno dolce il mio”. Fu tradotta anche in spagnolo con il titolo Pelame.

Nel 1983 ha tradotto in italiano un brano di Elton John, Nobody wins. Il titolo era Manette Blu, e ad interpretarla fu una giovanissima Pamela Prati. Come non citare poi le canzoni scritte per Carmen Di Pietro, anche lei concorrente in questa edizione del reality? Su tutte svetta Tocalo Tocalo, del 1995. Negli anni Malgioglio ha scritto anche canzoni per Patrizia Pellegrino, Amanda Lear, Lisa Fusco, Luca Sardella, Simona Tagli, Alessandra Mussolini (era il lontano 1982) e tantissimi altri.

Altri due brani di Cristiano hanno in un certo senso a che fare con il Grande Fratello Vip. Uno si chiama Wagon Lit, ed è stato scritto nel 1978 per Ornella Vanoni. Chi l’avrebbe mai detto che quasi quarant’anni dopo Malgioglio si sarebbe ritrovato a dormire proprio in un vagone-letto, nella stazione della casa del Grande Fratello? L’altro degno di nota è Chiamatemi un taxi, nato sull’onda delle frasi pronunciate da Pamela Prati durante la sua espulsione dal GFVip 2016 (ne ha curato, tuttavia, soltanto la produzione).

Pelame

Ancora Ancora Ancora di Mina

Tocalo Tocalo di Carmen Di Pietro

Insieme Insieme di Alessandra Mussolini

[TUTTO SUL GRANDE FRATELLO VIP 2017]



Articoli che potrebbero interessarti


Ilary Blasi e Daniele Bossari
Pagelle TV della settimana. Speciale Grande Fratello Vip


GFVip 2017 - Cristiano Malgioglio
Grande Fratello Vip 2017, giorno 74. Cristiano ironizza: «Cecilia avrà sicuramente parlato con il suo ex»


GFVip 2017 - Raffaello Tonon in mutande
Grande Fratello Vip 2017, giorno 70. Cecilia risponde a tono a Malgioglio: «Vado fiera di essere una grande maleducata. Ignazio è superdotato» – Foto


Messaggio aereo di Lisa Fusco a Malgioglio - GF Vip 2017
Grande Fratello Vip 2017, giorno 63. Lisa Fusco avvisa Malgioglio che le fan di Giulia lo vogliono eliminare

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.