20
agosto

E’ morto Gero Caldarelli, il mimo che animava il Gabibbo

Gero Caldarelli

Gero Caldarelli

E’ morto oggi l’attore e mimo Gero Caldarelli, colui che dal 1990 animava il Gabibbo. Scomparso per un male incurabile, giovedì prossimo avrebbe compiuto 75 anni.

Antonio Ricci, ideatore del Gabibbo, ha così commentato la sua morte:

“Gero è riuscito a dare a un pupazzo, che nasceva arrogante, grazia e poesia”.

Chi era Gero Caldarelli

Nato a Torino il 24 agosto 1942, Gero Caldarelli, all’anagrafe Giorgio Caldarelli, aveva frequentato la scuola di mimo del Piccolo Teatro. Dopo numerose parti sia in teatro che in tv, nel 1974 fondò, insieme a Maurizio Nichetti, la compagnia e scuola di mimo Quelli di Grock. Cinque anni più tardi prese parte al film Ratataplan.

Collaborò con Antonio Ricci già in Drive In, nei panni di Gawronski e Pendulus, e nel 1990 venne scelto per interpretare il Gabibbo, il pupazzo rosso di Striscia la Notizia, che da allora ha sempre animato.

Nel 2003 uscì il suo libro Una vita da ripieno – Cronache dall’interno del Gabibbo (Rizzoli) e nel maggio scorso ha pubblicato una raccolta di fiabe intitolata Belandi, che storie! Tre mega avventure nel mondo dei besughi (Mondadori). Gero era inoltre autore di quadri in gommapiuma e smalti ad acqua.

Malato da un po’ di tempo, ultimamente si era parzialmente alternato nell’animare il Gabibbo con il suo allievo Rocco Gaudimonte.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Gastone Moschin
E’ morto Gastone Moschin


Paolo Villaggio
Paolo Villaggio: tutti gli omaggi di Rai, Mediaset, Sky, La7 e Discovery


paolo villaggio
E’ morto Paolo Villaggio


Paolo Limiti
E’ morto Paolo Limiti

1 Commento dei lettori »

1. mimma meo ha scritto:

20 agosto 2017 alle 20:10

Riposi in pace. Grande mimo e grande il suo personaggio Gabibbo.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.