10
febbraio

ASIA ARGENTO VS GIORGIA MELONI: “SCHIENA LARDOSA, FASCISTA”. LA RAI SI DISSOCIA, LEI SI SCUSA

Asia Argento

Da Amore Criminale a offesa personale. Asia Argento ha cambiato format, poi se n’è pentita. Sui social network, l’attrice romana aveva insultato Giorgia Meloni, pubblicando una sua foto di spalle e parlando di “schiena lardosa” della “fascista vista al pascolo” (questa la traduzione dall’inglese). Un messaggio quantomeno inappropriato per un volto Rai impegnato alla conduzione di un programma contro la violenza sulle donne. Dopo la dura replica della parlamentare e la presa di distanze da parte di Viale Mazzini, l’attrice si è scusata.

Così, poche ore fa, Asia Argento ha fatto mea culpa in merito alle parole rivolte a Giorgia Meloni. Dopo la pubblicazione del messaggio offensivo, la deputata aveva replicato a tono sulle proprie pagine social.

Pubblico questo commento di Asia Argento a una foto che mi ha fatto di nascosto (temeraria), perché, al di là dei soliti insulti triti e ritriti che non mi interessano, mi ha molto colpito che abbia parlato della mia ’schiena lardosa’. Lo pubblico per dire a tutte le donne che hanno partorito da pochi mesi e che per dimagrire non usano la cocaina di non prendersela se qualche poveretta fa dell’ironia sulla loro forma fisica. Valeva la pena mille volte di prendere qualche chilo. Ps. E sappiate che pagate il canone Rai anche per stipendiare gente di questa levatura” aveva scritto la Meloni.

L’uscita di Asia Argento deve aver creato qualche imbarazzo proprio in Rai, dove l’attrice conduce Amore Criminale, programma in prima linea contro la violenza sulle donne. Da Viale Mazzini, infatti, non si è fatta attendere la presa di distanze:

Rai si dissocia dalle frasi ingiuriose sulla deputata Giorgia Meloni pubblicate da Asia Argento sui social network. Affermazioni che, pur se espresse nel contesto dei propri account social, sono molto distanti dallo spirito del servizio pubblico” si legge in una nota del servizio pubblico.

Alla fine, Asia Argento non ha potuto fare altro che scusarsi per il suo tweet “inappropriato“. “Non avrei dovuto farlo” ha ammesso l’attrice. Profondo rosso (dalla vergogna).

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


asia argento amore criminale
AMORE CRIMINALE SI SPOSTA AL LUNEDI’. GLI ASCOLTI CRESCERANNO?


Asia Argento, Amore Criminale
AMORE CRIMINALE: CON ASIA ARGENTO EFFETTO DARK E STORIE IN PRIMO PIANO


asia argento amore criminale
AMORE CRIMINALE: STASERA IL DEBUTTO DI ASIA ARGENTO ALLA CONDUZIONE


Barbara De Rossi
AMORE CRIMINALE: ASIA ARGENTO AL POSTO DI BARBARA DE ROSSI. LA REAZIONE DELL’ATTRICE

5 Commenti dei lettori »

1. Filippo ha scritto:

10 febbraio 2017 alle 17:25

Altro buon motivo per non pagare il canone rai!! Ma perché Asia Argento fa televisione? Ah si, per il suo cognome, in Italia funziona così….



2. Luca ha scritto:

10 febbraio 2017 alle 17:52

A me questo buonismo d’accatto mi fa vomitare
Due donne si insultano,OK
Fatti loro
Sono due donne entrambe a loro modo brave e capaci
Ma perchè scomodare la violenza sulle donne ?
ma che palle



3. Nina ha scritto:

10 febbraio 2017 alle 18:27

Dobbiamo sorbirci questa Asia, senza talento, solo perchè figlia di un indiscusso genio. Così va il mondo. Ma le scuse no, quelle non le tollero. Mica è una parola pronunciata nell’impeto di un discorso! Questa è una cosa che per farla una deve essere convinta.



4. giannileo ha scritto:

10 febbraio 2017 alle 19:27

@Luca: “Sono due donne entrambe a loro modo brave e capaci.” O_O
per il resto concordo con te



5. marco urli ha scritto:

10 febbraio 2017 alle 21:41

Una vera fascista rossa.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.