7
novembre

FACCIA A FACCIA: MINOLI VIVE DI RENDITA. IL SUO RITORNO È UN DEJA VU

Giovanni Minoli, Faccia a Faccia

Giovanni Minoli va sul sicuro, vive di rendita: il suo nuovo Faccia a Faccia è un déjà vu a colpo d’occhio. Sin dalla sigla. A tre anni e mezzo dal suo addio alla Rai, il giornalista è tornato in tv con un programma che è la riproduzione perfetta e la combinazione ordinata di formule già sperimentate da lui stesso in passato. E ben note al pubblico. Certo, negli anni sono cambiati i protagonisti e i temi d’attualità (che poi: siam proprio sicuri?) ma lo stile, le inquadrature e i ritmi utilizzati dal conduttore sono sempre i medesimi.

Meglio una buona riproposizione che una sperimentazione senza criterio. Minoli deve averlo pensato, e così per il suo debutto su La7 ha riaperto il bagaglio di esperienze televisive, rispolverando persino la sigla del suo storico programma Mixer, che è stata semplicemente riarrangiata. E, sempre da Mixer, il giornalista ha recuperato la formula del faccia a faccia, vero fulcro della puntata e occasione per dimostrare di essere ancora un maestro nel genere.

Il primo ospite è stato Matteo Renzi, ormai onnipresente in tv. Stavolta, però, il premier non ha avuto tempo per esercitare la propria vis retorica: Minoli, infatti, lo ho sottoposto ad una raffica di domande serrate e dirette – talora severe e inaspettate, altre volte più comode – che hanno tenuto alto il ritmo della conversazione. Caratteristica, quest’ultima, sempre apprezzabile in tempi in cui l’informazione politica non gode di particolare seguito.

L’effetto déjà vu lo si è avuto soprattutto nel segmento di programma dedicato all’approfondimento storico (ieri si è parlato del caso Sindona), che Minoli ha affrontato riproponendo pure spezzoni di sue vecchie interviste. Autocitazioni ridondanti – ci riferiamo al materiale, non ai contenuti – poco adatte alla fascia oraria e in grado di far calare l’interesse. Nel commento delle vicende della Prima Repubblica, a tratti il giornalista sembrava rispecchiare la propria caricatura interpretata da Corrado Guzzanti: che anche questo fosse un richiamo al passato?

Amarcord a parte, Minoli ha confermato di aver ancora voce in capitolo in fatto di infotainment: gli va ad esempio riconosciuto intuito nell’aver arruolato Pietrangelo Buttafuoco come editorialista ‘anti-televisivo’ del suo Faccia a Faccia. Lo scrittore ha proposto un’analisi inedita e pungente sulle elezioni americane.

La rottamazione è già passata di moda in politica, figuriamoci in tv (dove forse non è mai iniziata): il giornalista romano, così, si è ripresentato tale e quale su La7. Con la certezza di un format rodato e ancora funzionale, che tuttavia dovrà fare i conti con gli attuali palinsesti e con gli ospiti via via a disposizione. Per il momento il debutto è stato di tutto rispetto: 4.1%.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Massimo Giletti, Faccia a Faccia
Massimo Giletti, faccia a faccia da Minoli: «Il mio successo dava fastidio, se avessi avuto un agente potente sarei ancora in Rai»


Faccia a Faccia, Giovanni Minoli
Parliamone Sabato, Minoli graffia Campo Dall’Orto sulle responsabilità: dopo l’intervista di Vespa al figlio di Riina non successe nulla


Giovanni Minoli
FACCIA A FACCIA: GIOVANNI MINOLI DEBUTTA SU LA7. LA PRIMA SFIDA SONO GLI ASCOLTI


Giovanni Minoli
GIOVANNI MINOLI SBARCA SU LA7 CON “FACCIA A FACCIA”: VINCE CHI FA SERVIZIO PUBBLICO

1 Commento dei lettori »

1. Luca ha scritto:

7 novembre 2016 alle 14:36

quando scopro l’esistenza di programmi inutili come questo ,rimpiango il caro vecchio monoscopio



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.