13
settembre

POLITICS: IL MADORNALE AUTOGOL DI AVER VISTO IN SEMPRINI IL ‘SALVATORE DELLA PATRIA’

Politics - Semprini

Politics - Semprini

Politics mi ha deluso molto e la colpa è tutta dei vertici dell’azienda di Viale Mazzini e della tante, troppe, aspettative create intorno a Gianluca Semprini. Certo, la mission di rianimare la prima serata del martedì di Rai 3 non era impresa ardua vista la moscia “parentesi Giannini” della scorsa stagione, ma l’aver presentato il giornalista di Sky come il salvatore della patria è stato un madornale autogol.

Diciamocela tutta, Semprini è un bravo giornalista ma in quello che fu il regno del navigato Floris serviva un nome che coniugasse appeal televisivo e autorevolezza. Semprini non ha nè l’uno nè l’altra, o, per esser più chiari, non ha certamente l’autorevolezza dei predecessori mentre l’appeal televisivo è proprio della realtà dalla quale proviene: la tv satellitare.

L’errore principale è stato quello di ritenere che un professionista di Sky Tg24 potesse essere pronto ad un prime time generalista, per giunta fortemente connotato come quello di Rai 3. L’informazione sul satellite viaggia ad una velocità differente e risponde ad esigenze che non sono quelle del pubblico della terza rete. L’informazione tempestiva e rapida la si cerca sul satellite, per l’approfondimento si va sulla generalista. E i due modi di fare informazione viaggiano su binari differenti.

Si potrà obiettare che Semprini ha dato buona prova di sè nei confronti elettorali realizzati e trasmessi da Sky. Qui, il secondo errore. Tralasciando il forte desiderio del pubblico di assistere ad uno scontro diretto tra candidati (cosa che di per sè suscita una buona predisposizione nei confronti dell’offerta), la forza e la resa del confronto non stanno nella capacità del conduttore ma nel format stesso. E’ l’idea che c’è alla base ad esser vincente, non la bravura del conduttore nel ripartire il minutaggio assegnato a ciascun ‘contendente’.

Si sarebbe, con ogni probabilità, potuta trovare una buona risorsa interna senza doverla necessariamente pescare altrove. Certo, se poi l’entusiasmo nei confronti delle risorse aziendali è come quello di un volto della medesima rete come Massimo Bernardini, allora forse non c’è davvero speranza.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Politics, Gianluca Semprini
POLITICS: SEMPRINI SOFFRE PER LA POLTRONA VUOTA. BUONI ALCUNI SPUNTI, VERA NOVITÀ È LA DURATA


Gianluca Semprini.
POLITICS, LO SFOGO DI SEMPRINI IRRITA I VERTICI RAI. E IL SINDACATO ATTACCA: “SPIE IN REDAZIONE? FACCIA I NOMI”


Gianluca Semprini, Politics.
POLITICS, L’ADDIO DI SEMPRINI: “È STATO UN FALLIMENTO, COLPA SOPRATTUTTO MIA”. POI IL MESSAGGIO ALLA BIGNARDI


Semprini-Bignardi
DARIA BIGNARDI: “DOMANI SARA’ L’ULTIMA PUNTATA DI POLITICS”. LA DIRETTRICE DI RAI3 FA MEA CULPA E SOGNA SANTORO

3 Commenti dei lettori »

1. Emma ha scritto:

14 settembre 2016 alle 10:27

Non sono daccordo. Semprini è davvero bravo sia che conduca Politics sia che moderi i confronti tra candidati su skytg24. È il programma in se che è pensato male. In primis la durata che non permette un reale dibattito in studio ma cerca a tutti i costi di chiudere quanto prima, e noi in Italia a questo tipo di programma non siamo abituati! E poi sicuramente Giannini aveva un modo di porsi diverso, non su un piedistallo ma dalla parte del pubblico (non che semprini non lo sia ma come avete detto voi viene dalla satellitare..) Ballaró restava comunque un punto di riferimento per il pubblico della rete, nonostante gli ascolti a mio avviso non andava chiuso!



2. Michele ha scritto:

14 settembre 2016 alle 14:06

La questione è un’altra. Quando pensi un programma e nella scuderia metti persone “sottratte” al programma che cerchi di rivaleggiare, hai già sbagliato tutto.
Volto e look nuovi non bastano a fare un programma se la sostanza resta quella.
Hanno toppato in pieno e non è questione di volto nuovo o programma nuovo, che di nuovo in realtà non ha nulla.

Lo ripeto per l’ennesima volta. Quando si vuole dirigere una rete, la TV va guardata e vissuta anche da spettatore. Altrimenti i risultati sono questi.



3. Michele ha scritto:

14 settembre 2016 alle 14:09

La questione è un’altra. Quando pensi un programma e nella scuderia metti persone “sottratte” al programma che cerchi di rivaleggiare, hai già sbagliato tutto.
Volto e look nuovi non bastano a fare un programma se la sostanza resta quella.
Hanno toppato in pieno e non è questione di volto nuovo o programma nuovo, che di nuovo in realtà non ha nulla.

Lo ripeto per l’ennesima volta. Quando si vuole dirigere una rete, la TV va guardata e vissuta anche da spettatore. Altrimenti i risultati sono questi.

P.S. Bernardini e l’obiettività non vanno d’accordo da molto tempo.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.