17
agosto

BOOM! UN MEDICO IN FAMIGLIA 10: LELE NON E’ IL VERO PADRE DI… (SPOILER)

Stefano Dionisi

Sono quasi quattro lustri che la famiglia Martini è stata adottata dal pubblico televisivo italiano e in tutti questi anni di nuovi familiari ne sono arrivati tanti: nuovi figli, nuove moglie, nuovi nipoti, nuovi legami che hanno ridefinito i contorni della famiglia mostrandola però sempre salda e solida, come un albero pieno di foglie e con radici grosse ed immutabili. Ebbene, quando manca pochissimo alla messa in onda della decima stagione di Un Medico in Famiglia, siamo in grado di svelarvi il più grande colpo di scena mai inserito nella famosa serie Publispei, un colpo al cuore del pubblico che segnerà il destino dei Martini e li metterà in crisi. Naturalmente, se non volete rovinarvi la sorpresa non dovete proseguire con la lettura.

Un Medico in Famiglia 10 anticipazioni: dal passato di Elena una brutta sorpresa per Lele

La famiglia più allargata della storia della tv farà una scoperta sconcertante: uno di loro non è un Martini. L’avvento di Valerio Petrucci, un nuovo personaggio interpretato da Stefano Dionisi, svelerà alcuni retroscena del passato che hanno per protagonista Elena, la prima moglie di Lele e madre di Maria, Ciccio e Annuccia: il dottor Martini, addolorato ed incredulo, scoprirà così che uno di quei tre figli non è suo ma bensì di Valerio, sporcando così in qualche modo l’idilliaco ricordo che tutti serbavano della sorella di Alice.

Un Medico in Famiglia 10 anticipazioni: Anna non è figlia di Lele

Ma quale dei tre non è suo figlio? E’ quella che ancora fa parte delle trame della serie, la più piccola della “prima nidiata” di Lele, ovvero Anna (Eleonora Cadeddu). Ormai adulta, la ragazza non si fa più chiamare Annuccia ma resta sempre accanto al padre e a nonno Libero, dimostrando un attaccamento che adesso verrà messo in discussione con un coup de théâtree davvero inatteso, che stravolgerà i Martini mettendone a dura prova le fondamenta e sorprendendo non poco i telespettatori.

Buona parte della decima stagione sarà legata a questa linea mistery e all’indagine che Lele porterà avanti per scoprire la verità, mentre Valerio troverà il modo di avvicinarsi a sua figlia facendo leva sulle proprie esperienze musicali. Con questa scelta le trame della fiction familiare più amata prendono una piega nuova, politicamente scorretta, che potrebbe servire a renderla più moderna e televisivamente appetibile: ma che ne sarà di quell’idillio purissimo che ha incantato i telespettatori dal 1998?



Articoli che potrebbero interessarti


Un Medico in famiglia 10 - Tommy e Giada
UN MEDICO IN FAMIGLIA 10: I NUOVI PERSONAGGI (FOTO)


Un Medico in Famiglia 10 - Cristiana Vaccaro (da Facebook) 3
BOOM! UN MEDICO IN FAMIGLIA 10: ARRIVA MADDALENA (CRISTIANA VACCARO), LA NUOVA SPALLA COMICA DI NONNO LIBERO


Un Medico in famiglia 9
UN MEDICO IN FAMIGLIA 9, ANTICIPAZIONI: ECCO COME (NON) FINIRA’ TRA TOMMY E GIADA. LA DECIMA STAGIONE SUL SET A GENNAIO 2015


Juan Fran Sierra  - 1
BOOM! Juan Fran Sierra Barberà nel cast di Riccanza

6 Commenti dei lettori »

1. albertof ha scritto:

17 agosto 2016 alle 17:59

Questa cosa promette bene. Se sfruttato bene, questo fatto potrà portare nuova linfa alla serie ma, ahimè, ho paura che buttino tutto in caciara come sempre.



2. xxxxx ha scritto:

17 agosto 2016 alle 18:32

Un medico in famiglia, nelle sue prime sei stagioni, aveva successo essenzialmente perché faceva RIDERE. Tali stagioni, infatti, pullulavano di personaggi comici: basti pensare, per esempio, a Cettina e i suoi fidanzati, i parenti di Torello, Banfi stesso, nonna Enrica, Ave, Melina, il personaggio di Gabriele Cirilli, Mariano e Fausto (che però non si possono recuperare perché morti). Persino le storie erano più divertenti (e le poche storie drammatiche erano più credibili, appassionanti e interpretate molto meglio).
Infatti, se ci fate caso, gli ascolti dopo la sesta serie sono calati molto (salvo riprendersi nell’ottava stagione per il ritorno di Banfi, per poi ricalare di nuovo nella nona, per via dei risvolti più seri e meno credibili presi dalla trama).
Piuttosto che inventarsi storie come quella descritta nell’articolo (che sono un po’ dei cliché, ed onestamente sono poco credibili) dovrebbero inventarsi qualcosa di divertente per Libero ed Enrica e inserire nuovi personaggi divertenti (anche se il mio sogno sarebbe rivedere la Savino e Salvi). Leggetevi nei social le critiche che arrivano alla serie…

PS: parlando ancora di personaggi comici, mi è venuto in mente che nella stagione 8 (l’unica che si salva delle ultime 3 andate in onda, nonostante non sia il massimo) Ave aveva un amico napoletano che faceva il pasticciere e un fidanzato che lavorava nella guardia di finanza. Perché non li hanno tenuti??? Erano simpaticissimi!



3. rupert05 ha scritto:

17 agosto 2016 alle 20:39

Effettivamente le prime serie più sbarazzine le preferivo, ma seguirò anche questa perché la fam Martini ormai fa parte della nostra storia televisiva. Sono contento del ritorno di Scarpati, Cirilli anche no grazie, ma il mio vero sogno sarebbe il ritorno della Pandolfi, peccato resterà un sogno!



4. Ilaria 1 ha scritto:

18 agosto 2016 alle 12:46

“Una parola è troppa e due sono poche” come direbbe nonno Libero.Perchè rovinare l’immagine idilliaca dell’unica (ormai) famiglia,seppur televisiva,rimasta intatta nel tempo?Non mi piace per niente la piega che sta prendendo questa fiction.Oltre al fatto che mi sembra davvero poco realistica questa nuova story-line



5. Ivy ha scritto:

18 agosto 2016 alle 17:20

Ma che schifo é, dopo 20 anni non possono uscirsene che Anna non é figlia di Lele pur di allungare il brodo!



6. ellis ha scritto:

22 agosto 2016 alle 16:17

senza sottovalutare il fatto che anna e ciccio sono realmente due fratelli nella vita reale e si somigliano molto…a questo punto se proprio bisognava tirare fuori sto colpo di scena che almeno la scelta fosse caduta su maria che e’ diversissima da loro.
ma poi perche??? a volte vorrei vedere cosa succede nelle menti degli sceneggiatori per capire…



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.