7
gennaio

IL DONO SOSPESO. PEREGO E LIORNI EVITANO LA SFIDA CON C’E’ POSTA PER TE

Il Dono

Rinviata a data da destinarsi. E’ questa la sorte dell’ultima puntata de Il Dono, il people show condotto da Marco Liorni e Paola Perego al sabato su Rai1. Alla base di tale decisione lo scarso gradimento del pubblico: partito con una media di 3.300.000 spettatori e il 15,75% di share, lo show è poi crollato nel secondo appuntamento ad un ascolto di 2.504.000 spettatori, share dell’11,48%, per poi risalire leggermente nella terza puntata a 2.712.000 spettatori e l’11.94% di share. Ascolti decisamente al di sotto delle aspettative, accettabili sotto le feste e con scarsa concorrenza sulle altre reti, ma non certo ammissibili se, come previsto dal palinsesto del prossimo 9 gennaio, a sfidare Il Dono arriva un programma di punta della concorrenza come C’è Posta per te.

Il fortunatissimo show di Maria De Filippi, che con un’impostazione completamente differente rispetto a Il Dono, si propone ugualmente come mezzo per aiutare le persone a chiedere grazie oppure scusa a qualcun altro, è riuscito in passato a mietere parecchie vittime. Da Morandi a Panariello, passando per Milly Carlucci e Antonella Clerici, in tanti si sono dovuti leccare le ferite inferte da colei che D’Agostino ha ribattezzato a ragion veduta “Maria la Sanguinaria”. Per questo motivo in quel di Rai1 si è preferito battere in ritirata e schierare contro la prima di C’è Posta per Te (che vedrà ospite Marco Mengoni), il film di Alessandro Siani, Il Principe Abusivo.

Prevenire è meglio che curare. Lo sa bene il direttore Giancarlo Leone, che mai come in questo periodo deve stare attento ai passi falsi, anche se uno in più o uno in meno cambiano poco le sue sorti. Da settimane, infatti, a Viale Mazzini si lavora per un nuovo valzer di poltrone, e le polemiche sullo sfortunato Capodanno ancora non sembrano placarsi. Per quanto riguarda Il Dono “scartato” dal pubblico, il mancato riscontro di pubblico non può che confermare la difficoltà da parte della prima rete di Stato nel trovare nuove chiavi di lettura per l’intrattenimento. Per Marco Liorni e Paola Perego non resta ora che concentrarsi rispettivamente su La Vita in Diretta e Domenica In.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Amore Pensaci Tu
Amore Pensaci Tu passa in seconda serata dal 20 marzo


DE FILIPPI_PRIMA PUNTATA C'E' POSTA PER TE 2017
Le Pagelle della Settimana TV (6-12/3/2017). Promossi C’è Posta Per Te e MasterChef. Bocciati Ceccherini e il daytime in convento di Rai2


Raoul Bova
Ballando con le Stelle 2017 VS C’è Posta per Te: Maria chiude con Cannavacciuolo e Bova. Da Milly balla Fox


commissario Montalbano zingaretti
Le Pagelle della Settimana Tv (27/02-5/03/2017). Promosso Montalbano. Bocciati Lemme a C’è Posta e il no a Maradona

6 Commenti dei lettori »

1. grilloparlante ha scritto:

7 gennaio 2016 alle 11:34

Ma a chi è potuto venire in mente di mettere un programma del genere al sabato sera?
Continuando di questo passo mi aspetto che dopo la domenica pomeriggio e il sabato sera alla Perego diano anche la conduzione di Sanremo e la cerimonia degli Oscar.



2. sboy ha scritto:

7 gennaio 2016 alle 12:51

I veri problemi sono per Liorni.. tanto alla Perego le confermeranno a fine stagione altri 2-3 programmi.. e poi nelle interviste continua a ribadire il fatto che la sua vita privata non ha inflenzato la sua carriera, che comunque ci sono 30 anni di carriera e blablabla..
Se la nuova dirigenza Rai uscisse fuori le pal.. e mandase a quel paese i vari pacchettini che le varie agenzie offrono per far lavorare certa gentaccia, a questa qui la manderebbero fuori senza se e senza ma



3. sboy ha scritto:

7 gennaio 2016 alle 12:55

Comunque la Rai dovrebbe lasciare perdere l’intrattenimento. Tenersi gli unici programmi in prima serata che vanno ancora bene come i programmi di Conti e darsi alle sarate evento e alle fiction. Al contrario Mediaset dovrebbe puntare più sull’intrattenimento e non puntare più sulle fiction e serate evento (da vedere per esempio gli ascolti del concerto di Natale o Arena con Bonolis, Canale 5 non è Rai1!)



4. alex ha scritto:

8 gennaio 2016 alle 19:06

buonasera. in tutto questo io voglio aggiungere che se ci fosse una nuova dirigenza rai, la perego non merita di essere cacciata via in malo senza se e senza. lei non lo merita affatto. a me la perego piace. da un altra parte voglioaggiungere che per liorni, sembra non ci siano altre possibilità, dal mio punto di vista. visto che quella banda della rai gli fanno fare sempre lo stesso programma. vitaindiretta. e non è giusto. liorni oltre aessere conduttore è un giornalista. io non lo seguo molto nei sui programmi. ma so che per me merita di più. e non è nemmeno giusto a far fare tanti programmi a quel coglione di conti. io l’ho sempre detto. luideve faretaleequale, l’eredità, ecc. mentre liorni deve fare solo quel programma pomeridiano. e dovrebbe accontentarsi solo di questo. ricordo anche che liorni ha lasciato mediaset sicuramente per trovare di meglio.



5. Luca ha scritto:

8 gennaio 2016 alle 20:40

Paola Perego oramai da dieci anni che inanella un flop dietro l’altro
In una nazione normale e in una televisione normale a quest’ora sarebbe finita a presentare solo più qualche sagra paesana
Oramai l’hanno capito anche i sassi : non ha empatia con il pubblico né tantomeno con gli ospiti malcapitati che presenta ed intervista



6. ciak ha scritto:

9 gennaio 2016 alle 14:20

un programma da seconda quasi terza serata IL DONO…
impensabile che la RAI e la rete uno lascino campo “libero” alla defilippica…
ma si sà oggi è tutta la stessa cosa…
ma IN TV bisogna “osare” in idee … facce vecchie e nuove non importa puchè si “sperimenti”…e non parlare sempre e solo di ascolto…



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.