5
dicembre

CALLAS: LA DIVINA DI DARIO FO E PAOLA CORTELLESI E’ (QUASI) SENZA LIRICA

Dario Fo, Paola Cortellesi

Stavolta ci tocca fare i loggionisti. Non potremmo agire diversamente per commentare Callas, l’opera che ieri sera Dario FoPaola Cortellesi hanno interpretato in prime time su Rai1. Nello spettacolo – al suo debutto assoluto davanti a una platea – la componente teatrale ha infatti prevalso su quella televisiva, scardinando sin da subito ogni equilibrio. Per celebrare la grande cantante lirica, i due attori hanno sostenuto una prova recitativa importante, disinvolta, appassionata. E impegnativa, anche per il pubblico.

Sin da subito, Fo e Cortellesi hanno mostrato sintonia e complementarietà. L’attrice romana, tutta inorgoglita per il ruolo assegnatole, ha instaurato una particolare intesa con l’ottuagenario premio Nobel, apparso in sorprendente forma ma anche sempre uguale a se stesso. Con i suoi gorgheggi, i suoi saltelli, le sue pose e i suoi tipici farfugliamenti lunghi quanto una carriera.

Inizialmente la recitazione è stata vivace, convincente, segnata da artifici meta-teatrali in grado di tenere accesa la curiosità e di spezzare il racconto, come la ricerca di un bicchiere d’acqua o di uno sgabello. In due ore di spettacolo, però, l’attenzione del telespettatore è anche stata messa alla prova. In particolare, nella seconda parte dell’opera – quella più intensa e drammatica – abbiamo avvertito un senso di pesantezza dovuto forse all’abbondante ed esclusivo uso della parola, che in teatro certamente incanta ma che in tv può anche indurre al sonno.

Durante la serata abbiamo inevitabilmente riflettuto sull’efficacia del teatro in tv, esperienza rischiosa e abbastanza ruffiana (ma è inutile: la sala teatrale ha un altro fascino). Nell’opera dedicata alla Divina Callas, inoltre, ci saremmo aspettati una forte presenza musicale: al contrario, le liriche eseguite dalla celeberrima cantante hanno trovato spazio solo in qualche selezionato momento. Un peccato. Se diffuse con maggior generosità, infatti, le note avrebbero arricchito il maestoso castello di parole costruito da Dario Fo e Paola Cortellesi.

I due artisti hanno portato in scena un’opera significativa, meritevole di interesse e di plauso. Ma non aspettatevi la standing ovation: i loggionisti, per antica tradizione, non assecondano gli entusiasmi della grande platea.

PS. Callas non poteva essere l’evento che accendeva il palinsesto di Rai5 anzichè il flop di Rai1 (qui gli ascolti)? La prima rete avrebbe poi potuto trasmetterlo in replica in fasce orarie “meno impegnative”.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


Dario Fo, Paola Cortellesi
CALLAS: DARIO FO E PAOLA CORTELLESI CELEBRANO LA CANTANTE LIRICA SU RAI 1


Paola Cortellesi e Antonio Albanese
FESTIVAL DI SANREMO 2017: COSA FARANNO PAOLA CORTELLESI E ANTONIO ALBANESE


Funerali Fo
I FUNERALI DI DARIO FO: IL SALUTO AL PREMIO NOBEL DA PIAZZA DUOMO A MILANO CON MIGLIAIA DI OMBRELLI COLORATI


Dario Fo e Mika
IL RICORDO DI DARIO FO IN TV E LE VARIAZIONI DELLA PROGRAMMAZIONE RAI E SKY

8 Commenti dei lettori »

1. Vince! ha scritto:

5 dicembre 2015 alle 15:32

E’ finito il periodo di garanzia: anche Rai1 può permettersi di fare un po’ di servizio pubblico!
Alta qualità in tv, a cui forse non si è più abituati. Finale commovente, altro che sonno e pesantezza!



2. Aristotele ha scritto:

5 dicembre 2015 alle 17:34

Ahaha, non ci capisci veramente niente. Non è meglio se stai nel guardaroba invece che nel loggione? :-D :-D :-D



3. Marco Leardi ha scritto:

5 dicembre 2015 alle 17:57

Capisci tutto tu, fenomeno. Nel guardaroba vedrei bene te, assieme a Dario Fo sotto naftalina..



4. lele ha scritto:

5 dicembre 2015 alle 18:57

“l’ottuagenario premio Nobel, apparso in sorprendente forma ma anche sempre uguale a se stesso. Con i suoi gorgheggi, i suoi saltelli, le sue pose e i suoi tipici farfugliamenti lunghi quanto una carriera.”

Beh, questo mi sembra un giudizio un po’ superficiale su Dario Fo (che pure io non apprezzo molto).
Per nulla d’accordo nel definire il portare il teatro in tv come operazione ruffiana.
Il resto dell’analisi mi sembra condivisibile.



5. Marco Leardi ha scritto:

5 dicembre 2015 alle 19:16

@lele. Sono 60 anni che Dario Fo interpreta quel ruolo. Più che un giudizio mi sembra un dato di fatto.



6. Leonardo Vergani ha scritto:

5 dicembre 2015 alle 20:17

Forse sarebbe stato meglio trasmetterla su RAI 3, più adatta all’ intellighenzia e non per il popolino.
Io ho risparmiato la pastiglia per dormire.



7. ESTER ha scritto:

5 dicembre 2015 alle 22:50

SONO STATI MERAVIGLIOSAMENTE BRAVI!!! GRAZIE DARIO! GRAZIE PAOLA! ESTER



8. grilloparlante ha scritto:

6 dicembre 2015 alle 10:51

Sono d’accordo con quanto scritto, eccetto sulla perplessità di trasmettere il teatro in tv in generale. Basta pensare al successo che hanno avuto lo scorso anno le commedie di Eduardo trasmesse nel periodo natalizio.

Il problema è “questo” teatro. Io Fo non lo capisco proprio, non mi piaceva prima, men che meno mi piace adesso che è diventato un momumento a se stesso. L’idea era buona sulla carta ma in pratica non ha centrato l’obiettivo.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.