17
settembre

MASHA E ORSO: A RISCHIO CHIUSURA IL NUOVO CARTOON CHE HA FATTO BRECCIA NEL CUORE DEI PIU’ PICCOLI

Masha

Mamme di tutto il mondo, unitevi. Se, a dispetto dei consigli di psicologi e manuali di pedagogia vi capita di usare la tv per intrattenere i vostri pargoli, sappiate che presto potreste dire addio a due dei migliori “baby sitter” presenti al momento sul piccolo schermo, ovvero Masha e Orso: il cartone animato di Rai Yoyo, infatti, è a rischio.

Masha e Orso: i russi non annunciano la nuova stagione

Nessun problema economico alla base. Quello che starebbe scoraggiando lo studio Animaccord, che ha prodotto la serie, sarebbe invece proprio la difficoltà di gestire un successo così grande, al quale non erano preparati: la storia era infatti stata pensata per essere dipanata su due stagioni e, realizzate quelle, l’intoppo narrativo si è fatto avanti.

Masha e Orso: nel finale Masha lascia Orso

In Italia le due stagioni originali sono state suddivise in tre e i telespettatori nostrani non hanno ancora visto gli ultimi dodici episodi. Il gran finale, comunque, racconterà la partenza della piccola protagonista, che lascerà Orso e il bosco per andare a vivere in città. Una chiusa in piena regola che, unita a difficoltà di tipo tecnico – la doppiatrice di Masha, Alina, è ormai una tredicenne e trovarle una sostituta degna pare non sia semplice – stanno mettendo in crisi il produttore Dmitry Loveyko, che ha commentato così alla rivista russa Izvestia:

“Non credevamo che il cartone sarebbe diventato un fenomeno di tale portata e questa seconda stagione, che è il frutto del lavoro di due anni e mezzo, è un traguardo importante per noi, anche dal punto di vista economico. Semplicemente abbiamo detto che è il momento di raccogliere le idee e pensare bene a come e quando realizzare la terza stagione. [...]Tanta gente ha già annunciato una raccolta fondi, aprendo persino conti su cui versare denaro, ma la mancanza di risorse non ha niente a che vedere con problemi finanziari.[...]Non annunciamo ancora la terza stagione, e non lo faremo ancora per qualche mese, perché abbiamo bisogno di riflettere su luoghi, personaggi, storie. Non è facile andare avanti tenendo alto il livello

Che i russi possano rinunciare a questa inattesa gallina dalle uova d’oro, è impensabile. E sarebbe anche un peccato vista l’originalità del cartoon, che ha finalmente scalzato Peppa Pig dal cuore dei più piccoli. Quindi c’è da giurare che si inventeranno qualcosa per riaprire la storia, magari creando uno spin off con nuovi personaggi e nuove situazioni.

Ma funzionerebbe? La forza di Masha e Orso sta proprio nell’incontro/scontro tra l’energia inconsapevole e distruttrice della piccola bambina e la serenità del serafico gigante; una volta separati, questa forza non andrebbe perduta? Riunirli, alla fine, sarebbe la scelta migliore.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


I racconti di Masha
MASHA E ORSO SI FA IN TRE: SU RAI YOYO GLI EPISODI INEDITI, QUELLI TRATTI DAL FILM E LO SPIN OFF “I RACCONTI DI MASHA”


Masha e Orso
MASHA E ORSO: DALLA RUSSIA ARRIVA LA RIVALE DI PEPPA PIG


Cardinale Gianfranco Ravasi
Le Frontiere dello Spirito: Canale5 chiude dopo 32 anni la storica rubrica religiosa


YO YO
YO YO: i due gemellini che spopolano su Rai YoYo

2 Commenti dei lettori »

1. Elena ha scritto:

13 ottobre 2015 alle 10:17

Non capisco una cosa su queste informazioni, da tanto tanto tempo (anni) già ci sono gli episodi fino al 52 sia in russo che in inglese, basta andare su youtube. Le notizie che vedo riportare dicono che è colpa dei russi, a me sembra un problema italiano di traduzione…

es episodio 51 in inglese https://www.youtube.com/watch?v=FFJ_3GbOfi0



2. Stefania Stefanelli ha scritto:

13 ottobre 2015 alle 13:30

@Elena: non parliamo degli episodi già realizzati (gli ultimi dovrebbero arrivare presto doppiati in italiano), ma di eventuali nuove puntate per il momento non in produzione a causa di problemi di gestione dei russi.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.