16
settembre

GRAND HOTEL: ANTICIPAZIONI ULTIMA PUNTATA DI MARTEDI 22 SETTEMBRE

Grand Hotel- Pietro e Adele

La Belle Epoque rivive sul piccolo schermo in Grand Hotel, la nuova fiction in costume di Rai 1 in onda da martedì 1 settembre in prima serata. Prodotta da Rai Fiction e Cattleya, in collaborazione con Beta Film, la miniserie in 6 puntate è diretta da Luca Ribuoli ed è l’ennesimo prodotto made in Spain a valicare i Pirenei (in Spagna, con il titolo Gran Hotel, è andata in onda su Antena 3 dal 2011 al 2013). A differenza di Velvet, altra serie in costume di Raiuno, la tv pubblica ha deciso di non trasmettere la versione originale doppiata – come successo per le avventure di Anna e Alberto – bensì di farne un remake. Probabile che alla base di tale decisione ci sia anche la maggiore complessità nella trama: a metà tra un melò moderno e un noir, Grand Hotel ha come protagonista assoluto la storia di un amore tanto forte quanto ostacolato, quello tra Adele e Pietro. I due, alla ricerca di Caterina, la sorella scomparsa del giovane, dovranno fare i conti con un debito col recente passato dal quale non riescono a liberarsi, tra colpi di scena e continui capovolgimenti.

Grand Hotel: anticipazioni sesta e ultima puntata – martedì 22 settembre

Pietro e Adele hanno passato la notte insieme nella serra, l’unico luogo dove possono vivere liberamente il loro sentimento. Al lago viene trovato lo scheletro di un braccio con al polso un braccialetto prezioso. L’anatomopatologo Gadda conferma a Venezia che lo scheletro è nel lago da più di vent’anni. Anita ha trovato la lettera rossa con cui Caterina minacciava Donna Vittoria e ha scoperto quindi il segreto della stanza numero 100..

…:: Trame Precedenti ::..

Grand Hotel: anticipazioni quinta puntata – mercoledì 16 settembre

Adele chiede a Pietro di stare vicino a suo fratello Jacopo, ancora una volta ubriaco e deciso a denunciare Clara alla polizia: è convinto infatti che sia stata lei a spingere Mitzi giù dalla finestra. Intanto, l’ispettore Venezia ha scoperto che l’assassino dal coltello d’oro segue un rituale e uccide solo nelle notti di luna piena. Quella notte la luna brilla tonda nel cielo. L’allerta è massima e in paese vige il coprifuoco. E Susanna, la fioraia, non è ancora rientrata a casa Durante il servizio, Pietro riconosce la spilla di Caterina appuntata all’abito di una cliente. Con l’aiuto di Adele riesce a recuperarla e a scoprire una dedica d’amore incisa sul retro. Rileggendo le lettere di sua sorella capisce che Caterina aveva una relazione con Marco Testa. Lo stato mentale di Clara è sempre più fragile e le accuse di Jacopo la spingono a togliersi la vita. Per il generale Falkenstein è una doppia tragedia: Clara si è suicidata e Mitzi è in coma. Lancia quindi il guanto di sfida a Jacopo: giustizia verrà fatta a duello.

Grand Hotel: anticipazioni quarta puntata – martedì 15 settembre

L’ispettore Venezia continua ad indagare sull’assassino dal coltello d’oro: dopo attente analisi, l’uomo scopre che il killer utilizza una vera e propria strategia per uccidere, identica per tutti i suoi omicidi. L’uomo, infatti, agisce solo di notte e quando c’è la luna piena. Nel frattempo, Pietro riconosce sull’abito di una delle clienti dell’albergo, una spilla che era appartenuta a sua sorella Caterina. La donna è viva?

Grand Hotel: anticipazioni terza puntata – mercoledì 9 settembre

Il ricattatore che minacciava Marco Testa era Romeo, il riservato concierge del Grand Hotel. Ora che è stato ucciso, Marco e Donna Vittoria sperano di aver chiuso col passato. Pietro però è sempre più convinto che Marco nasconda qualcosa sulla scomparsa di sua sorella Caterina. Intanto, al lussuoso albergo arriva il generale Falkenstein, con le due figlie, Clara e Mitzi. Clara seduce Jacopo e convince il padre ad annunciare il fidanzamento con il giovane Alibrandi. Anita ha promesso a Donna Vittoria di dare il suo bambino a Olimpia, ma Rosa che ha scoperto tutto, vuole che si tenga lontana da suo figlio Angelo. Nella baita di Romeo, Pietro trova una valigia appartenente a sua sorella Caterina. Mentre cerca indizi che possano aiutarlo a rintracciarla, qualcuno lo colpisce in testa facendolo svenire. Alle mura del borgo la Polizia trova il cadavere di una ragazza; è un’altra vittima dell’assassino dal coltello d’oro. Al Grand Hotel, intanto, è arrivato David Morgernstern, caro amico di Adele che scatena la gelosia di Marco. Jacopo cerca in tutti i modi di convincere Clara che il loro fidanzamento non ha futuro, ma la ragazza, affetta da isteria, diventa ancor più pericolosa quando scopre che tra Jacopo e sua sorella Mitzi sta nascendo un sentimento sincero.

Grand Hotel: anticipazioni seconda puntata – mercoledì 2 settembre

Il cadavere di Jijì, la prostituta che frequentava Jacopo Alibrandi (Dario Aita), è stato ritrovato sulle rive del lago. vengono chiamati l’ispettore Venezia (Ugo Dighero), appena trasferitosi da Vienna, e il giovane agente Arturo Parini. Olimpia (Barbara Ronchi), sorella di Adele, è ancora convalescente. La caduta dalle scale le ha fatto perdere il bambino che aveva in grembo. Ma Donna Vittoria ha convinto il dottor Brera a tacere sull’accaduto: Rodolfo (Günter Bubbnik), il marito di Olimpia, crede quindi di avere presto un erede. La cameriera Anita (Francesca Agostini), dopo aver confessato a Marco di aspettare un figlio da lui, viene licenziata da Rosa (Emanuela Grimalda). Ma Angelo (Flavio Furno), da sempre innamorato di lei, interviene e convince la madre a non cacciarla. L’arma che ha ucciso Jijì è un coltello d’oro proveniente dalla posateria preziosa del Grand Hotel. Venezia interroga Jacopo, il principale sospettato, ma è Pietro a fornirgli un alibi e a salvarlo dall’arresto. Nel frattempo al Grand Hotel è arrivata la madre di Rodolfo, la marchesa Elsa Von Raben. Olimpia è terrorizzata che la suocera scopra la sua finta gravidanza. Adele e Pietro si vedono di nascosto nella serra e l’attrazione tra i due è sempre più forte. Pietro sospetta che Marco abbia a che fare con la scomparsa di Caterina.

Grand Hotel: anticipazioni prima puntata – martedì 1 settembre

Alpi dolomitiche, 1905. Pietro Neri (Eugenio Franceschini), un ragazzo di umili origini, si fa assumere come cameriere stagionale al Grand Hotel Paradiso per indagare sulla scomparsa di sua sorella Caterina (Federica De Cola), cameriera impiegata all’albergo, di cui ha perso le tracce da più di un mese. Anche Adele Alibrandi (Valentina Bellè), figlia del proprietario dell’albergo ora defunto, rientra per un evento importante, ‘La Festa della Luce’, che inaugura l’avvento della luce elettrica. Quello che ancora Adele non sa è che sua madre, Donna Vittoria (Marion Mitterhammer), a causa dei molti debiti lasciati dal padre, ha deciso di darla in sposa a Marco Testa (Andrea Bosca), abile amministratore degli affari dell’albergo. Marco è stato nominato ufficialmente direttore del Grand Hotel e fidanzato di Adele. Nel frattempo, Pietro, vestendo i panni del nobile Visconti, ha scoperto che Caterina non è stata licenziata per aver rubato a una cliente come tutti dicono. Qualcuno sta mentendo e vuole nascondere un’altra verità, ma quale? Adele gli promette che lo aiuterà a scoprire il mistero della scomparsa di sua sorella. E intanto, nell’ufficio del direttore arriva un pacco anonimo contenente una divisa insanguinata. È la divisa di Caterina.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Grand Hotel - Ugo Dighero 2
GRAND HOTEL 2 CI SARA’?


Grand Hotel
GRAND HOTEL: PIU’ CHE LA DOWNTON ABBEY, LA TEMPESTA D’AMORE ITALIANA


Valentina Bellè - Grand Hotel 5
GRAND HOTEL: TUTTI I PERSONAGGI (FOTO)


Grand-Hotel-11
GRAND HOTEL: PASSIONI, INTRIGHI E MISTERO NEL PIU’ LUSSUOSO ALBERGO DELL’IMPERO AUSTRO-UNGARICO

1 Commento dei lettori »

1. Roberto T. ha scritto:

23 settembre 2015 alle 12:25

​Il successo di questa fiction è da attribuire solo alla mediocrità degli spettatori Italiani che non sanno distinguere la differenza tra il “Risotto giallo” di Marchesi dalla cacca di galllina, colore identico ma sapore diverso.

“Grand Hotel” è un prodotto tutto sommato discreto, esportabile nei paesi Latini amanti del genere raffazzonato e lowcost. Il patto finzionale in alcuni punti si slabbra, diventa difficile accettare la recitazione (terrificante) ed il racconto per come sono stati confezionati. Lo scenografo Massimo Santomarco andrebbe inviato al confino tramite ordinanza; le maniglie delle porte “Valli & C.” (nei primi piani..) con la guarnizione di plastica non si possono proprio vedere.

r|t



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.