7
gennaio

GUIDO MEDA NUOVO VICEDIRETTORE DI SKY SPORT E COMMENTATORE DELLA MOTOGP

Guido Meda

Ora è ufficiale: Guido Meda lascia Mediaset e passa a Sky. Dopo il trasloco dello scorso anno del Motomondiale alla pay tv, anche la storica voce della MotoGp su Italia 1 (e volto di punta di SportMediaset) vola sulle frequenze satellitari. Guido Meda sbarca a Sky con la qualifica di vicedirettore di Sky Sport, guidando la redazione Motori (compresa la Formula 1) e tornando a commentare le gare della MotoGp.

Guido Meda: “Il progetto che mi è stato affidato è importante”

La nuova casa dei motori, dunque, ha il suo nuovo “padrone”. Una scelta, quella di lasciare Mediaset, quasi ovvia per il neo vicedirettore di Sky Sport:

“Per uno appassionato come me da sempre di moto, di auto, di sport e del proprio mestiere è difficile immaginare qualcosa di meglio. Non vedo l’ora di iniziare questa nuova avventura. Raccontare i motori con la squadra, la tecnologia e la qualità di Sky Sport è entusiasmante e sono felice di mettere a disposizione di questo grande gruppo l’esperienza che ho maturato negli anni. Il progetto che mi è stato affidato è importante e ne sono davvero orgoglioso. Vorrei che il risultato fosse un lavoro interessante e divertente per chi lo fa e per chi lo segue”

ha dichiarato Guido Meda, che subentra a Zoran Filicic nella telecronaca della MotoGp, anche quest’anno in diretta e in esclusiva su Sky, così come tutte le gare della Moto 2 e della Moto 3.

Commenta con soddisfazione anche Jacques Raynaud, executive vice president Sky Sport e Sky Pubblicità:

“Siamo molto felici di aprire il nuovo anno con questa notizia, straordinaria per i nostri abbonati. L’arrivo di Guido Meda va a rafforzare e arricchire uno dei nostri pilastri, quello dei motori, che con una grande offerta live in Alta Definizione ha già raccolto ottimi risultati. Vogliamo continuare a migliorare, a crescere e a pensare al meglio per i nostri abbonati. E siamo certi di andare in questa direzione potendo contare da oggi anche sull’esperienza e la professionalità di Guido Meda”.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


Guido Meda
MOTOGP, FUORI ONDA PER GUIDO MEDA: “COME FACCIO A FARE PIPI’?” “EH, LA BOTTIGLIA” (VIDEO)


MotoGP
MOTOMONDIALE 2015: AL VIA IN QATAR IN ESCLUSIVA TV SU SKY SPORT MOTOGP. OTTO GARE ANCHE IN CHIARO SU CIELO


Motomondiale 2014 su Sky
MOTOMONDIALE 2014: LIVE E IN ESCLUSIVA SU SKYSPORT E CIELO. ECCO IL CALENDARIO, L’OFFERTA TV E LA SQUADRA SKY


MotoGP
MotoGP, Mondiale 2017: tutte le gare in diretta su Sky, otto anche in chiaro su TV8. New entry Vera Spadini

4 Commenti dei lettori »

1. claudio ha scritto:

7 gennaio 2015 alle 18:30

personalmente non m’è mai piaciuto, ma è un bel colpo “acchiappa auditel” ;)



2. griser ha scritto:

7 gennaio 2015 alle 22:54

Ad ogni modo Meda ha fatto bene anche perchè sky gli ha dato un posto di rilievo per la sua carriera. Ora non so che ruolo avesse a Mediaset ma credo che non abbiano fatto nulla per trattenerlo. Fattori ascolti? Non credo che cambierano considerando che la esclusiva è solo sul live i non abbonati continueranno a vedere la differita della F1 sulla Rai e del MotoGP su Cielo (che forse sarà lei a beneficiarne)



3. iki ha scritto:

8 gennaio 2015 alle 01:10

È la ciliegina sulla torta per Sky.
Non penso che abbia seguito il compenso economico ma semplicemente il suo amore per la MotoGp



4. schumacherpro ha scritto:

8 gennaio 2015 alle 13:02

Da parte mia Sky deve essere sinonimo di qualità.

Per me prendere Meda è tornare indietro. Detto ciò non rinnoverò il pack sport che mi scade a Febbraio.

La F1 la guarderò sulla Rai e per la motogp non la guarderò, mi concentrerò dunque solo sulla Superbike!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.