2
dicembre

I RE DELLA GRIGLIA: IL VINCITORE E’ LUCA

Luca

E’ Luca Bini il primo vincitore de I Re della Griglia. 33 anni, operaio carrellista della provincia di Ferrara, si è imposto nel talent di DMAX grazie a tempra e tenacia. In finale Luca, eletto miglior grigliatore amatoriale, ha battuto Mauro, secondo, e Irupe, terza.

Il vincitore de I Re della Griglia conquista la possibilità di partecipare ai campionati mondiali di barbecue che si svolgeranno a giugno prossimo in Svezia e la pubblicazione di un libro di ricette.

Luca, ecco chi è il vincitore de I Re della Griglia

La passione per la cucina di Luca nasce a 7 anni guardando i suoi genitori destreggiarsi tra  griglie e fornelli. All’età di 18 anni inizia a suonare la batteria e nel 2004 ha anche partecipato con il suo gruppo a “Sanremo Rock”. Più o meno nello stesso periodo, compra per curiosità un libro sul barbecue americano. Scoperto questo mondo inizia a partecipare a corsi dedicati.

Gli piace ideare e comporre piatti complicati, con tanti ingredienti, utilizza il termometro e coltelli ultra affilati che limetta dopo ogni taglio. Conosce bene le temperature che gli ingredienti devono raggiungere sul fuoco per arrivare a cottura. Sul BBQ cucina di tutto, anche primi e dolci.

I Re della Griglia: meccanismo finale

Articolo del primo dicembre 2014 ore 15:03 – Stasera in prima serata alle ore 21:10 su DMAX (DTT canale 52 | Sky canale 136-137 | Tivùsat canale 28) la puntata finale de I Re della Griglia. Il talent che ha aperto gli occhi (e le bocche) sulla tradizione italiana della griglia e su quella Made in Usa del barbecue, realizzato da Toro Produzioni per Discovery Italia.

Siamo alla stretta finale alla Cascina Calcaterra. Chef Rubio, Paolo Parisi e Cristiano Tomei eleggeranno il vincitore de I Re della Griglia. Le griglie sono roventi e Irupe, Mauro e Luca sono pronti a sfidarsi per l’ultima volta. Solo uno di loro si aggiudicherà il titolo di miglior grigliatore amatoriale, la possibilità di partecipare ai campionati mondiali di barbecue che si svolgeranno a giugno prossimo in Svezia e la pubblicazione del suo libro di ricette.

Nella prima prova i tre finalisti dovranno destreggiarsi con un ingrediente che i grigliatori non hanno ancora utilizzato, la foglia di banano, con la quale prepareranno un’orata al cartoccio. Chi vince è salvo e passerà direttamente alla prova finale. Gli altri due sfidanti dovranno affrontare la seconda sfida pensata da Parisi: scegliere vari pezzi di lombata di manzo e cucinarli nelle tre cotture riconosciute a livello internazionale, al sangue, media cottura e ben cotta. A malincuore i giudici dovranno eliminare un concorrente.

Nel corso della terza prova, i due finalisti si affronteranno con uno dei cavalli di battaglia di chef Tomei: il manzo in corteccia, una battuta di carne cruda con l’aggiunta di grasso di salsiccia cotto e chips di bucce di patate. Il tutto servito su una calda corteccia.

Sarà un testa a testa che si risolverà solo con l’ultimo assaggio dei giudici, ai quali spetterà il compito di consacrare il primo Re della griglia e festeggiare l’“investitura” insieme a tutti i concorrenti della trasmissione, per l’occasione riuniti per il gran finale.



Articoli che potrebbero interessarti


Portogallo - vincitore ESC 2017
Eurovision Song Contest 2017: vince il Portogallo con Salvador Sobral


Gabbani, Kostov e Sobral - ESC 2017
Eurovision Song Contest 2017, toto vincitore: il Portogallo con Salvador Sobral insidia Francesco Gabbani


Oney Tapia
Ballando con le Stelle 2017: il vincitore è Oney Tapia


Trejolie vincono Italia's Got Talent 2017 (1)
Italia’s Got Talent 2017: vincono i Trejolie

1 Commento dei lettori »

1. Pietro Rubatscher ha scritto:

2 dicembre 2014 alle 22:20

Buona sera
A me piacerebbe partecipare alla prossima edizione : I RE DELLA GRIGLIA
Cosa si deve fare , per essere convocati ?
Cordiali saluti
Pietro



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.