21
ottobre

LUCIANA LITTIZZETTO INDAGATA PER MALTRATTAMENTO DI ANIMALI. PORTO’ UN MAIALINO IN TV (VIDEO)

Luciana Littizzetto col maialino, Che tempo che fa

Luciana Littizzetto indagata per maltrattamento di animali. Tutta ‘colpa’ di quel maialino nero che, lo scorso 8 dicembre, la comica torinese portò in studio a Che tempo che fa per ironizzare sulla bocciatura del porcellum da parte della Corte Costituzionale. Uno sketch, nulla di più. Ma alcuni animalisti non hanno gradito l’ironia e hanno presentato un esposto alla Procura di Milano. Così, il pubblico ministero Ferdinando Esposito ha aperto un fascicolo per verificare se sia stata o meno rispettata la legge nei confronti dell’animaletto.

Ad agitare i solerti animalisti sono stati pochi minuti di trasmissione, durante i quali la Littizzetto ha introdotto in studio un maialino nero e ha pronunciato qualche battuta sull’attualità politica. “Siamo stati molto fortunati, l’aveva chiamato anche Bruno Vespa. Non lo metto sulla poltrona perché non vorrei che lasciasse il premio di maggioranza” scherzò la Litti. La bestiola, accomodata su un carrellino, appariva come impaurita, forse frastornata dalle luci, dagli applausi. Tanto è bastato a far scattare un intervento dell’associazione ‘Animalisti italiani’, piuttosto battagliera su questo fronte.

Subito dopo la messa in onda della gag, il presidente della onlus Walter Caporale chiese all’azienda di chiarire quali autorizzazioni ci fossero a tutela del maiale e se in studio fosse stato presente un veterinario. Ma non ottenne risposta. La sorte della bestia andava difesa a tutti costi – comprenderete l’urgenza – e così è arrivato anche l’esposto in Procura.

Sono un estimatore di Fabio Fazio e della Littizzetto, per questo mi è capitato di vedere quella puntata. Nonostante il carrello fosse aperto il maiale non scappava, restava immobile, terrorizzato, come fosse anestetizzato. La Rai è un servizio pubblico che si era impegnato a rispettare un codice deontologico quando ci sono animali in trasmissione

ha dichiarato Walter Caporale, come riporta Repubblica. Nell’esposto presentato, l’Associazione animalisti cita anche le ‘linee guida per la tutela degli animali in tv’, un codice firmato nel 2007 anche dalla Rai, confermando così la volontà di vederci sul povero maialino nero ospitato a Che tempo che fa. Ora i giudici dovranno verificare se sia stata o meno rispettata la legge nel trasportare e tenere in studio il porco.


Che tempo che fa: Luciana Littizzetto sulla… di TheResearcher80

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Che tempo che fa
CHE TEMPO CHE FA: MARIA DE FILIPPI INTERVIENE PER UNA GAG CON LA LITTIZZETTO


Luciana Littizzetto
SE IL “WALTER” E LA “IOLANDA” FINISCONO PER APPANNARE LA SATIRA DELLA LITTIZZETTO


Che tempo che fa - Luciana Littizzetto e la sosia
CHE TEMPO CHE FA: LUCIANA LITTIZZETTO PORTA LA SUA SOSIA IN STUDIO E SMENTISCE BRIATORE


Luciana Littizzetto nella foto pubblicata da Briatore
BRIATORE VS LITTIZZETTO, LUCIANA: “NON SONO IO IN QUELLA FOTO”

13 Commenti dei lettori »

1. GiGinuLuFurbu ha scritto:

21 ottobre 2014 alle 18:07

ma quanto odio questi animalisti talebani! il crimine mi fanno salire… roba da prenderli a schiaffi a sangue, incatenarli e mangiarmi davanti a loro padelle di brasciole di cavallo!



2. tinina ha scritto:

21 ottobre 2014 alle 18:39

Ci mancava questa! Non è bastata agli animalisti la figuraccia rimediata con la gallina Rosita!!!!!



3. gionny82 ha scritto:

21 ottobre 2014 alle 18:45

Ma la gente non ha realmente che fare?
Si fa un processo per un maiale in tv e non per i criminali. Assurdo!
Probabilmente quel maialino grazie a questa gag si sarà salvato dal mattatoio…
ANDATE A LAVORARE!



4. Nina ha scritto:

21 ottobre 2014 alle 18:47

Soprattutto far perdere tempo ai giudici.



5. Giovanni ha scritto:

21 ottobre 2014 alle 20:11

Certo che ’sti animalisti hanno rotto veramente le palle. Mi ricordo ancora del caso di quella ragazza malata che su Facebook aveva scritto che se era ancora in vita era solo grazie alle sperimentazioni sugli animali e di tutta risposta le avevano scritto che sarebbe stato meglio se fosse morta. Ma come si fa a voler più bene a un animale che a un essere umano? Mi verrebbe voglia di divorarmi una coscia di pollo davanti a loro! E anche una bella bistecca al sangue!



6. Ale ha scritto:

21 ottobre 2014 alle 20:20

Oddio ho appena schiacciato una zanzara non è che verrò denunciato dagli animalisti?? Pauraaaaa chiamo subito il mio avvocato



7. MisterGrr ha scritto:

21 ottobre 2014 alle 21:42

ANImalisti



8. liberopensiero ha scritto:

21 ottobre 2014 alle 22:49

Questi si che sono problemi. Vado a farmi un bel panino al salame.



9. liberopensiero ha scritto:

21 ottobre 2014 alle 22:52

Mentre mangio il panino, mi viene un dubbio atroce, ma il maiale era minorenne a sua insaputa?



10. MisterGrr ha scritto:

22 ottobre 2014 alle 01:16

Comunque se gli animalisti pensano a ste cose, evidentemente non hanno molto a cui pensare durante il giorno eh.



11. flaky ha scritto:

22 ottobre 2014 alle 07:26

allora dovrebbero denunciare anche la clerici seguendo il loro ragionamento, che aveva portato un maialino nella sua conduzione ad affari tuoi, ed era in un recinto completamente chiuso… si facciano una vita sti azz di “animalisti”



12. Michele87 ha scritto:

22 ottobre 2014 alle 11:57

La solita Italietta del ca..o; si fanno le tragedie greche per delle emerite STRONZATE e invece le cose serie di questo paese (un esempio su tutti il processo sulla presunta Trattativa Stato-Mafia) passano completamente sotto-silenzio, per carità senza parole….



13. cial ha scritto:

22 ottobre 2014 alle 13:50

manco l’avesse fatto ammazzare in diretta…
ASSURDO!
io amo gli animali …ma queste sono sciocchezze…
allora perchè non denunciano RAI YO YO per la sovraesposizione del PORCELLO con il cartone PEPPA PIG???



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.