4
settembre

RAI SPORT: CARLO PARIS NUOVO DIRETTORE. SILURATO MAURO MAZZA

Carlo Paris

Carlo Paris

Carlo Paris nuovo direttore di Rai Sport

(ANSA)  Il Cda Rai ha approvato, secondo quanto si apprende, la nomina di Carlo Paris alla direzione di RaiSport al posto di Mauro Mazza. Hanno votato contro Antonio Verro e Guglielmo Rositani. Antonio Pilati si è astenuto, assente Rodolfo De Laurentiis.(ANSA).

Carlo Paris, la bio di Wikipedia

Carlo Pasquale Paris (Avezzano, 23 gennaio 1954) è un giornalista sportivo italiano.

Divenuto giornalista professionista nel 1989, scrive per La Repubblica e per varie riviste prima di passare al TG3. Lavora per il Processo di Biscardi. Conduce il TG3 Roma-New York. Dal 1989 al 1993 è telecronista delle gare europee e mondiali di offshore (motonautica). Nel 1995 diviene inviato di Rai Sport. È stato tra gli inviati per la Coppa America di vela dalla Nuova Zelanda tra il 1999 e il 2000, oltre a varie edizioni dei Giochi Olimpici e degli Europei e Mondiali di Calcio. Nel 2005 ha fatto parte del cast de Il processo alla tappa, trasmissione itinerante a seguito del Giro d’Italia.

Da anni, in occasione delle gare della Nazionale italiana di calcio, Champions League è l’inviato a bordo campo di Rai 1 ed ha il compito di svolgere la prima intervista post-partita al CT della Nazionale. Per la Domenica Sportiva svolge le interviste dagli spogliatoi in occasione degli anticipi o posticipi serali della Serie A. Da ottobre 2011 conduce il programma 5′ di recupero in onda ogni domenica sera dopo il TG1.

Nel 2012 è ospite fisso nella trasmissione Rai Mattina Europei, condotta da Mario Mattioli, ha curato i collegamenti dalle tendopoli dei terremotati dell’Emilia nel corso degli Europei di calcio e ha condotto da Londra con Antonio Caprarica la rubrica Fuori dai giochi nel corso delle Olimpiadi. È caporedattore degli speciali di Raisport e negli anni ha realizzato numerosi documentari sportivi e reportage in tutto il mondo.

Rai Sport: Mazza silurato per bassi ascolti e cattiva gestione

Mauro Mazza

Mauro Mazza

Sono giorni di fuoco in casa Rai Sport. Dopo il malcontento scatenato “a mezzo social” da Paola Ferrari per non essere stata riconfermata alla guida de La Domenica Sportiva, passata nella mani della collega Sabrina Gandolfi, ora le acque si agitano ai piani alti: il direttore generale della Rai Luigi Gubitosi, infatti, avrebbe silurato Mauro Mazza dalla direzione della testata sportiva della tv di Stato, dopo averlo già sollevato tempo fa dalla guida di Rai 1 (è stato reintegrato in azienda con un provvedimento del tribunale).

Stando a quanto si apprende, a far saltare la carica di Mauro Mazza a direttore di Rai Sport sarebbero stati gli ascolti dei due canali Rai Sport 1 e Rai Sport 2, ritenuti non soddisfacenti da Gubitosi nonostante l’anno dei Mondiali di calcio, e la cattiva gestione -nel maggio- scorso del Roland Garros, quando la finale femminile tra Maria Sharapova e Simona Halep fu sciaguratamente interrotta per dare spazio ai play off di Lega Pro di calcio tra Frosinone e Lecce. Un bilancio, dunque, considerato in linea generale negativo e tale da far ritenere opportuno un immediato cambio di direttore.

Rai Sport: Carlo Paris subentra a Mauro Mazza?

Il cambio del direttore di Rai Sport sarà tra gli ordini del giorno nel consiglio d’amministrazione in programma domani, quando potrebbe essere proposto da Gubitosi il nome di Carlo Paris, che sembrerebbe l’unico candidato scelto per sostituire Mazza. Della nomina del giornalista, già caporedattore degli speciali di Rai Sport ed inviato a bordo campo per le partite della Nazionale di calcio, si parla con insistenza in quanto fortemente voluto dal dg Rai, che si sarebbe già assicurato i cinque voti favorevoli necessari per far andare in porto la “manovra”.

Rai Sport: il centrodestra non ci sta. Paola Ferrari si solleva da ogni responsabilità

La reazione politica era inevitabile, con il centrodestra che contesta una rimozione considerata forzata. Solidarietà – come riporta l’Agi – da Maurizio Gasparri, senatore di Forza Italia, nonché collega di Mauro Mazza quando i due lavoravano al Secolo d’Italia, che ha presentato un’interrogazione in Vigilanza Rai:

Continuano epurazioni immotivate in Rai. Il direttore generale ha annunciato la rimozione del direttore di Rai Sport Mauro Mazza. Una decisione che ignora la realtà e alimenterà contenziosi costosi e perdenti per la Rai e chi condividesse questa scelta. Rai Sport, nonostante l’agguerrita concorrenza satellitare e le deludenti prestazioni della nostra Nazionale, ha appena registrato ascolti record per i Mondiali di calcio”.

Ancor più dure, come riporta il Messaggero, le parole spese dal segretario della Lega Matteo Salvini:

“Non vorremmo che questa rimozione fosse conseguenza di scelte editoriali sacrosante e che, evidentemente, hanno disturbato qualche potente lobby di cui Gubitosi non vuole perdere il sostegno.

In casa Rai, il consigliere Antonio Verro (di Forza Italia) fa sapere di votare contro la nuova candidatura a prescindere dal nome (che sia Carlo Paris o un altro), mentre i segretari della Commissione di Vigilanza Rai Michele Anzaldi (del Partito Democratico) e Bruno Molea (di Scelta Civica) parlano di “ennesimo autogol della Rai”. Paola Ferrari, intanto, che alcuni indicano come ‘causa’ del cambio alla direzione di Rai Sport per essere stata sostituita alla guida della DS, fuga ogni dubbio:

Se avessi tutto questo potere in Rai mi farei dare il Festival di Sanremo.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


moviola
RAI SPORT: TORNANO LA MOVIOLA E IL PROCESSO


Mauro Mazza nuovo Direttore di Rai Sport
MAURO MAZZA E’ IL NUOVO DIRETTORE DI RAISPORT TRA LA GRANA OLIMPIADI E IL POSSIBILE RESTYLING


Scherma
Scherma, Mondiali 2017: diretta tv su RaiSport ed Eurosport fino al 26 luglio


Tour de France 2017
Tour de France 2017: brava Rai, non si vive di solo calcio

6 Commenti dei lettori »

1. Peppe93 ha scritto:

3 settembre 2014 alle 15:23

Sicuramente dietro questa improvvisa rimozione qualcosa c’è.



2. marcuz ha scritto:

3 settembre 2014 alle 18:23

Secondo me tra Mazza e Paris poco cambia, ci vorrebbe una faccia completamente nuova, se possibile giovane che porti qualche cambiamento e novità.
Per quanto riguarda i nostri politici invece di occuparsi di Mazza farebbero bene a dedicarsi di più ai VERI problemi della gente comune!!!



3. tinina ha scritto:

4 settembre 2014 alle 16:50

Spero che segua a ruota il siluramento di Ingrid “simpatia portami via” Muccitelli



4. Raffaello ha scritto:

4 settembre 2014 alle 18:10

Secondo me hanno fatto bene. Mazza è una vita che è in Rai solo per i suoi appoggi politici, senza avere competenze e senza aver dimostrato capacità manageriali particolari. Per quanto riguarda i Mondiali di Calcio, nel mio piccolo conosco tante persone che trovavano deludente la copertura Rai a livello di telecronache e programmi di contorno, tanto da preferire sempre andare da amici con SKY, anche per le partite trasmesse non in esclusiva.

Non so dire in anticipo se Carlo Paris farà bene o male, però intanto lui è uno che da anni vive sul campo il lavoro del giornalista sportivo. Quantomeno conoscerà meglio di Mazza le situazioni in cui si trovano i giornalisti di Raisport.

Un ultimo appunto: se gli alti papaveri della politica si lamentano esplicitamente della sostituzione di un direttore di rete, secondo me è un ottimo segno.



5. iki ha scritto:

4 settembre 2014 alle 18:26

Premesso che a me Mazza non è mai piaciuto anzi mi è sembrato sempre presuntuoso e antipatico,va detto che é una rimozione che in questo momento non significa niente.
Io non gli avrei dato quest’incarico fin dall’inizio.



6. Tommi ha scritto:

4 settembre 2014 alle 23:45

La nomina di Paris ha già una scadenza, fra 5 anni max nomineranno un nuovo direttore per Rai Sport



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.