1
settembre

OLIVE KITTERIDGE: LA MINISERIE HBO PRODOTTA DA TOM HANKS A GENNAIO 2015 SU SKY CINEMA

Olive Kitteridge

La miniserie Olive Kitteridge, presentata oggi lunedì 1 settembre 2014 alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, sarà in onda a gennaio 2015 in prima TV su Sky Cinema, grazie ad un accordo esclusivo con la HBO americana.

In arrivo su Sky Cinema Olive Kitteridge ed altri titoli HBO

Con Olive Kitteridge, che debutterà sulla HBO negli Stati Uniti il prossimo novembre, sono in arrivo per gli abbonati Sky molti altri titoli HBO: serie tv, docu-film, mini serie e tv movies che andranno in onda su Sky Cinema e su Sky Atlantic. L’esclusiva in Italia riguarda inoltre tutte le piattaforme e tutti i device, le produzioni HBO saranno infatti visibili anche su Sky Go e Sky On Demand.

Olive Kitteridge: produce Tom Hanks

Protagonisti di Olive Kitteridge, miniserie tratta dall’omonimo romanzo di Elizabeth Strout, la vincitrice dell’Academy Award Frances McDormand (Fargo, North Country) e il candidato all’Academy Award Richard Jenkins (The Visitor, la serie targata HBO Six Feet Under). I produttori esecutivi sono invece Gary Goetzman, Tom Hanks, Frances McDormand and Jane Anderson, con Steven Shareshian come co-produttore.

Olive Kitteridge: trama e curiosità

Olive Kitteridge racconta la pungente dolcezza, l’aspra comicità e la tragicità della storia di una cittadina del New England all’apparenza molto tranquilla ma in realtà pervasa da relazioni illecite, delitti e tragedie visti attraverso la lente di Olive, insegnante di matematica in pensione. La storia, che si dipana su un arco di 25 anni, è incentrata sul rapporto di Olive con Henry, suo marito, farmacista del paese, generoso e buono come il pane, con il figlio Christopher, che risente del mancato rapporto con la madre, e con gli altri membri che gravitano nella stessa comunità.

Olive è un personaggio molto complesso, pluridimensionale: da un lato intrattabile, brusca e a volte crudele, dall’altro, piena di vita, energia che tocca in modo inaspettato e profondo anche le altre persone. Ha un carattere difficile ed è molto diretta, tagliente, molto vecchia scuola. È anche una donna molto difficile da capire. Molto del suo contegno si potrebbe attribuire alla depressione, innescata in tenera età dal suicidio del padre. L’attrice protagonista descrive così il suo personaggio.

Olive è il tipo di donna radicata nella piccola città. [...]È un po’ troppo intelligente, un po’ troppo creativa, ma senza sentire la necessità di dover dimostrare niente a nessuno. È proprio questo che mi affascina di lei: è un intellettuale, ma non ha sposato un intellettuale. È spiritosa, ma nessuno capisce le sue battute. È una profonda pensatrice, una filosofa, ma non ha molte persone con cui discutere di questi argomenti a parte il suo collega insegnante Jim Casey. Non la trovo brutale – la trovo disillusa“.

La produzione ha avuto il difficile compito di catturare il mondo di Olive dovendo rappresentare l’evoluzione della piccola comunità del Maine durante diversi decenni, tra la metà degli anni ottanta ed il 2005. E questi anni sono stati anche rappresentati sul volto della protagonista: durante l’ultima parte della storia, il trucco per invecchiare Olive ha richiesto più di due ore al giorno prima delle riprese.

La miniserie è stata girata in tre mesi sulla costa nord del Massachussetts, che è servita come sfondo per l’immaginario paesino di Crosby, Maine.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


Chernobyl
Chernobyl: la prima produzione originale della partnership Sky/HBO. Riprese al via nel 2018


Doctor Foster
Doctor Foster: su Rai 1 la miniserie di BBC One che ha spopolato in Inghilterra


The Deuce
The Deuce: la serie HBO sul mondo del porno e della prostituzione degli anni ‘70


David 2017
David di Donatello 2017: tutte le nomination

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.