Uno Mattina Estate



25
maggio

ESTATE: LA TV CHE APRE PER FERIE

Venerdì scatta l’ora X. Si chiude, insieme alla “seconda garanzia”, la stagione TV 2009/2010. Arrivederci, dunque, ai grandi eventi, alle fiction in prima tv, e al via, come tradizione, la consueta overdose di repliche mixata con alcune novità da guardare sotto l’ombrellone. Se, tra un paio di settimane, a farla da padrone nel palinsesto saranno, com’è inevitabile, i mondiali di calcio del Sudafrica che per un mese ci accompagneranno nell’avventura calcistica dei nostri azzurri su Raiuno e su Sky, non mancheranno comunque programmi e serie televisive pensate ad hoc per assicurare intrattenimento a chi non spegne la tv durante il solleone.

Si parte già dalla prossima settimana con i grandi eventi che Raiuno, da anni, ci propone in prima serata durante il mese di giugno: si comincia sabato 6 con “Lo spettacolo sta per iniziare” show musicale in cui Antonella Clerici, coadiuvata da tanti ospiti musicali, ta cui Riccardo Cocciante, in diretta dall’Arena di Verona presenta un’anticipazione della prossima stagione lirica, per poi proseguire, sulla stessa rete, il 20 con il tradizionale appuntamento con “Una voce per Padre Pio”, condotto da Massimo Giletti che ritroveremo, dieci giorni dopo, come annunciato, sul palco di Jesolo ad eleggere, insieme ad Eleonora Daniele, “Miss Italia nel mondo”.

Novità anche sul fronte dell’intrattenimento, dove dal 7 luglio, per quattro mercoledì in prima serata, Italia1 trasmetterà “‘80 voglia di te”, rotocalco estivo rievocativo degli anni ottanta condotto, per l’occasione, da uno dei simboli di quel decennio, Sabrina Salerno, affiancata dall’ex gieffina e diavolita di “Lucignolo” Melita Toniolo che vestirà i panni di moderna Wonder Woman sulle tracce degli oggetti più rappresentativi di quel periodo. Ma la vera Wonder Woman della tv nostrana, com’è noto, è la superbislacca Barbara D’Urso che dal 7 giugno prenderà il posto di Gerry Scotti nel preserale di Canale 5 con “A gentile richiesta” un people show in cui, dal lunedì al venerdì, verranno raccontate storie particolari di gente comune. Dalla seconda settimana di giugno ci sarà, inoltre, anche il graditissimo ritorno di “Velone” che vedrà, alla sua seconda edizione dopo quella del 2003, alla conduzione il simpatico Enzo Iacchetti.




29
aprile

UNOMATTINA ESTATE, ARRIVANO PIERLUIGI DIACO E GEORGIA LUZI. MANCA SOLO LA FIRMA.

Se il buon giorno si vede dal mattino, a Raiuno sono apposto. Novità sotto il sole. Il direttore Mauro Mazza avrebbe scelto i conduttori di “Unomattina estate”, programma che ha l’onore e l’onere di dare la sveglia ai telespettarori della prima rete durante i mesi delle temperature canicolari e delle vacanze. Si tratta di un’accoppiata giovane e inedita: Pierluigi Diaco e Georgia Luzi.

Augurare il buon giorno agli italiani sotto il solleone non è impresa facile; parlare d’attualità e cronaca mentre la colonnina di mercurio inizia ad impennarsi ancor meno e richiede anche una certa preparazione fisica. Forse da qui l’idea di prendere in considerazione due volti freschi. Proprio per questo – forse - la scelta sarebbe ricaduta sul giornalista Pierluigi Diaco e sulla conduttrice Georgia Luzi.

Come riporta anche Dagospia, pare che il nome di Diaco abbia sorpassato al fotofinish quello del superfiniano Angelo Mellone, che fino a poco tempo fa sembrava destinato alla conduzione della mattina di Raiuno. Per la Luzi, invece, si tratterebbe di una nuova avventura sempre sulla prima rete. Georgia infatti quest’anno ha fatto parte della squadra de I Raccomandati con Pupo, Emanuele Filiberto e Valeria Marini. Dopo alcune esperienze come attrice di cinema e di fiction per la tv, nel 2009 aveva anche partecipato a Sabato & Domenica Estate.


8
settembre

DM LIVE24: 8 SETTEMBRE 2009

DM Live24: 8 settembre 2009

>>> Appuntamenti LIVE del giorno

>>> Dal Diario di ieri…

  • Reality… oltre ogni limite

GIEMMEGI ha scritto alle 09:58

“Uno Mattina Estate” risponde alla prima di Mattino Cinque parlando di reality. “Reality ….oltre ogni limite” questo il titolo.

  • Bravissima Paola Perego

Andrea Landi (aka Sanjai) ha scritto alle 10:21

La panicucci per introdurre la Moric, ospite di Mattino Cinque: “parteciparà al reality la Tribù Missione India condotto dalla BRAVISSIMA PAOLO PEREGO…”

  • A.A.A. Assistenza legale cercasi

Il criticone TV ha scritto alle 10:48

[Aldo Grasso, Corriere della Sera] “Non è un mistero che una trasmissione come quella di Milena Gabanelli sia a rischio. Non solo per compatibilità con la nuova dirigenza ma anche perché il dg Masi le ha tolto lo scudo dell’assistenza legale nonostante non abbia mai perso una causa (ogni autore dei servizi sarà responsabile in proprio di eventuali azioni legali, un sistema per togliere coraggio anche ai più coraggiosi).”

  • Promozione?

Andrea Landi (aka Sanjai) ha scritto alle 14:08

Mengacci ha preso il posto che fino all’anno scorso era di Mike nella telepromozione delle 14 su Rete4. E’ da considerarsi una promozione?

  • Bislaccate quotidiane

Andrea Landi (aka Sanjai) ha scritto alle 17:08

Bislacca: “siamo in diretta fino alle 19.50″. Alè!

  • Xfactor, i finalisti della categoria 16/24

Andrea Landi (aka Sanjai) ha scritto alle 19:40

ORNELLA FELICETTI
SILVER
CHIARA RANIERI
MARCO MENGONI

Per riassunto e commenti del daytime di ieri (Boot Camp/Morgan) clicca qui





14
agosto

MIRIAM LEONE: L’ULTIMA EROINA DEL FEMMINISMO POST VELINE

Miriam Leone @ Davide Maggio .it

E’ innegabile. Anche il mondo televisivo è pervaso di quel maschilismo imperante che associa immediatamente una velina ad una ragazza che non sa fare altro che mostrare le proprie grazie, ed una miss ad una sognatrice che, non potendo sfruttare altre doti, mette in mostra il proprio corpo nella speranza che sia valutato migliore di quello delle sue avversarie in corsa per il titolo.

E’ innegabile. Anche le donne soffrono di questo maschilismo, in forme subdole e sottili, e ogni qual volta si trovano a dover fare i conti con un sorpasso di una di queste veline o miss ai loro danni, questo sentimento carico di pregiudizio e snobbismo viene fuori in tutta la sua forza e con tutta la sua carica pseudo-intellettuale. Peccato che tutto questo alimenti il mito delle donne che non sanno essere solidali con le donne, quel mito che diventa realtà in quei reality in cui le femminucce passano il tempo a farsi fuori l’un l’altra, in una masnada autodistruttiva, mentre i maschietti fanno branco e le guardano compiaciuti e gongolanti. E’ tutto questo che ha portato Katia e Valeria allo sketch, ormai divenuto di culto, delle aspiranti Miss Italia che “ciao, mi chiamo Valeria, ho un debole per le scarpe e uno per le borse, però siccome vanno abbinate volevo sapere se posso considerarli un debole solo“, oppure “che sia chiaro, mi prenoto, alla prossima domanda devo rispondere io dicendo La pace del mondo“!

E’ innegabile. Certi fenomeni tendono a ripetersi in modo ciclico e ripetitivo. Così, se l’8 marzo 1994 un corteo di femministe, evidentemente un pò confuse, sfilava contro Non è La Rai dichiarando di “Non essere Ambranate, ma studentesse laureate“, oggi c’è un Grande Fratello che, constatata più volte la moria delle concorrenti è costretto a dichiarare che “questa settimana tocca nominare solo i ragazzi, giusto per riequilibrare la situazione“. E se Ambra è riuscita nell’intento di far dimenticare la ragazzina che faceva il playback con la voce di un’altra, a favore di un’attrice capace di vincere tutti i premi che con Saturno Contro potesse aggiudicarsi, adesso è il caso di dare il benvenuto alla nuova eroina del femminismo post-veline, questa Miriam Leone miss, studentessa e novella conduttrice. Incredibile? Solo se siete pervasi di quel maschilismo di cui sopra.


12
agosto

IL PROF CI PROVA CON LA PROFESSORESSA: TEMPESTA ORMONALE DI COLASANTI A UNO MATTINA

Uno Mattina Estate (Arnaldo Colasanti e Miriam Leone)

E’ improbabile che alla prossima tornata di Mattino Cinque la Fede Panicucci si dia all’abbordaggio metereologico del Giuliacci di turno. Mentre è quasi certo che il sexy-tormentone d’antan, ”Dolceamaro”, dovrebbe esserci risparmiato. E questo è già un inizio. Quanto al doppiosensismo imperante, si vedrà. Chi pensasse, però, che la deriva “scollacciata” dei progammi del mattino (casalingue di Voghera, all’attacco!) riguardi solo il divano di Barbara D’Urso, si ricreda. Non che Miriam Leone, la Miss Italia in carica ad Uno Mattina Estate, si sia data alla lap dance selvaggia tra il tiggì delle nove e quello delle nove e mezza, tra un bagnino protestante e un’esperta in punture di medusa - sia mai, è la volta buona che Mirigliani non regge.

La notizia di oggi è che il suo co-conduttore, il (finora) placido Arnaldo Colasanti – 52 anni, scrittore, vincitore del premio Grinzane, già prof. a contratto nella facoltà di Lettere e Filosofia di Tor Vergata - fa il piacione con le ospiti. Stando a quanto riporta il Corriere della Sera, i fatti risalgono allo scorso 6 Agosto. Quella mattina partecipa al programma per parlare di disavventure estive anche una certa Rita, insegnante trentasettenne di bell’aspetto. Alla fine della diretta l’intraprendente prof. Colasanti riesce a procurarsi il cellulare della piacente collega e parte all’attacco: “Ho preso in redazione il tuo numero. Vorrei rivederti presto“, scrive con invidiabile noncialanza, “Se la cosa fosse scortese, dimmelo e questo sms si distruggerà in 30 secondi…” Firmato: Arnaldo Colasanti.

Ora: il problema è che il galeotto messaggino non si è distrutto. Anzi: come sarebbe successo a un qualsiasi Lino Banfi all’abbordaggio della foca di turno, è finito nelle mani sbagliate, quelle del di lei fidanzato. Il quale chiama il prof: “Una telefonata incredibile“, dice Colasanti sempre al Corriere, ”Ho scritto rivediamoci, ma così, e ho mandato un messaggio proprio per non disturbare.“ Vabbè, crediamogli.





27
luglio

LA RAI NELL’ERA GRAZIALE /3: “MILLE GRAZIE: LA GRAZIA DECADUTA, LA GRAZIA TRASPARENTE E LA GRAZIA CATERPILLAR”

La Rai nell’Era Graziale (Lorena Bianchetti, Lorella Landi, Miriam Leone)
La Rai nell’Era Graziale (Lorena Bianchetti, Lorella Landi, Miriam Leone)

Oggi, in questo terzo numero de La Rai nell’Era Graziale,  ci  occuperemo delle grazie minori di Fabrizio Del Noce. Quelle tre grazie, cioè, che o perchè rinnegate (la Grazia Decaduta), o perchè fatte cascare dalla cicogna sulla rete sbagliata (la Grazia Trasparente), o perchè riconosciute in tarda età (la Grazia Caterpillar), non hanno lasciato un segno evidente durante gli anni del mandato del loro tele-Papi, ma al quale devono tributare, comunque, un loro piccolo, personale e sentito… grazie.

Iniziamo dalla grazia decaduta. Lorena Bianchetti è la prima grazia tele-zitella del dopo Del Noce. Per la povera Lorena, infatti, a dispetto di iniziali rumoursnon è rimasto nemmeno Mattina in Famiglia, il meno ambito dei Guardì-programmi (causa sveglia all’alba). E tutto ciò nonostante RaiDue abbia arruolato un plotone tutto rosa di vecchie e nuove conduttrici per la prossima stagione. La beffa oltre il danno, in sostanza. Ma cosa è successo alla Bianchetti? Perchè, tutto d’un tratto, si è trovata a dover chiedere “elemosina catodica” alla seconda rete di Stato che per lei, abituata al primo canale, già di per sè, suonava come un declassamento? E’ successo che il buon Fabrizio Del Noce, dopo tre anni di ininterrotta fiducia nell’affidarle la conduzione del (disatroso) segmento “rosa” di Domenica In, ha fatto dietrofront e non le ha rinnovato l’affitto del giorno dì di festa.

Sarà stata una svista, oppure una dimenticanza, o forse ancora una scelta consapevole, fatto sta che Lorena, in pratica, è stata rinnegata dal suo ex direttore. E, quindi, con un curriculum vitae lungo (che affonda le sue radici nella Corrida con Corrado e prima ancora, quale ballerina, in Piacere RaiUno) ma privo di significative esperienze (eccetto sette anni di A Sua Immagine ed un’annata di Al Posto Tuo), alla Bianchetti è rimasto solo un misero programma in radio ed un giovane fidanzato con cui consolarsi. Noi, per il prossimo anno, ci permettiamo di suggerire l’Isola dei Famosi: vacanza per vacanza, almeno lì verrebbe pagata e l’esilio dal video sarebbe pure interrotto.


20
luglio

LA RAI NELL’ERA GRAZIALE /2: “ANCORA GRAZIE: LA GRAZIA ALGIDA, LA GRAZIA SFORTUNELLA E LA GRAZIA SCARLATTA”

La Rai nell’Era Graziale: Elisa Isoardi, Eleonora Daniele e Veronica Maya 

Prosegue il nostro viaggio con “La Rai nell’Era Graziale“, il vademecum di DM sul “settennato” di Fabrizio Del Noce da “staccare e conservare”. Nel numero precedente abbiamo parlato della Grazia Regina, alias Caterina Balivo; oggi continueremo con le altre tre grazie in odor di corona: la Grazia Algida, la Grazia Sfortunella e la Grazia Scarlatta.

Iniziamo con la grazia algida. Imperturbabile accanto al dinoccolato Luca Giurato, fredda come un iceberg di fronte allo spaesato Michele Cucuzza, Eleonora Daniele è, dal 2005, l’indiscussa padrona di casa di Uno Mattina. Dai natali in casa Mediaset (qualche apparizione come figurante a La Sai l’Ultima e la partecipazione non memorabile ad un’edizione altrettanto non memorabile del Grande Fratello, la seconda, nel 2001), la Daniele è passata per una serie di comparsate in  fiction (tra cui Un Posto al Sole e Carabinieri 3) e qualche piccolo ruolo al cinema ed a teatro (spaziando, rispettivamente, da Vanzina a Pirandello!), fino a prendere definitivamente alloggio nella televisione pubblica (agli esordi in Rai, con molti sforzi di memoria, ricordiamo la sua conduzione di Futura City, magazine di RaiDue su attualità e nuove tecnologie).

L’utile palestra del contenitore mattutino di RaiUno la vede impegnata da cinque anni, ormai, tra interviste, attualità e rubriche varie che la bionda Eleonora affronta con piglio sicuro (e cartelletta alla mano), qualche occhiaia di troppo, e la licenza di non emozionarsi. Sì, perchè la Daniele non sa cos’è il pathos, parla con una voce robotica, ma è misuratanon invadente, e, dopo anni di forzati risvegli insieme, a noi tutti è diventata persino familiare; tanto che, come suo ultimo lascito, Noisette ha confermato per la prossima stagione la coppia Eleonora-Michele.


13
luglio

LA RAI NELL’ERA GRAZIALE /1: “E TANTE GRAZIE! (LA GRAZIA REGINA)”

La RAI nell’Era Graziale
La Rai nell’Era Graziale

La Rai nell’Era Graziale entra nel vivo. Iniziamo, allora, il nostro tele-racconto in nove puntate parlando della più importante creazione avvenuta durante il mandato di Fabrizio Del Noce. Ci riferiamo a quattro giovani e (chi più, chi meno) promettenti ragazze, prontamente ribattezzate “le quattro grazie”, piazzate dall’ex direttore di RaiUno in ogni piega (o piaga?) del palinsesto: dal daytime, di cui detengono lo scettro indiscusso, fino ad incursioni (spesso disastrose) anche nel prime time. 

Partiamo, con colei che abbiamo rinominato la grazia regina: Caterina Balivo. Caterina Balivo è quello che si può definire un personaggio partorito da mamma Rai ed allevato dal suo pigmalione Del Noce. Napoletana, classe 1980, terzo posto a Miss Italia ‘99, qualche tentativo come attrice (anche a teatro), piccole conduzioni e timidi passi quale inviata (Miss Italia, Miss Italia Top e Miss Italia Notte).

Uno Mattina ed il suo spin-off estivo, la incoronano come “personaggio parlante”, seppur in limitati blocchi, assieme ad altre ragazze di belle speranze (di cui oggi si sono perse le tracce). Il grande salto avviene nel 2003, a Casa RaiUno, al fianco di Massimo Giletti, in uno spazio, quello del dopo caffè, che due anni dopo sarebbe diventata la sua casa.