TV Satellitare



2
settembre

TIVU’SAT STENTA A PRENDERE IL VOLO: I POCHI DECODER COSTANO TROPPO

TivùSat stenta a prendere il volo 

Ad un mese dal lancio, TivùSat, piattaforma satellitare gratuita promossa da Rai, Mediaset e Telecom Italia Media, non ha ancora preso il volo e, forse, ci vorranno ancora molti mesi affinchè possa farlo. La piattaforma è nata lo scorso 31 luglio con lo scopo primario di raggiungere le aree più impervie del territorio italiano dove il digitale terrestre non potrà mai arrivare.

Negli annunci di lancio si parlava di una piattaforma completamente gratuita ma, a guardare gli scaffali dei negozi di elettronica, non è realmente così. All’assenza di canoni di abbonamento corrisponde, infatti, il costo elevato dei decoder per il decriptaggio delle trasmissioni. I canali sono fruibili solo con l’uso dei decoder marchiati TivùSat e della smart card venduta in abbinamento. Tutti gli altri decoder, da quello di Sky a quelli free, non possono leggere la nuova codifica Nagra e quindi i loro utenti non possono usufruire dei canali della piattaforma.

La “questione codifica” è venuta alla ribalta il 12 agosto scorso quando gli italiani che guardavano RaiUno con il decoder Sky o con un semplice decoder gratuito, a pochi minuti dall’inizio della partita Svizzera-Italia si sono trovati davanti uno schermo completamente nero, sintomo di assenza di trasmissione decriptabile. Solo i decoder della piattaforma gratuita hanno potuto decriptare il canale ma, vista la scarsa diffusione, pochissimi italiani hanno beneficiato dell’offerta e sabato prossimo con Italia-Georgia potrebbe ripetersi quanto accaduto.




18
luglio

SKY GUARDA AL CINEMA ITALIANO: IL 31 LUGLIO NASCE SKYCINEMA ITALIA (ANCHE PER SOSTITUIRE RAISAT)

SkyCinema Italia

Capolavori di grandi maestri del cinema made in Italy, da Fellini a Germi, da De Sica a Tornatore e più in generale di tutto il grande schermo italiano, dagli anni 40 agli anni 90. Sarà questo ciò che offrirà ai propri abbonati il nuovo canale della piattaforma di Murdoch dal 31 luglio prossimo. SkyCinema Italia, questo il nome scelto, occuperà il canale 314 dei decoder satellitari Sky.

SkyCinema Italia dedicherà alcune serate ad attori, registi e a film pluripremiati: quella del 3 agosto sarà dedicata ad Adriano Celentano, con “Segni particolari bellissimo”, seguito da “Yuppi Du” in versione restaurata; il 7 agosto una première con “Mignon è partita”, opera prima di Francesca Archibugi, premiata con 2 David di Donatello e 2 Nastri d’argento; il 27 agosto “Pacco doppio pacco e contropaccotto” di Nanni Loy. Ogni martedì in prima serata, il ciclo “Martedì da maestro” proporrà, invece, rassegne dedicate ai registi italiani più amati (durante il mese di agosto il canale renderà omaggio a Sergio Leone, con la trilogia del dollaro e “Giù la testa”).

Il canale punterà a raccogliere una ampia fascia di pubblico che probabilmente, proprio dal prossimo 31 luglio, rimarrà orfana di RaiSat Cinema. Il canale Rai dedicato al cinema italiano e internazionale, infatti, rientra nella trattativa tra la tv di Stato e la pay tv satellitare che proprio in questi giorni è al giro di boa. Se Sky non dovesse alzare l’offerta, i vertici Rai sarebbero pronti a lasciare la piattaforma per approdare su TivùSat, la nascente piattaforma satellitare free che la Rai presenterà il prossimo 22 luglio insieme a Mediaset e Telecom.


28
gennaio

IL 2 FEBBRAIO ARRIVANO SUL DIGITALE TERRESTRE “RAI STORIA” E IL SUPER BOWL IN HD

Rai Storia @ Davide Maggio .it

Rai Storia

Partirà alle 8 di lunedì 2 febbraio, il nuovo canale Rai Storia che sostituirà Rai Edu 2. Il canale, presentato dal vice dg della Rai Giancarlo Leone durante la IV Conferenza nazionale del digitale terrestre a Roma e anticipato da noi a metà gennaio, sarà diretto da Giovanni Minoli, già alla direzione della divisione Educational. La programmazione, seppur non ancora nota, dovrebbe essere simile a quella della fascia Rai Edu Storia trasmessa ora su Rai Edu2 dallo scorso novembre.

Rai Storia sarà disponibile sul mux B dove andrà a sostituire Rai Edu 1 (in Sardegna sul Mux 4) e sulla tv satellitare (satellite HotBird 8). Il logo del canale, visibile in un video proiettato durante la conferenza, riflette lo stile di quello di Rai4: è formato da due riquadri affiancati orizzontalmente nei quali ci sono la farfalla della Rai (in giallo su sfondo blu) e la dicitura “storia” (in blu su sfondo giallo).

Sempre il 2 febbraio, tra mezzanotte e le 4, vi ricordiamo che verrà trasmesso, sul digitale terrestre a Torino e in Sardegna, la 43esima edizione del Super bowl in Alta Definizione mentre il resto d’Italia dovrà rinunciare all’alta definizione potendo contare su Rai Due e Rai Sport Più dove la tramissione, a meno di modifiche dell’ultim’ora, dovrebbe avvenire in formato panoramico 16:9.





14
dicembre

TV GENERALISTA IN CRISI. RECORD DI ABBONATI PER SKY

grafico.gif

Se qualche mese fa il noto settimanale statunitense ‘Variety’ con l’articolo ”Mediaset Mubble” (la confusione di Mediaset) sottolineava il forte calo degli ascolti e delle vendite degli spazi pubblicitari sulle reti del biscione, adesso arrivano dei dati ufficiali che parlano, più in generale, di una crisi  delle tv generaliste, canali Rai compresi.

Secondo l’autorevole studio di Media talia, che ha elaborato e confrontato i dati Auditel (dal 2003 ad oggi) con quelli Gfk relativi al sell out di apparecchiature Dtt, dal 2003 all’ottobre 2008 Rai e Mediaset hanno perso, rispettivamente, ben 3,3% e 4,5% di share. Ma non basta. I sei canali generalisti sarebbero destinati a perdere altri 10 punti di share, passando al 72%, entro il non lontano 2012. Un quadro non certo rassicurante, che fa presagire una vera e propria ‘crisi delle reti generaliste’.

Ma dove finisce questa ‘abbondante e gustosa fetta di pubblico’? E’ forse il pubblico in rivolta ad alzarsi dai divani per protestare contro la cosiddetta tv spazzatura, che parrebbe abbondare sul piccolo schermo italiano? Proprio per nulla. Sembra di essere in presenza di una vera e propria migrazione verso le tv satellitari, che beneficerebbero, secondo lo studio in oggetto, di un aumento del 6,6%. Proprio la Sky di Rupert Murdoch, tanto in tumulto in queste ultime settimane per il discusso aumento dell’Iva, avrebbe uno share (riferito agli abbonati) pari al 36/37%. Ma sarebbero sopratutto i bambini (4-14 anni) e i giovani (15-34 anni) a prediligere i canali satellitari. Cosa che ovviamente spiegherebbe il maggior calo per le reti Mediaset (rispetto a quello della tv di Stato), le quali hanno da sempre attirato un pubblico più giovane.


26
novembre

LAS VEGAS, LA QUINTA STAGIONE IN ESCLUSIVA DALL’8/12 SU FOX

Las Vegas @ Davide Maggio .it

Arriverà il giorno dell’Immacolata su Fox la quinta stagione di Las Vegas, il serial che vede alla produzione esecutiva Gary Scott Thomsom, reduce dai successi di “The Fast and Furious” con Vin Diesel, “2 Fast 2 Furious”, “Hollow Man” con Kevin Bacon, del film cult “Split Second” e di “88 Minutes” con Al Pacino.

Ogni lunedì a partire dalle 21.15, il canale 110 di Sky vi proporrà due episodi della serie, anche quest’anno ambientata al Montecito Resort and Casino, il casinò più all’avanguardia della città del peccato. Il casinò farà da sfondo alle avventure del personale della sala nonchè dei clienti che lo frequentano, primi su tutti le “balene” che sfruttano la città americana come scaccia pensieri e per divertirsi in compagnia delle hostess.

Una delle protagoniste di questa serie, infatti, è proprio la responsabile del servizio d’accoglienza del casinò: Sam (Vanessa Marcil) donna bellissima e, come tutte le belle donne, avida di denaro e potere accompagnata dal nuovo direttore del casinò Jim Cooper, interpretato da Tom Selleck, l’icona di Magnum P.I.





20
novembre

MATRIOSKHI 2: LA TRATTA DELLE SCHIAVE DEL SESSO TRA EUROPA E ORIENTE

Matrioskhi 2 @ Davide Maggio .it

Girata tra Thailandia, Bulgaria, Belgio ed Ucraina e basata su fatti realmente accaduti, approda su FX la seconda stagione di Matrioskhi.

Ogni mercoledì a partire dal 3 dicembre alle 22.50, il canale 113 di Sky proporrà la serie belga che analizza gli ingenti traffici “commerciali” della prostituzione minorile tra estremo oriente, est europa e Belgio.

La serie racconta la storia dei trafficanti Ray Van Mechelen, interpretato da Peter Van den Begin, e Eddy Stoefs, portato sul set da Luk Wyns, che, dopo tre anni di prigione, vengono rilasciati e scoprono che il loro complice Jan Verplancke (Alex Daeseleire) è scappato con tutti i loro soldi a Pattaya, in Thailandia. Senza pensarci due volte, i due antieroi partono per l’isola ma invece del bottino, interamente speso da Jan, trovano quattro giovani locali pronte per essere vendute in Europa.


5
novembre

AL VIA RAI EDU STORIA, SU SAT E DTT L’ANTI HISTORY CHANNEL

Rai Edu Storia @ Davide Maggio .itE’ appena nato (lunedi alle 20) Rai Edu Storia, la naturale evoluzione di Rai Edu 2, che vede nelle vesti di art director Giuseppe Giannotti e in quelle di direttore l’instancabile presentatore de “La Storia siamo noiGiovanni Minoli.

Il canale ha un palinsesto composto da due blocchi di programmi. Il principale ha inizio alle 20.00 e avrà, ogni giorno, un filo conduttore che caratterizzerà i programmi realizzati dalla divisione Educational di mamma Rai. Oltre al già citato “La Storia siamo noi”, sono in programmazione anche “Cultbook” dedicato alla lettura, “Magazzini Einstein” con taglio scientifico e ”Un Mondo a Colori” dedicato agli immigrati in Italia. Il blocco, della durata di quattro ore, è inoltre impreziosito dai contributi provenienti dall’archivio di Rai Teche che offre documentari storici e grandi inchieste giornalistiche.

Alle 8.00 e alle 18.00 è proposto un secondo blocco dedicato ai programmi abitualmente trasmessi sul canale come “Tv Talk“, “Art News“, “Un Mondo a Colori“, “Economix“, “Visioni Private“, “Scrittori per Un Anno” tutti interamente prodotti da Rai Educational.


1
ottobre

HIP HOP TV, DAL 1 OTTOBRE SU SKY

Hip Hop tv @ Davide Maggio .it

Da quest’oggi anche i patiti dell’hip-hop avranno un canale a loro dedicato. Vedrà la luce, infatti, Hip Hop tv il nuovo progetto musicale sulla piattaforma  satellitare Sky di Seven Music Entertainment, che arriva dopo la ben rodata Rock tv.

Alla base della programmazione del canale la rotazione musicale intervallata da produzioni originali tra le quali “Mi Casa” condotta dal noto dj e direttore artistico della rete, Max Brigante, che farà da filo conduttore alla programmazione del canale, “My Hip Hop tv” dedicato ai telespettatori che sceglieranno cosa andrà in onda e “Open Mic” dove i migliori video urban verranno presentati dalla viva voce dei protagosti della scena hip hop nazionale.

Il programma di punta, come per qualsiasi tv musicale che si rispetti, sarà “Urban Charts”, in onda tutti i giorni alle 14.00 e alle 20.00, che proporrà le classifiche ufficiali del canale condotte da giovani aspiranti vjs italiani selezionati ogni mese tramite il myspace del canale. Gli aspiranti vjs dovranno realizzare un video, scattare una foto o cantare una canzone, inserirli sul proprio profilo myspace e, tramite l’add al myspace di Hip Hop tv, proporre il tutto alla redazione.