TG4



18
gennaio

MARIO GIORDANO A CAPO DELLA NUOVA AGENZIA “NEWS-MEDIASET” (ASPETTANDO LA RETE ALL NEWS)

L’informazione Mediaset si re-inventa e rimescola le sue carte nel nome del progresso (e dei costi da razionalizzare). Nessun avvicendamento tra i direttori oppure nuovi colpi a sorpresa tra i volti noti (il ritorno di Mentana è ancora “solo” un rumor): la novità del Biscione si chiama “News-Mediaset” e sarà la nuova agenzia (interna) diretta da Mario Giordano. Cosa cambia?

Dal punto di vista dei telespettatori poco, dal punto di vista dell’azienda invece cambia la struttura che punta ad avvicinare sempre più il mondo analogico di Mediaset con quello del digitale. Il “veicolo” per l’avvicinamento, oltre alla neonata agenzia, sarà la futura rete “All News” (sul modello di Sky tg24), ma andiamo per gradi e cerchiamo di far quadrare il cerchio.

L’agenzia “News-Mediaset” assorbirà molti giornalisti del Tg4 e di Studio Aperto, mentre rimarranno nei due tiggì le linee di direzione e alcuni  anchormen. Questo vuol dire che i Tg di Rete4 e  Italia 1 si “riforniranno” dei servizi realizzati dall’agenzia unica (che raccoglierà al suo interno anche le sedi regionali), e li metteranno in onda. In questo modo Mediaset, non solo otterrà una razionalizzazione della struttura e dei costi (senza tagli alle risorse, per il momento), ma si avvia a creare quell’ “organo redazionale unico” indispensabile per la creazione della rete “All News”, che pure verrà diretta da Mario Giordano.




14
gennaio

DM LIVE24: 14 GENNAIO 2010. IL TG4 SCIOPERA PER LA SOPPRESSIONE DELL’EDIZIONE DELLE 13.30

DM Live24: 14 Gennaio 2010

>>> Dal Diario di ieri…

  • Nuovo sciopero a Mediaset

AleJonica ha scritto alle 22:02

[ANSA] Sciopero del Tg4 il 20/1 contro la soppressione dell’edizione delle 13.30

L’Assemblea del Tg4 proclama all’unanimità una giornata di sciopero dei giornalisti per mercoledì 20 gennaio contro la decisione dell’azienda di cancellare l’edizione del telegiornale delle 13.30.

“Sarà ampliata l’edizione delle 11.30 ma – spiega una nota – privando i telespettatori di un appuntamento tradizionale all’ora di pranzo che esiste fin dalla nascita del tg. Un riassetto motivato dagli scarsi ascolti che non sono certamente imputabili al lavoro dei giornalisti. A questo si aggiunge la soppressione dal palinsesto 2010 del settimanale di approfondimento del Tg4 Passwor*d. La scelta dell’azienda che comporta un impoverimento dell’offerta informativa del Tg4 e una radicale riorganizzazione del lavoro arriva a poche settimane dell’annuncio di un drastico ridimensionamento della testata con lo spostamento di 30-35 giornalisti ad un’agenzia giornalistica, per la cui definizione è in corso una delicata trattativa sindacale”.

Per questo motivo, l’assemblea del Tg4 chiede un immediato incontro con i vertici aziendali e affida un pacchetto di ulteriori due giorni di sciopero al comitato di redazione.

  • Alba Parietti in radio

lauretta ha scritto alle 15:05

Alba Parietti, allontanata ancora per motivi sconosciuti da Rai 1, starebbe preparando una trasmissione in radio a suo dire “stravolgente, destinata a diventare un cult della radio”. È gia stata registrata la puntata zero e andrà in onda presto su un network a livello nazionale. E noi naturalmente non vediamo l’ora!


11
maggio

IL SIPARIO DI RETEQUATTRO SI APRE AD UNA NOVITA’: AL TIMONE DEL ROTOCALCO ARRIVA ELEONOIRE CASALEGNO

Elenoire Casalegno A Sipario @ Davide Maggio .it

Tramontata pe il bene del “popolo catodico” l’ipotesi Martani, è tempo di un nuovo volto a Sipario. Emilio Fede ha pensato bene di accordare “il permesso a bordo” ad Elenoire Casalegno, di cui si era parlato ultimamente come possibile concorrente della Fattoria brasiliana di Paola Perego. Dopo aver dichiarato alle nostre telecamere di aver paura della convivenza con altri volti celebri dello spettacolo, e di non essere quindi troppo adatta al reality, Elenoire torna sugli schermi con il rotocalco del Tg4. Ogni giorno dal lunedi’ al venerdi’, alle 19.25 circa, al termine del TG4 della sera, Sipario proporrà, come di consueto, notizie, curiosità ed interviste, con uno sguardo sempre attento sul gossip e sulla cronaca rosa. Ma la Casalegno non sarà sola.

Ad alternarsi con lei, un volto già noto agli spettatori di Retequattro, Raffaella Zardo, impegnata con il teatro in alcuni periodi nell’anno; la Casalegno va dunque ad aggiungersi alla nutrita schiera di conduttrici del contenitore: Mirca Viola, Antonella Mosetti, Vincenza Cacace, Eleonora Di Miele, Benedetta Massola, Elisabetta Gregoraci, Katia Pedrotti, Elena Barolo, Teodora Rutigliano, Eleonora Pedron, Ellen Hidding, Elena Guarnieri, Francesca Senette sempre scelte dal direttore del Tg della rete, Emilio Fede, che ha parlato della Casalegno in toni ricchi d’entusiasmo – “E’ molto bella, intelligente e piena di ironia. Mi piace molto e mi sembra perfetta per alternarsi con Raffaella Zardo“.





6
maggio

INSIEME A TE NON CI STO PIU’. IL DIVORZIO DEL SECOLO, QUEL SENTIMENTALONE DI EMILIO FEDE E IL PADRE CONFESSORE BRUNO VESPA

Silvio Berlusconi e Veronica Lario

È ormai sulla bocca di tutti. Fiumi d’inchiostro sui giornali, la rete impazzita, la portiera ne spettegola con i condomini, solo la televisione, e in particolare l’informazione, sembra stranamente disinteressata al divorzio del secolo. Ebbene sì, se quello fra Carlo e Diana, nel lontano 1981, è stato ribattezzato il matrimonio del secolo, l’annunciata rottura dell’unione trentennale tra Silvio Berlusconi e Veronica Lario, sembra avere tutte le carte in regola per essere ricordata dai posteri come l’evento di cronaca rosa più rilevante degli ultimi anni.

Curiosamente, in questa occasione, la nostrana informazione televisiva, da sempre pronta a infarcire i propri notiziari con servizietti pruriginosi dal disgustoso sapore di becero gossip, si è arroccata in un’intransigente posizione di discrezione e riserbo nei confronti di un fatto privatissimo e doloroso. Massimo rispetto, per carità, ma permetteteci di rimanerne sorpresi. Roba che, fossero stati altri i protagonisti, Studio Aperto c’avrebbe campato un mese di rendita! Eppure si tratta di quella stessa informazione che, invocando il sacrosanto diritto-dovere di cronaca, non si è fatta mai tanti scrupoli a offrirci nei minimi dettagli immagini e racconti di cruenti omicidi, di delicatissime questioni di coscienza o a irrompere, con imbarazzante invadenza, nella tenda di un terremotato disperato per chiedergli: “Come ci si sente ad aver perso tutto, casa, famiglia e lavoro?”. 

Eppure sono stati gli stessi protagonisti a rendere pubblica la vicenda sin dai tempi della famosa lettera a Repubblica in cui donna Veronica rimbrottava l’arzillo marito per la sua eccessiva galanteria nei confronti del gentil sesso. Comprendiamo la lontananza, le dimensioni, verosimilmente, faraoniche delle loro residenze, ma certo una telefonata o una bella scenata casalinga sarebbero state scelte più logiche da parte di chi avesse voluto mantenere il riserbo sui propri dissapori familiari.


17
aprile

BREVEMENTE: ARGOMENTI ED OSPITI DEI PRINCIPALI PROGRAMMI DEL 17 APRILE 2009

Alfonso Signorini
brevemente2.gif

  • TG4: alle 18.55 su ReteQuattro

Dopo le polemiche su Annozero e dopo le dichiarazioni di Michele Santoro su Emilio Fede e il suo Tg4, poichè Santoro ritiene che Annozero è un Tg4 ma fatto meglio, Emilio Fede stasera nell’edizione del Tg4 delle 18.55 inviterà Santoro e Vauro a recarsi nell’unica chiesa non crollata dell’Aquila, così potrà verificare quanto c’è della sua credibilità e quanto apprezamento c’è da parte della gente.

A pochi giorni dalla Conferenza internazionale Onu sul razzismo che inizierà lunedì prossimo a Ginevra, Lilli Gruber e Federico Guiglia ospiteranno a “Otto e mezzo”, l’attrice Francesca Reggiani, tra le testimonial della campagna “Non aver paura” e gli scrittori Antonio Scurati e Francesca Di Martino. All’interno la rubrica “Il punto” a firma di Paolo Pagliaro.

Questa settimana si esibiranno insieme ai loro “Raccomandati” Orietta Berti, Nathalie Caldonazzo, Tosca D’Aquino, Giampiero Ingrassia, Adriano Pappalardo, Renato Pozzetto, Ivana Spagna, Little Tony. Continua anche l’attività della coppia di “Avvocati difensori” Maurizio Casagrande e Luca Giurato che sosterranno le coppie a loro assegnate. Presenti, come ogni settimana, il Maestro Pregadio e Gianni Ippoliti.

Mi Manda Raitre torna in Abruzzo per dare voce alle richieste dei terremotati con servizi ed interviste realizzati a L’Aquila e negli altri centri colpiti dal sisma. Andrea Vianello si occuperà anche di scarpe prodotte in Cina. Alcuni cittadini lamentano di aver avuto problemi a causa di sostanze tossiche contenute nei prodotti acquistati. Chi effettua i controlli? Quali le tutele per i consumatori italiani? La trasmissione parlerà, inoltre, di previsioni meteo: il maltempo spinge molti a rinunciare ad un fine settimana fuori porta e a disdire le prenotazioni. Alle volte, però, capita che al posto della pioggia ci siano sole splendente e temperature miti. In questi casi turisti ed albergatori hanno diritto ad un risarcimento?





19
marzo

TG CHE VAI, POLITICO CHE TROVI

Loghi TG

Che i telegiornali italiani siano, costantemente, impantanati nelle infide sabbie mobili della politica non è, certo, una novità. L’italica corsa alla notizia rischia però, oggi più che mai, di trasformarsi in una forsennata lotta a chi blandisce più e meglio il politico di turno attraverso stucchevoli e mal digeribili panegirici. Naturalmente, ognuno il suo. Con buona pace, dunque, dei cittadini e del loro sacrosanto diritto a essere informati in maniera completa, precisa e imparziale.

I dati sul pluralismo politico-istituzionale, relativi al gennaio 2009, diffusi dall’ Autorità garante delle comunicazioni, (dati in cui, per la prima volta, figura anche Skytg24), ci offrono un interessante spaccato sul rispetto delle norme relative alla par condicio da parte dei tg. Lo stesso organismo di garanzia, d’altra parte, è più volte intervenuto, in un recente passato, a sollecitare alle emittenti un riequilibrio del “tempo di parola” (quello in cui il soggetto politico o istituzionale parla direttamente) fra le forze politiche e fra le forze politiche e il governo.

Scorrendo i dati, si evince un sorprendente sorpasso del Pd ai danni del Pdl, in termini di presenza nei notiziari, (Tg1 Pd 18,53% / Pdl 16,51%, Tg2 Pd 15,12% / Pdl 14,14%, Tg3 Pd 25,92% / Pdl 13,48, Tg5 Pd 14,54% / Pdl 11,11, Studio Aperto Pd 19,22% / Pdl 18 ,77%, Tg La7 Pd 15% / Pdl 6,01, Skytg24 Pd 23,79% / Pdl 9,83%). Un recupero, quello del Pd, che risulta, però, drasticamente ridimensionato, se non addirittura vanificato, se ai dati del Pdl sommiamo quelli relativi allo spazio dedicato al Premier in persona e al Governo.


13
marzo

PASSWOR*D FASE DUE: LE INCHIESTE DI EMILIO FEDE TORNANO E APPRODANO IN SECONDA SERATA

Emilio Fede @ Davide Maggio .it

L’esordio di Passwor*d, settimanale di informazione e approfondimento diretto e condotto da Emilio Fede su Retequattro, aveva dimostrato quanto la sfida del direttore del tg4 fosse azzardata, e permetteteci di dirlo, persa in partenza.
 
Dopo una prima puntata che non aveva per niente entusiasmato il pubblico del lunedì, il giorno di programmazione fu immediatamente cambiato ma anche destinando le inchieste di Fede al mercoledì non si è ottenuto l’effetto sperato. La conseguenza è l’approdo in seconda serata del nuovo ciclo di inchieste. A partire da sabato 14 marzo, ogni settimana, a mezzanotte e trenta, Passwor*d occuperà, infatti, lo spazio notturno che nella scorsa stagione è stato di Sipario Notte.

Sapevamo che sarebbe stata una serata difficile – aveva commentato Giuseppe Feyles, direttore della rete, dopo la prima puntata del programma – soprattutto considerando i competitor, dal Grande Fratello a X Factor; siamo molto contenti della qualità del prodotto, ma e’ chiaro che non esistono più serate facili in termini di concorrenza“.


16
febbraio

EMILIO FEDE SFIDA IL GRANDE FRATELLO: CON PASSWORD TORNANO LE INCHIESTE IN DIRETTA

Emilio Fede

L’informazione targata Mediaset ha una carta inedita da giocare: si chiama “Password – Il mondo in casa” ed è il nuovo programma di approfondimento giornalistico condotto da Emilio Fede, in onda per tre prime serate su Retequattro a partire da stasera.

Così, mentre Canale 5  rimane orfana di Enrico Mentana e si prepara ad accogliere un nuovo padrone di casa per Matrix, il direttore del Tg4 sfida il lunedì dei reality, in un’operazione che potremmo definire tanto coraggiosa quanto kamikaze. Contro le ugole d’oro di X Factor e quel Grande Fratello che è stato proprio la causa della “dipartita” di Mentana, Fede schiera una formula composta da servizi di stretta attualità, approfondimenti ed interviste ai protagonisti della grande e piccola cronaca, tornando al modus operandi che decretò il successo delle sue inchieste di Tv7, entrate ormai nella storia della televisione e del giornalismo.

Durante la conferenza stampa di presentazione del programma, Fede si è detto pronto alla sfida e totalmente concorde con la linea editoriale scelta dalla sua azienda, ampiamente spiegata in seguito al mancato spazio dedicato alla morte di Eluana Englaro su Canale 5: “Credo che Enrico Mentana abbia sbagliato a dimettersi (…), sarebbe stato eccessivo tenere tre canali sullo stesso evento“.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,