Teatro Ariston



15
maggio

Il Festival di Sanremo verso l’addio al teatro Ariston? Il Direttore di Rai 1 conferma

Sanremo - Teatro Ariston

La notizia potrebbe avere del clamoroso, soprattutto per i puristi del genere. Il Festival di Sanremo potrebbe presto dire addio alla sua storica location nel teatro Ariston, nel quale la più celebre kermesse canora d’Italia si tiene ormai da quarant’anni (eccezion fatta per il 1990). Si tratta di una boutade? Pare di no, visto che a dichiararlo è stato nientepopodimeno che il direttore di Rai 1 Andrea Fabiano, in una intervista rilasciata al quotidiano La Stampa.




11
febbraio

FESTIVAL DI SANREMO 2016: ADUA DEL VESCO ALL’ARISTON PER SOSTENERE IL FIDANZATO GABRIEL GARKO

Adua del Vesco

L’avventura di Gabriel Garko al Festival di Sanremo 2016 non è iniziata nel migliore dei modi. E non ci riferiamo solo al tragico incidente in cui è rimasto coinvolto ed in cui è morta una donna, ma anche alle continue gaffe e alle difficoltà che l’attore torinese sta riscontrando nel suo ruolo di valletto al fianco di Carlo Conti. Ma a sostenerlo c’è l’affetto incondizionato delle sue fans nonché la fidanzata Adua Del Vesco, giunta nella città dei fiori per stargli accanto.


14
febbraio

FESTIVAL DI SANREMO 2012: BENVENUTI AL TEATRO ARISTON. ECCO DOVE ALLOGGIANO MORANDI E CELENTANO





18
febbraio

ALBA PARIETTI ‘RIMBALZATA’ DALL’ARISTON

Alba Parietti

UPDATEQui una replica di Alba Parietti a DM

Accadono curiosi imprevisti in quel di Sanremo. Per la serie ‘vengo anch’io no tu no’, ieri sera davanti all’Ariston si è consumato un piccolo dramma che ha avuto come protagonista Alba Parietti. Alla conduttrice non è stato concesso di entrare a teatro, dopo che già la Rai le aveva negato un posto in sala. L’imponente cordone di sicurezza, impegnato a scortare l’arrivo di alcuni Ministri, è stato irremovibile anche quando la coscialunga della sinistra tentava di raggiungere la sala stampa (come inviata di Rmc) dall’ingresso principale dell’Ariston. Nulla da fare: no pasarán! La Parietti è stata così inghiottita dalla folla di Sanremo, e si è pure ritrovata a intonare “Bella ciao” assieme ad un gruppo di manifestati del popolo viola che era lì radunato.

Ieri sera l’attrice avrebbe preferito assistere alla serata “tricolore” del Festival, magari seguendo dalle primissime file l’applaudita performace di Roberto Benigni. Agghindata a festa si è avvicinata all’ingresso dell’Ariston, ma lì è accaduto il ‘fattaccio’. ”Forse non ero abbastanza patriottica per la serata. Cosi’ mi hanno lasciato fuori, sono stata fagocitata dal popolo viola e mi sono messa a cantare ‘Bella Ciao’ con loro” ha raccontato la Parietti all’Adnkronos, spiegando poi: “avevo chiesto un biglietto per l’Ariston ma me l’hanno negato…”

Oltre al danno la beffa. “Quello che non mi aspettavo - ha aggiunto Alba – e’ che il cordone di sicurezza particolarmente imponente per la presenza dei ministri mi impedisse anche di percorrere il tappeto rosso per entrare nel foyer del teatro e raggiungere la sala stampa“. Il vedersi negato il pass per il red carpet pare sia stato percepito come un vero smacco dalla Parietti, primadonna inside, la quale ha poi concluso: “Ho condotto un festival e tre dopofestival ed ho lavorato per 30 anni in Rai. Non me la sono presa. Ma è una cosa un po’ ridicola“.


4
marzo

IL PREMIO REGIA TELEVISIVA FESTEGGIA 50 ANNI CON CARLO CONTI. TRA I NOMINATI BRIGNANO CON LA O E IL FATTO DEL GIORNO

50 anni e… non sentirli! Torna il prossimo 18 marzo in diretta dal Teatro Ariston di Sanremo il Premio Regia Televisiva, manifestazione “senza rete” che premia annualmente i migliori programmi della tv, generalista e non. Ideato nel lontato 1961 da Daniele Piombi (ora nel Guinness dei Primati), l’ex Oscar TV si appresta finalmente a spegnere 50 candeline e vedrà alla guida, per il secondo anno consecutivo (nella foto un momento dell’anno scorso), Carlo Conti (che, vista l’occasione, ha ammesso di non saper ancora nulla di Sanremo 2011, “E presto. Ancora faccio un bel po’ di cose, mi diverto, ho l’appuntamento quotidiano con l’Eredità… Sai quante cose mi piacerebbe fare? Mi piacerebbe fare Linea Blu, la Domenica sportiva. Insomma, non c’è fretta”).

Invariata la formula: i più importanti rappresentanti della stampa italiana hanno selezionato le migliori 20 trasmissioni finaliste, 10 delle quali si aggiudicheranno il Premio Regia Televisiva nell’ambita top ten. Top ten che verrà scelta da un’apposita Accademia di Garanzia (guidata come sempre da Gigi Vesigna e composta più che altro da opinion leader) mentre al pubblico da casa tramite il televoto è affidata la scelta del “Miglior programma televisivo dell’anno”. Assenti, quest’anno, il premio Personaggio Rivelazione dell’Anno, non essendoci – a detta dello storico patron – un rappresentante degno di questo titolo, e il premio Miglior TG, inopportuno dato il clima attuale. Confermati invece il “Miglior personaggio maschile” (Carlo Conti, Gerry Scotti e Paolo Bonolis), il “Miglior personaggio femminile” (Maria De Filippi, Antonella Clerici e Milly Carlucci) e la “Migliore fiction” (Il sangue dei vinti, Don Matteo e Lo scandalo della banca romana).

49 edizioni alle spalle, 11 mesi di preparazione, 20 programmi in finale, 130 star sul palco, 90 persone di staff, un’orchestra composta da 40 elementi e 120 giornalisti presenti: questi i numeri della 50esima edizione. E proprio in occasione di quest’importante traguardo, è disponibile nelle librerie “Una Tv da Oscar” (scritto da Daniele Piombi, Gigi Vesigna e Nello Marti ed edito da RaiEri) che racconta 50 anni di televisione, con tutti i retroscena più succulenti del Galà. Si guarda al passato dunque, ma si pensa già al futuro: la prossima edizione sarà infatti caratterizzata dall’avvento del digitale terrestre (quest’anno escluso a causa della poca diffusione) che Piombi apprezza senza se e senza ma assieme alle novità del web (Youtube in primis, “è qualcosa di fenomenale”).

Dopo il salto le 20 trasmissioni in nomination.





9
febbraio

FESTIVAL DI SANREMO 2010: ECCO IL PALCO DELL’ARISTON

“Ai telespettatori non ho mai dato consigli, ma questa volta sento di poterlo fare: guardate Sanremo dal primo istante, da quando si aprirà il sipario… Non posso dire che cosa accadrà, ma ne varrà la pena”.

L’architetto Gaetano Castelli – che firma per la diciassettesima volta la scenografia del Festival di Sanremo – promette sorprese e “magie” sul palco del Teatro Ariston ridisegnato quest’anno soprattutto grazie a ciò che… non si vede. Perché il cuore del Teatro Ariston è un’enorme “macchina”, capace di muovere la scenografia, di darle forma e volume, di farla cambiare, artista dopo artista. Un impianto che ha richiesto settimane di lavoro e complessi calcoli ingegneristici sui carichi consentiti dal teatro. “Un impianto che mi piace definire ‘spaziale’, in tutti i sensi – dice Castelli – E’ scenotecnica, quest’anno, più che scenografia, nel senso che l’utilizzo della tecnologia permette di “muovere” tutto, di dare dinamicità al Festival, di dare a ogni momento di spettacolo e a ogni protagonista una propria irripetibilità”.

Per questo anche la scelta di abbandonare la classica scalinata a favore di soluzioni create dalla tecnologia che “gioca” con la grande pedana di otto metri al centro della scena, mentre l’orchestra occupa ancora il golfo mistico sottostante. Intorno al palco, linee curve e colorate, e pareti mobili con fondali e schermi che propongono immagini e giochi di luce nei diversi momenti dello spettacolo. “Non un lavoro semplice – prosegue Castelli – proprio per la complessità della ‘macchina’ scenica. E per farla risaltare ancora di più, abbiamo scelto elementi semplici a prima vista ma in grado di dare profondità alla scena e lasciar spazio alle sorprese della nostra macchina. Così ho cercato – insieme ai miei collaboratori e a mia figlia Maria Chiara – di sintetizzare il passato delle mie scenografie con la novità tecnologica estrema, facendola diventare spettacolo essa stessa. Un omaggio ai 60 anni di Festival e ai protagonisti di questa edizione”.

[via | Rai.it]